Meno sessantasette

La Regione Emilia-Romagna ha cancellato 67 leggi regionali e 2 regolamenti: un altro passo verso una necessaria semplificazione.

The guardianBasta coi doppioni e gli orpelli inutili, abolizione dei provvedimenti di legge superati da interventi successivi. È questo il senso della delibera approvata oggi dalla Regione Emilia-Romagna, che ha cancellato 67 leggi e 2 regolamenti e previsto 13 interventi mirati in altrettante leggi regionali.

“È un primo risultato del lavoro avviato, un anno fa, dopo l’approvazione della legge sulla semplificazione che ha posto le basi per una verifica attenta di tutte le norme che hanno ricadute dirette sulla vita dei cittadini e delle imprese, e sul funzionamento della Pubblica amministrazione regionale e locale. – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – Le leggi abolite sono state individuate dal gruppo di lavoro che si è costituito tra i tecnici della Regione e i rappresentanti delle parti sociali e delle categorie di volta in volta interessati. È un importante passo avanti per mettere a disposizione leggi più chiare e semplici, riducendo le code agli sportelli e i costi per carte bollate e timbri, migliorando così la vita ai cittadini e soprattutto snellendo i tempi per accedere a un servizio o per aprire un’impresa”.

Il lavoro proseguirà ora per completare il processo di dematerializzazione dei documenti cartacei e per creare banche dati uniche e certificate, affinché tutti gli Enti (Regione, Province, Comuni, …) parlino la stessa lingua. L’obiettivo è quello di liberare i cittadini dall’onere di dover presentare copie di documenti già in possesso delle Pubbliche amministrazioni, o di spostarsi tra diversi uffici per presentare domande o recuperare certificati e autorizzazioni.

Le novità introdotte dalla semplificazione regionale prevedono, infatti, che chi voglia aprire un’impresa non debba più pellegrinare tra più uffici: basterà presentare la domanda all’apposito Suap (Sportello unico per le imprese) e sarà premura degli stessi uffici recuperare tutte le documentazioni e le autorizzazioni necessarie. Allo stesso modo, i certificati anagrafici e personali dei cittadini saranno scaricabili da tutti gli uffici pubblici in rete e non più solo da quelli del Comune di residenza (o dell’Ente che ha emesso il documento in questione).

“Anche in un periodo di scarsità di risorse – conclude Zoffoli – la Regione sta continuando ad investire in tecnologia e formazione, con l’obiettivo di una riforma culturale nell’approccio della Pubblica amministrazione che renda più facile l’accesso ai servizi per i cittadini, e alle autorizzazioni per le imprese”.

È possibile scaricare l’ELENCO delle leggi regionali abrogate cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Meno sessantasette

  • claudia

    Ho visto che è stata abrogata anche la legge regionale per la valorizzazione dei dialetti dell’emilia-romagna. So che la legge regionale 7 novembre 1994, n. 45 ha avuto vita difficile e che non sempre si è dato attuazione a quanto in essa previsto.
    Contributi o fondi per tale valorizzazione sono previsti già in altra legge o è già in fase di valutazione?
    grazie

  • Buonasera, ho imparato dalla rete (pagine facebook di Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi) dell’abolizione della legge di valorizzazione dei dialetti regionali. Ho controllato ed in effetti è inserita nell’elenco di cui si da notizia in questa pagina.
    Al momento non ho informazioni adeguate per dare giudizio in merito, ma mi permetto di chiedere al consigliere quale sia il suo parere anche in considerazione del fatto che in altre parti del suo sito si parla di iniziative di valorizzazione del dialetto romagnolo. Può quindi essere che questa legge non sia stata ritenuta valida al fine di valorizzare i dialetti? Ma quali strumenti abbiamo in questo senso?
    Grazie della auspicata risposta.

