Facciamo vivere i dialetti

Ora lavoriamo assieme per rafforzare l’opera di promozione e valorizzazione delle nostre lingue locali.

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"Prima di Natale, nell’ultima seduta dell’Assemblea legislativa del 2013, la Regione ha abrogato la legge regionale n. 45 del 1994, recante “Tutela e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna”.

Desidero spiegare un po’ meglio come sono andate le cose, perché molto si è letto in questi giorni, e al contempo confermare la mia volontà, e quella della nostra Regione, di continuare a lavorare per tutelare, promuovere e valorizzare i nostri dialetti.

Periodicamente gli uffici legislativi della Regione, in virtù della legge sulla semplificazione amministrativa, predispongono un pdl abrogativo delle leggi prive di copertura finanziaria, e per questo inapplicate da diversi anni. È una procedura burocratica di routine, che certamente richiederebbe anche una valutazione di opportunità politica. Purtroppo, nella tagliola della semplificazione (assieme ad altre 66 leggi e a 20 regolamenti), è incappata anche questa legge che, come sappiamo, parla al comune sentire di migliaia di cittadini per il suo valore simbolico, come dimostrano anche le prese di posizione e le tante sollecitazioni che abbiamo ricevuto in questi giorni.

Lo spirito dell’azione di semplificazione normativa che la Regione porta avanti, anche attraverso l’abrogazione di leggi regionali, non deve però essere confuso con la rinuncia agli obiettivi che le stesse si ponevano. Infatti è solo lo strumento che è stato abrogato, in quanto non più operante e applicato (la legge sui dialetti ha avuto finanziamenti non continuativi fin dalla sua nascita: gli ultimi 100mila euro sono riferiti agli anni 2009 e 2010, anche a seguito di un ordine del giorno che approvammo in Aula. Negli ultimi anni, nell’ambito della legge regionale n. 37 del 1994, sono stati attuati alcuni interventi a sostegno dei dialetti, proprio in supplenza di una legge che era priva di risorse dedicate).

Vi garantisco che non c’è stata e non c’è alcuna volontà della Regione di cancellare l’esperienza di valorizzazione dei nostri dialetti, alla quale in questi anni, come forse saprete, ho cercato di dare un mio piccolo contributo, organizzando assieme ad associazioni culturali, studiosi della materia, artisti e tanti appassionati, momenti di approfondimento e manifestazioni conviviali, proprio per tenere vivi i nostri dialetti e, tramite essi, le nostre radici e la nostra storia.

Voglio però, per una volta, provare a guardare il tutto in positivo: il mio auspicio è che da qualcosa di negativo (l’abrogazione della legge, che è comunque stata un errore) possa venire fuori qualcosa di positivo (una maggiore attenzione della Regione, ma non solo, ai dialetti, con l’auspicio di trovare qualche alleato in più nella battaglia per la loro valorizzazione, al fine di ricollocarli in una nuova cornice legislativa operante, con adeguati finanziamenti).

Il ripensamento di tutto il capitolo cultura, a seguito della soppressione delle Province, come suggerisce anche l’Asssessore regionale alla Cultura, Massimo Mezzetti, penso possa essere l’occasione buona per provare a mettere in campo un ragionamento più complessivo sul tema, al quale sono disponibile a lavorare fin da subito, assieme a tutti coloro che hanno idee da proporre.

A questo proposito, con alcuni Consiglieri del Gruppo Pd, organizzerò, già la prossima settimana, un momento di confronto qui in Regione, su cui vi aggiornerò.

Grazie per l’attenzione.

Av salut!

