Tutelare il vero Made in Italy

A fianco della Coldiretti, in difesa della qualità. Presentata una risoluzione all’Assemblea legislativa.

I Maiali negli allevamentiNel giorno in cui quasi diecimila, tra allevatori e imprenditori agricoli, manifestano al Brennero (con una tappa, prima, in piazza San Prospero a Reggio Emilia) per denunciare i milioni di quintali di carne di maiale che attraversano le frontiere per trasformarsi nel finto Made in Italy che invade le tavole italiane, i Gruppi assembleari del Partito democratico (primo firmatario Damiano Zoffoli), Fds, Sel-Verdi e Idv hanno presentato una risoluzione per chiedere alla Giunta regionale di mettere in atto tutte le misure possibili per prevenire e contrastare l’usurpazione del Made in Italy agroalimentare, a tutela dei consumatori, delle imprese agricole emiliano-romagnole e dei posti di lavoro.

La manifestazione domani si sposterà a Montecitorio, per presentare al Governo un pacchetto di proposte per rendere più trasparente l’attività del settore agroalimentare, attuando in particolare la legge nazionale e comunitaria che prevede l’obbligo di indicare in etichetta l’origine dei prodotti.

Sono le stesse richieste contenute nella risoluzione, allo scopo di “assicurare la qualità, la salubrità, le caratteristiche e l’origine dei prodotti alimentari, in quanto elementi funzionali a garantire la salute ed il benessere dei consumatori ed il diritto ad una alimentazione sana, corretta e fondata su scelte di acquisto e di consumo consapevoli”.

“In Emilia-Romagna – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – negli ultimi dieci anni hanno chiuso tre stalle su quattro, mentre i capi allevati sono calati del 20%. Solo tra il 2011 e il 2012, nella nostra Regione, si sono prodotte 12 mila tonnellate di carni di maiale in meno. La mancanza di trasparenza, che rende indistinguibile il prodotto italiano e confonde i consumatori, favorisce l’espansione delle importazioni di carne, sottraendo spazi di mercato alle nostre produzioni più tipiche, costringendo i nostri allevamenti a chiudere, e mettendo in pericolo l’immagine e la genuinità dei nostri prodotti nazionali. È la concorrenza sleale del finto Made in Italy, che la Regione Emilia-Romagna, non da oggi, è impegnata a combattere”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.