Nuovi percorsi di formazione professionale per 850 emiliani e romagnoli

Accounting the old wayGli esami non finiscono mai ma, proprio grazie a loro, arrivano nuove opportunità di lavoro e crescita professionale. Per questo la Regione Emilia-Romagna ha approvato 67 nuovi percorsi di formazione superiore, rivolti a 850 tra giovani e adulti, finanziati con 3,2 milioni di euro del Fondo sociale europeo. Corsi da 300 ore, con un periodo di stage in azienda, che rilasciano un certificato di qualifica professionale.

Queste ultime opportunità si aggiungono ai già esistenti 11 Istituti tecnici superiori (biennali) e ai 29 corsi di Istruzione e formazione tecnica superiore (Ifts) attivi in regione.

“Questi percorsi – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – sono rivolti a giovani e adulti, disoccupati o occupati, desiderosi di acquisire nuove competenze spendibili sul mercato del lavoro. Solo preparando figure di alta professionalità il nostro tessuto produttivo potrà rispondere alle sfide che lo attendono ed emergere dalla crisi”.

Le figure professionali previste sono state definite nel Sistema regionale delle qualifiche (Srq). Per l’anno in corso si tratta di profili di amministrazione e gestione d’impresa, sviluppo e gestione di sistemi informatici, marketing e vendite, turismo e ristorazione.

Oltre ai percorsi di Formazione superiore, appena approvati, la Rete politecnica dell’Emilia-Romagna comprende, come detto, gli Istituti tecnici superiori (Its) e i corsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (Ifts).

Nel primo caso si tratta di Fondazioni costituite da istituti tecnici e professionali, enti di formazione professionale accreditati, università, centri di ricerca, enti locali e imprese. Sono le nuove scuole di tecnologia che realizzano percorsi biennali per formare tecnici superiori in grado di inserirsi nei settori strategici del sistema economico-produttivo, portando nelle imprese competenze altamente specialistiche e capacità d’innovazione. I percorsi Its, alternativi all’università ma ad essa collegati, si articolano in quattro semestri, per una durata complessiva di 2000 ore.

Nel secondo caso, i corsi Ifts sono rivolti a giovani e adulti, non occupati o occupati in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore. L’accesso è consentito anche a chi è in possesso dell’ammissione al quinto anno dei percorsi liceali, e a chi non possiede il diploma di istruzione secondaria superiore ma che può accreditare le proprie competenze acquisite in precedenti percorsi di istruzione, formazione e lavoro. A parità di punteggio tra i candidati, viene data priorità in fase di selezione ai giovani disoccupati o inoccupati. I percorsi hanno una durata complessiva di 800 ore e sono articolati in due semestri. Al termine, viene rilasciato il Certificato di specializzazione tecnica superiore di Tecnico Superiore.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Nuovi percorsi di formazione professionale per 850 emiliani e romagnoli

  • mario

    sarei interessato ma ho solo la licenza media, vi chiedo se posso partecipare ad un corso
    grazie

    • Caro Mario,

      con la riforma del sistema dell’educazione e delle politiche attive del lavoro è nato il sistema “ER Educazione Ricerca Emilia-Romagna” (http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it/er-educazione-ricerca/allegati/Regione_ER_Educazione_Ricerca_2013.pdf) che si articola in quattro segmenti:

      – l’Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), il nuovo sistema (regolato dalla Legge regionale n. 5/2011) per il conseguimento delle qualifiche triennali;

      – la Rete Politecnica, che è costituita dall’offerta formativa volta a qualificare le competenze tecniche e scientifiche delle persone. In essa confluiscono la Formazione Superiore, l’Istruzione e Formazione Tecnica Superiore e i 9 ITS attivati in regione;

      – l’Alta formazione, la ricerca e la mobilità internazionale, a cui afferiscono le opportunità e gli interventi più sperimentali e innovativi: assegni per l’alta formazione, dottorati di ricerca, incentivi economici e altre agevolazioni per favorire la nascita di imprese ad alto contenuto di conoscenza e il trasferimento tecnologico;

      – l’ultimo segmento, definito del Lavoro e delle Competenze, completa il disegno regionale con le politiche attive: formazione per apprendisti, percorsi per l’aggiornamento delle competenze dei lavoratori e l’ innovazione organizzativa e produttiva delle imprese, percorsi di inserimento lavorativo.

      Ci sono, quindi, corsi destinati ad utenti in possesso di vari titoli di studio, compresa la sola licenza media.
      Per poter individuare quello più adatto alle proprie esigenze occorre consultare la Banca Dati della Regione a questo link: http://orienter.regione.emilia-romagna.it/exec/portale?actionRequested=performShowCorsiFormazioneProfessionale

      Compilando le caselle della scheda di ricerca sarà possibile visualizzare l’elenco dei corsi disponibili.

      Nel tuo caso, nella casella “Tipologia di formazione” suggerisco di provare iniziando dall’opzione “Formazione per adulti”. Avviando la ricerca sarai indirizzato all’elenco dei corsi che rispecchiano le opzioni selezionate. Cliccando poi sul titolo di ogni corso che ritieni meritevole di approfondimento, si aprirà la scheda esplicativa del corso stesso con le indicazioni del titolo di studio necessario per accedervi. Nel caso non fosse indicato, si potrà contattare l’ente di formazione (questo sì, sempre indicato nella scheda con tanto di riferimenti per il contatto diretto) e chiedere maggiori informazioni.

      Nel caso avessi problemi nell’utilizzare il link della Banca Dati regionale, o volessi chiedere supporto nella ricerca, puoi invece contattare il numero verde gratuito regionale 800 955 157 e personale qualificato saprà consigliarti ed aiutarti.

      Buona ricerca, con l’auspicio che sia proficua!

      Un caro saluto e a presto,
      Damiano Zoffoli