Nuovi alleati nella lotta al gioco d’azzardo patologico

videoslotsNuovi alleati nella lotta al gioco d’azzardo patologico. Il Comune di Cesena, l’Ausl di Cesena, in collaborazione con la Prefettura di Forlì-Cesena e diverse associazioni ricreative e di categoria (Acli, Fiepet, Confesercenti, Fipe, Confcommercio, Arci, Mim), hanno lanciato una campagna informativa di sensibilizzazione contro i rischi del gioco d’azzardo, dall’eloquente slogan: “Gioco, gioco… ma cosa mi gioco?”.

Viene dato seguito, così, all’impegno del Comune su questo fronte, annunciato nel maggio scorso all’incontro, nella sede Pd Cesena, per la presentazione della legge regionale sul gioco d’azzardo patologico.

Negli esercizi pubblici saranno affisse locandine con lo slogan della campagna seguito dall’esplicito messaggio: “Non giocarti il futuro. Il gioco d’azzardo patologico è un problema che si può affrontare”, frutto del tavolo di sensibilizzazione su questo problema attivo da qualche mese.

Altri interventi, tra cui una conferenza-spettacolo venerdì 13 dicembre, saranno dedicati alle scuole, mentre gli Operatori di strada saranno pronti a breve per interventi sul campo, mappando le criticità sul territorio.

“Il gioco d’azzardo patologico è una malattia devastante e subdola – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – un disturbo capace di distruggere nel tempo le persone, trasformandole in schiavi. Per questo l’Assemblea legislativa regionale ha approvato, 5 mesi fa, una legge per contrastare e prevenire i rischi connessi a questa patologia. Purtroppo dal livello nazionale, quando si parla ad esempio di condono per il settore, non giungono segnali incoraggianti. Ma la Regione, per quanto suo potere, continuerà a battersi per contrastare quella che ormai ha assunto i numeri di un’emergenza sociale”.

Solo nella nostra Regione la spesa in gioco d’azzardo è di 1442 euro pro-capite all’anno. Mentre il Sert di Cesena (che classifica l’azzardo patologico come dipendenza dal 2005) ha visto crescere negli ultimi cinque anni i soggetti in carico da 6 a 40, mentre i giocatori patologici nel cesenate oscillerebbero tra 700 e 2mila persone, attirati come falene dalle 35 sale da gioco presenti in città.

La legge regionale di contrasto all’azzardo patologico, oltre a istituire il marchio “Slot freE-R” per i gestori di esercizi commerciali liberi da macchinette, punta su misure sanitarie di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione messe in campo dalle Ausl.

Per accedervi, basta recarsi direttamente in un Sert (senza ticket, né richiesta del medico) dove si verrà presi in carico in modo anonimo e gratuito. Il Sert di Cesena si trova in via Brunelli 540 (“Palazzine” dell’Ospedale Bufalini) ed è aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30 e il sabato dalle 8.30 alle 12.30. È anche possibile rivolgersi all’Associazione giocatori anonimi telefonando al numero 338 1271215.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.