Damiano Zoffoli
e’ fiol ad Piero ad Baldain

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

6 comments to Facciamo vivere i dialetti

  • Forse, come dici, è proprio il momento buono per un ripensamento sul dialetto, il suo valore culturale e su cosa fare per mantenerlo “vivo”. Chiarire che non si tratta di un dialetto “ma di tanti dialetti” credo debba essere il nuovo punto di partenza per questa riflessione. Tanti dialetti quindi, e tutti con la stessa dignità. Se i dialetti sono tanti viene a cadere l’idea, da molti data per scontata, che il dialetto si possa (e quindi si debba) insegnare nelle scuole. Il dialetto non si insegna. (Se sì quale?). A scuola i ragazzi hanno già il loro da fare (anche troppo) e magari imparassero l’inglese al posto del dialetto.
    Il dialetto si impara in famiglia. Allora prima di tutto si tratta di combattere l’idea (e per fortuna ormai siamo a buon punto) che il dialetto sia qualcosa di meno dell’italiano. In realtà è qualcosa di meno, non ha la stessa estensione, e quindi in dialetto non possiamo parlare del teorema di Pitagora, di teoria dei quanti, di storia assirro-babilonese, ecc. ma questa mancanza si limita all’estesione e non alla dignità. Se il lessico è meno esteso, la sua forza emozionale e la sua aderenza alla realtà sono maggiori (il dialetto come lingua del cuore).
    Come combattere l’idea di questa supposta inferiorità:
    1)diffondendo le occasioni di incontro dove parlare in dialetto (es. Te ad chi sit e’ Fiol? – dove il requisito è il dialetto e quindi tutto è permesso)
    2)aumentando le occasioni per ascoltare “buona” letteratura dialettale (non tutto è permesso – è importante mantenere le distinzioni, la cattiva poesia, come la cattiva moneta vince sempre sulla buona)
    3)lavorare sul teatro per superare l’attuale “commedia dialettale” (non perché non abbia un suo valore, ma il modello è ormai obsoleto è necessario andare oltre per acquisire un pubblico nuovo)
    Questi per cominciare sono già tre obiettivi su cui lavorare ed indirizzare eventuali risorse.
    Quando vuoi ne possiamo riparlare. Un saluto Maurizio Balestra

  • Massimo Neri

    E’ sicuramente come dici ma rimane comunque un pochino di sconcerto, che spero passi al più presto, a fronte di iniziative forti e non alle calende greche della Regione, iniziative alle quali magari anche potere partecipare. Spero anche che l’eliminazione delle province, che mi trova molto perplesso, possa almeno diventare una opportunità per il dialetto, non immagino ancora come, ma mi fido della Tua opinione.
    Nel più profondo di me stesso spero anche che l’eliminazione delle Province non produca ancora più baillame di quanto già non vi sia nel paese e non diventi ancora più distanza tra le sedi istituzionali e la periferia.
    Cordialità e di cuore… buon lavoro.
    Massimo

  • Renzo Malatesta

    Ogni iniziativa per difendere “i dialetti”, che differiscono, spesso anche solo come pronuncia, da zona a zona (Cesena, Gambettola, Cesenatico, Cervia, Gatteo, Sant’Arcangelo, ecc. ecc.), è buona. Importante farle. Diffondere le occasioni, gli incontri ed i dibattiti dove si parla in dialetto. Sono iniziative che condivido appieno e vi giuro che sono molto, ma molto, più vere e divertenti. Anche i gruppi musicali che cantano in dialetto romagnolo (tipo il Cantiere Rock Agricolo che adatta il dialetto su toni musicali conosciuti) sono da aiutare e promuovere affinché siano sempre più presenti ed ascoltati tra i nostri giovani. Giovani che sovente non lo sanno parlare, ma almeno lo capiscono e sono molto attratti dalla lingua dialettale. Speriamo che questo tesoro culturale non venga disperso!!! Grazie.

  • Pier Giuseppe

    ti informo che sono d’accordo a collaborare anche con continuità per mantenere il dialetto.
    vi comunico che sono un assiduo frequentatore della montagna trentina. proprio a Vigo di Fassa c’è il centro di ascolto e di promozione del dialetto Ladino della valle di Fassa: sono molto organizzati anche noi dobbiamo fare, col vostro aiuto. io sono a disposizione per quello che mi concede la salute. sono un amante del dialetto, ho scritto 13 libri sul diletto con edizioni più o meno importanti come Edizione del Girasole Ravenna, edizione Ponte Vecchio Cesena, edizioni Vola Forlì, sempre con tirature buone e con discreto successo grazie agli appassionati.
    bisogna fare. copiamo dal Ladino: sono sostenuti dalla regione noi siamo qui grazie a presto mi puoi contattare tutte le volte che volete, ci sono sempre
    a so e fòl ad Pirìn dal Trovv
    grazie saluti
    pier

  • Atenzion a j’invèj una föla
    cun Furlè int la cariöla
    l’è un pëzz ch’la m’ zira adòss
    piò muliga e pochi òss.

    La Zitè piò bëla a e’ mónd
    cvatar pört e al mura a tónd
    cvatar piazz cun i pizzôn
    i stragnìr a là a vajôn.

    La tetòja la banchina
    l’è una spéna drì la s-chìna
    Un bël post al degh u/m pijs:
    “Chi j’è ch’pèga”? “I furlìvis”!

    E’ Cumôn l’ha fat figura:
    “Zitadén prönt la fatura”!
    Vreglio Safi e’ fa e piantôn
    int la lërga e’ Testimôn.

