Dalla parte dell’economia che si mette accanto agli ultimi

"Indifferenti mai" alla Bocciofila Migliarina di ViareggioUn altro tipo di economia, un’economia che rifiuta il profitto, pensa alla collettività, si mette al passo degli ultimi per far avanzare, con loro, l’intera società. Si tratta della cooperazione sociale, punta di diamante del movimento cooperativo divenuta, negli anni, un pilastro del welfare regionale.

Per riconoscere il ruolo ormai insostituibile di questa presenza, il Pd regionale ha presentato un progetto di legge sulla cooperazione sociale, che riforma il settore a quasi vent’anni di distanza dalla legge precedente.

Il provvedimento mira a riconoscere il ruolo che queste cooperative hanno assunto nel sistema dei servizi regionali, sia come erogatrici degli stessi, che come forma di collocamento per le categorie cosiddette svantaggiate.

“La crisi economica, che è anche crisi di valori – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i firmatari della proposta di legge – si combatte anche proponendo nuovi modelli per l’economia. In questo senso la cooperazione sociale e il terzo settore rappresentano, in un’ottica di sussidiarietà, un pilastro ormai fondamentale del nostro sistema regionale”.

Secondo le ultime rilevazioni in Emilia-Romagna operano 920 cooperative sociali per un totale di 37.646 dipendenti. Di questi, più del 77 per cento è assunto a tempo indeterminato e il 76 per cento è costituito da donne, mentre l’8 per cento appartiene a categorie svantaggiate, con una punta del 20% nella provincia di Forlì-Cesena.

La proposta di legge vuole istituire un Albo regionale per le cooperative sociali, prevede una nuova normativa per gli appalti e gli affidamenti diretti, delinea una partecipazione delle cooperative alla programmazione del sistema integrato di servizi alla persona e alla valutazione dei risultati degli interventi.

Oltre al tipo A e al tipo B, le cooperative sociali potranno iscriversi contemporaneamente ad entrambe le sezioni, mentre vengono definite “cooperative di comunità” quelle che “si prefiggono di mantenere vive e a valorizzare le comunità locali a rischio di spopolamento o di estinzione attraverso l’attività dei soci, membri essi stessi della comunità”.

Previste anche una serie di incentivi e iniziative di promozione, come la costituzione di un fondo rischi consortile per il sostegno a varie misure creditizie; contributi ai datori di lavoro (per un massimo di due anni) per nuove assunzioni di persone nelle categorie protette fino al 30 per cento del costo effettivo della retribuzione (elevabile al 70 per cento in caso di assunzione di ex degenti psichiatrici o disabili con invalidità superiore ai due terzi); la possibilità di fruire dei servizi erogati dalla struttura regionale di acquisto, con vantaggio economico per le cooperative stesse.

È possibile scaricare il testo del PROGETTO DI LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.