Aiuti per apicoltori: domande entro metà gennaio

BeehivesChi aiuta le api aiuta la natura (e l’economia). La Regione Emilia-Romagna ha stanziato oltre 460mila euro per il sostegno all’apicoltura per l’anno 2013/2014. I fondi rappresentano la prima annualità del programma 2014-2016 (2,12 milioni di euro tra risorse nazionali e comunitarie) annunciato l’estate scorsa.

Il bando, che ha l’intento di migliorare la produzione e la commercializzazione dei prodotti delle api, è stato pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione a inizio mese (n. 358 del 04/12/2013, parte seconda). Le domande per accedere ai contributi dovranno essere presentate entro il 17 gennaio 2014.

Gli apicoltori interessati (sia singoli che associati), l’Osservatorio nazionale del miele e il Cra-Api dovranno fare domanda agli enti territoriali competenti (Regione, Province, Comunità montane, Unioni di Comuni, Nuovo circondario imolese). Anche coloro che avevano aderito al pre-bando devono comunque presentare domanda definitiva e l’eventuale documentazione integrativa.

“Non si tratta solo di un sostegno agli apicoltori – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – ma di azioni a beneficio dell’ambiente e della biodiversità, dato che il ruolo delle api nelle impollinazioni è quasi insostituibile ed è grazie al loro lavoro che viene garantita una buona fetta della produzione agricola mondiale. In Emilia-Romagna ci sono 104mila alveari e 6mila apicoltori, che garantiscono 27mila quintali di miele l’anno. I nostri contributi sosterranno, in special modo, l’azione dei giovani e di chi lavora in collina e montagna”.

I contributi previsti riguardano il sostegno a programmi di assistenza tecnica, la lotta alla varroa, un acaro che provoca la distruzione completa delle famiglie di api, e la razionalizzazione della transumanza, cioè lo spostamento delle arnie sul territorio per seguire la fioritura delle principali piante nettarifere.

Altri interventi ammissibili a finanziamento sono quelli relativi all’acquisto di sciami per il ripopolamento del patrimonio apistico e all’analisi delle caratteristiche chimico-fisiche e residuali del miele.

Il bando comprende anche contributi per programmi di ricerca in due campi: la valutazione genetica delle api regine, finalizzata a selezionare le caratteristiche di tolleranza degli insetti verso le patologie; l’applicazione di metodi innovativi per la tracciabilità e la valorizzazione del miele.

Le domande possono essere presentate in modalità informatica, secondo quanto stabilito dall’Agenzia regionale per le erogazioni in agricoltura (Agrea). Il modulo e le istruzioni per la compilazione sono disponibili su: http://agrea.regione.emilia-romagna.it

È possibile scaricare il testo del BANDO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.