    Se avlì andè in lòngh in lërgh
    l’acugliénza l’è un albergh,
    sóta al Lòzz a pirdì j’òcc
    ôr… arzént… tót i zafòcc.

    Al butegh al fa di scônt
    agli è prônti a dè di pönt.
    Marcuriël e’ spècca in piazza,
    j’abrùnzè i pètna l’azza.

    I pizzôn i gröla in rânda
    drì la Posta u j’è dla bânda.
    Buss e Siti al zirandëla
    tót atorna a buganëla.

    Lòn e venar a e’ marchè
    compra e vènd förza ad tratè,
    bancarèli tót *j’arzmént *Gli attrezzi
    e i Cinìs j’è un regimént.

    Cun la piazza dla Vitöria
    ch’la s’arcörda pês e glöria
    Monumént u j crèsc in vèta
    int e’ trespul cmè la zvèta.
    Int la piazza dagli Urtlén,
    sèral, fnòcc e fasulén,
    la cagnera de’ marchè:
    Compra ciapa cmè rubè.

    Int la piazza de’ fèr vècc
    u j’è un ört cun di radècc
    tra e’ cimént e’ sù parchègg
    cun al machìn l’è un manègg.
    E’ Museo l’é in fazza
    armasè e’ spècca in piazza.
    una mostra chl’è ‘d’ Canöva
    la cultura la s’arrnöva.

    Piazza Chèrman a pagamént
    j’Ausilieri i fa i snamént
    cun la sosta e la bulèta
    bsógna vèndar la vachèta.

    La piazèta cun l’Imbsura
    l’ha la Tòra drèta a fura,
    par Nadël al bancarèl
    turôn chëld e caramèl.

    Cvatar viel vers la staziôn
    sémpar pìn tót al stasôn
    la rotonda propi in fazza
    che la ciapa mëzza piazza.

    Longh e’ fiôn u j’è i zardén
    zacul möti e di birén,
    zènt cunej chi bat e’ tàch
    pìn d’usèll ch’ i/t dà int e’ sàch.

    Di sintìr cun la batuda
    l’è e’ sìd piò grând dla Tnuda
    u j’è avlù un carr d’ bajòch
    par bandìl j’ha mèss i fiòch.

    Prucissiôn ad zént curiosa
    *cânt bandìri sénza crösa *Canti
    i Capelô’ in pompa mâgna
    urguglius dla sù Rumâgna.

    Int la Pörta a S-ciavanì
    cun la sosta i fa impazì
    impiantëda sóta l’èrch
    u j’è in sosta nénch dal bèrch.
    Bëla Pörta ad Ravaldén
    u/s và só vers j’Apenén
    la strê lërga piò impurténta
    l’era urgòj dla nostra zénta.

    Vers a *Dvia alberëda * Predappio
    platìn grènd sôra la strëda.
    Int la Ròca u j’è al parsôn
    cun la Sförza int e’ cantôn.

    Se avnì só da vers Ravèna
    Pört Sa’ Pìr la v’ dà cudèna;
    E’ stradôn la circulëra
    vers Bulogna la s’impëra.

    “Oh Furlè… la mì Zité”
    un gn’è pöst piò bël che te
    t’sì piantè int la Rumâgna
    fra pianura e la muntâgna,

    èria bòna un post sulèr
    dagli Azdôri “Macafèr”
    Zént unèsta grând amìgh
    par cuntrat a/t’ faz dó rìgh.

    Attenzione è una fola
    con Forlì che è in cariola
    me la sento tutta addosso
    più mollica e poco osso.

    La citta più bella al mondo
    quattro PPorte e muro in tondo
    Quattro piazze coi piccioni
    gli stranieri nei rioni.

    La tettoia la banchina
    dalla Posta è già vicina
    un bel posto con tante spese:
    “Per pagare”? “Il Forlivese”!

    Il Comune guida e cura:
    “Cittadini…! La fattura”.
    Saffi Aurelio il monumento
    testimonia quel momento.

    Se andate in lungo in largo
    l’accoglieza è un albergo
    nel loggiato un bel vedere
    oro argento da comprare.

    Le vetrine con gli sconti
    sono aperte e fanno i ponti.
    Mercuriale spicca in piazza
    gli abbronzati un altra razza.

    I piccioni quei furfanti
    fan la cacca sul davanti.
    I Tranvai, i Bus, le Site,
    fanno il cerchio per le gite.

    Lunedì e venerdì
    il mercato è sempre lì
    bancarelle coi teloni
    e i Cinesi son milioni.

    La Vittoria ha la sua piazza
    per la gloria beve in tazza.
    L’obelisco il monumento
    guarda in alto più contento.
    L’ortolano ha la sua piazza
    verde e frutta che strapazza
    il rumore del mercato
    sembra uno che ha rubato.