  • Gentilissimi,
    la legge regionale recante “Tutela e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna” è effettivamente stata abrogata, ma vi posso garantire che non c’è stata e non c’è alcuna volontà della Regione di “cancellare” l’esperienza di valorizzazione dei nostri dialetti, alla quale, come avete visto anche qui nel mio sito, ho cercato in questi anni di dare un mio piccolo contributo, organizzando, assieme ad associazioni culturali, studiosi della materia, artisti e tanti appassionati, momenti di approfondimento e manifestazioni conviviali, proprio per tenere vivi i nostri dialetti e, tramite essi, le nostre radici e la nostra storia.
    La legge è finita, assieme ad altre 66 e a 20 regolamenti, nell’elenco delle norme cancellate dalla sessione di semplificazione, a fine dicembre.
    La ratio, per tutte, è stata l’inapplicazione dovuta al mancato finanziamento. Insomma, come dice Claudia, la legge non ha mai avuto “vita facile”.
    Del tema si è interessato anche l’Asssessore regionale alla Cultura Massimo Mezzetti, che, proprio oggi, anche su mia sollecitazione, ha inviato una nota alla stampa, che riporto qui di seguito.
    Voglio, per una volta, provare ad essere ottimista: il mio auspicio è che da qualcosa di negativo (l’abrogazione della legge), possa venire fuori qualcosa di positivo (una maggiore attenzione della Regione, ma non solo, ai dialetti, con l’auspicio di trovare qualche alleato in più nella battaglia per la loro valorizzazione).
    Il ripensamento di tutto il “capitolo” cultura, a seguito della soppressione delle Province, come dice anche l’Assessore nel suo testo, penso possa essere l’occasione buona per provare a mettere in campo un ragionamento più complessivo sul tema, al quale sono disponibile a lavorare fin da subito, assieme a tutti coloro che hanno idee da proporre.
    Grazie per l’attenzione.
    Av salut!
    Damiano Zoffoli

    Da: Assessorato Cultura, Sport
    Inviato: martedì 7 gennaio 2014 16:16
    A: A.I.U.S.G. – Agenzia di Informazione e Comunicazione
    Oggetto: Comunicato Regione: Mezzetti: “Abrogata una legge non operativa, non la promozione del dialetto”

    Giunta Regionale – Agenzia di Informazione e Comunicazione
    Prot. N. 4/2014
    Data 07/01/2014

    All’attenzione dei Capi redattori

    Cultura. Dialetti, Mezzetti: “Abrogare una legge non significa eliminare l’importanza della valorizzazione dei dialetti come fattore di formazione culturale e identitaria delle comunità”
    Bologna – “Abbiamo cancellato una legge non operativa da tempo e non abbiamo toccato alcun effetto concreto nel promuovere il dialetto”. Così l’assessore regionale alla Cultura Massimo Mezzetti che precisa: “E’ lo strumento (la legge 45/94) che si è pensato di abrogare, in quanto non più operante e applicato, lungi da noi il solo pensare che con questo si elimini l’importanza della valorizzazione dei dialetti come fattore di formazione culturale e identitaria delle comunità e il fondamentale ruolo che istituti e associazioni svolgono in questa direzione”.
    L’assessore spiega: “Lo spirito dell’azione di semplificazione che la Regione porta avanti, anche attraverso l’abrogazione di leggi regionali, non deve essere confuso con la rinuncia o l’eliminazione degli obiettivi che le stesse si ponevano. Semmai il tema è quello, come detto, di sottrarre la materia alla ‘natura morta’ di una legge inoperante”.
    Nel dettaglio, della tutela dei dialetti si occupa in maniera diretta dal 1995 l’Ibc (con finanziamenti regionali nel 2009 e 2010 di complessivi 100 mila euro) e “l’abrogazione della legge non comporta effetti sul lavoro dell’istituto”, conclude Mezzetti. “Da parte sua, la Regione ha avviato un percorso di riforma normativa sulla cultura – alla luce della riprogettazione delle competenze regionali in riferimento al nuovo assetto delle amministrazioni provinciali – che comprenderà, naturalmente, anche i dialetti”.