Nuove regole per l’edilizia pubblica

Cambia, dopo 12 anni, la legge sull’intervento pubblico nel settore abitativo

Social Housing_Spon End_Coventry_Mar11Il mercato immobiliare è in calo da tempo, eppure c’è ancora fame di case popolari o a prezzo convenzionato. Chi non poteva permettersi un’abitazione prima non può permettersela neppure oggi, con i prezzi rivisti al ribasso rispetto ai picchi del 2007. Di più, la crisi economica ha sì abbassato il costo delle abitazioni, ma ha falcidiato stipendi e risparmi, rendendo ancora più urgente un’azione delle Istituzioni sulle politiche abitative. Azioni che interessano anche un comparto, quello dell’edilizia, in forte sofferenza.

Per questo l’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ha approvato, a 12 anni di distanza dalla vecchia legge, una nuova “Disciplina generale dell’intervento pubblico nel settore abitativo”.

Tra gli obbiettivi della nuova legge, varata la settimana scorsa, quello di ampliare l’ambito d’intervento pubblico, aumentare l’offerta di alloggi, recuperare il patrimonio edilizio esistente, trovare una casa a chi non potrebbe permettersela a condizioni di mercato.

“Il fatto che la legge ponga l’accento sul recupero dell’esistente – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – è da leggersi nel contenimento del consumo di suolo. Prima di sacrificare nuove aree agricole alle costruzioni, bisogna sempre recuperare zone dismesse o edifici riqualificabili”.

La legge approvata mira ad abbassare i costi di realizzazione degli alloggi, eventualmente anche attraverso la vendita, o la concessione di diritto di superficie, di terreni edificabili o di edifici a condizioni molto più vantaggiose rispetto a quelle di mercato. Ma è sul recupero del patrimonio esistente che viene posto l’accento, dato che il recupero limita il consumo di suolo, elimina il degrado urbano, favorisce la diffusione di tecniche costruttive d’avanguardia (come la bioarchitettura) che contribuiscono a limitare i costi d’esercizio degli edifici.

Il ruolo delle Acer (azienda casa) viene confermato come strumento operativo dei Comuni per realizzare le politiche abitative. Ma per gestire meglio il patrimonio edilizio bisogna anche evitare che alcuni alloggi restino inutilizzati, far decadere chi rifiuta (ripetutamente) un alloggio proposto, intervenire duramente nei confronti di chi danneggia il patrimonio affidatogli. Saranno i Comuni ad occuparsi delle sanzioni con appositi regolamenti.

Mentre il “diritto di subentro” nell’alloggio viene limitato solo a chi si aggiunge al nucleo originario per matrimonio, convivenza stabile, arrivo di figli.

Approvati anche ordini del giorno per canoni più semplici ed equi, oltre ad una speciale attenzione verso le fasce a maggior disagio sociale.

È possibile scaricare il testo della LEGGE cliccando qui.

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.