    Nella piazza Ferro vecchio
    pozzo e orto con il secchio,
    fra il cemento c’è il parcheggio
    batti e striscia è un maneggio.
    Il museo retaruato olo in faccia
    messo a nuovo la sua traccia.
    MOSTRA DELLO SCULTORE MAGNIFICO CANOVA
    la cultura si rinnova.
    Piazza Carmine si paga
    l’Ausiliario è già una piaga
    multe a tutti i trasgressori
    paga in brocca o son dolori.

    La Piazzetta di Misura
    con la Torre ben sicura
    per Natale bancarelle
    dei torroni e caramelle.

    Quattro viali alla stazione
    gran baccano e confusione
    la rotonda grande in piazza
    tanta gente che s’incazza.

    I Giardini lungo al fiume
    gli animali fan costume
    coniglietti batti tacco
    uccellini pronti al becco.

    La battuta dei sentieri
    è un podere dei misteri
    è costato una fortuna
    benedetto dalla luna.

    Processione più pomposa
    con bandiere senza posa
    Cappelloni in pompa magna
    Gli Orgogliosi di Romagna.

    Nella Porta Schiavonia
    giratondo e spazza via
    impiantati di sotto l’arco
    c’è il posteggio con l’imbarco.
    Bella Porta Ravaldino
    che si va all’Appennino
    strada larga più importante
    è l’orgoglio della gente.

    Per Predappio alberata
    Mussolini… Una figata!
    Nella Rocca le prigioni
    con la Sforza e i suoi Coglioni.

    Arrivare da Ravenna
    c’è San Pietro Porta penna.
    Lo stradone circolare
    per Bologna via andare.

    “Oh Forlì la mia cittá
    tu sei tutto. Oh mia beltà!
    Sei in mezzo alla Romagna
    tra pianura e la montagna.

    Aria buona sei solare…
    Reggitrici col pugno di ferro
    gente onesta e generosa
    per contratto sei mia sposa.

    Atenzion a j’invèj una föla
    cun Furlè int la cariöla
    l’è un pëzz ch’la m’ zira adòss
    piò muliga e pochi òss.

    La Zitè piò bëla a e’ mónd
    cvatar pört e al mura a tónd
    cvatar piazz cun i pizzôn
    i stragnìr a là a vajôn.

    La tetòja la banchina
    l’è una spéna drì la s-chìna
    Un bël post al degh u/m pijs:
    “Chi j’è ch’pèga”? “I furlìvis”!

    E’ Cumôn l’ha fat figura:
    “Zitadén prönt la fatura”!
    Vreglio Safi e’ fa e piantôn
    int la lërga e’ Testimôn.

    Se avlì andè in lòngh in lërgh
    l’acugliénza l’è un albergh,
    sóta al Lòzz a pirdì j’òcc
    ôr… arzént… tót i zafòcc.

    Al butegh al fa di scônt
    agli è prônti a dè di pönt.
    Marcuriël e’ spècca in piazza,
    j’abrùnzè i pètna l’azza.

    I pizzôn i gröla in rânda
    drì la Posta u j’è dla bânda.
    Buss e Siti al zirandëla
    tót atorna a buganëla.

    Lòn e venar a e’ marchè
    compra e vènd förza ad tratè,
    bancarèli tót *j’arzmént *Gli attrezzi
    e i Cinìs j’è un regimént.

    Cun la piazza dla Vitöria
    ch’la s’arcörda pês e glöria
    Monumént u j crèsc in vèta
    int e’ trespul cmè la zvèta.
    Int la piazza dagli Urtlén,
    sèral, fnòcc e fasulén,
    la cagnera de’ marchè:
    Compra ciapa cmè rubè.

    Int la piazza de’ fèr vècc
    u j’è un ört cun di radècc
    tra e’ cimént e’ sù parchègg
    cun al machìn l’è un manègg.
    E’ Museo l’é in fazza
    armasè e’ spècca in piazza.
    una mostra chl’è ‘d’ Canöva
    la cultura la s’arrnöva.

    Piazza Chèrman a pagamént
    j’Ausilieri i fa i snamént
    cun la sosta e la bulèta
    bsógna vèndar la vachèta.

    La piazèta cun l’Imbsura
    l’ha la Tòra drèta a fura,
    par Nadël al bancarèl
    turôn chëld e caramèl.

    Cvatar viel vers la staziôn
    sémpar pìn tót al stasôn
    la rotonda propi in fazza
    che la ciapa mëzza piazza.

    Longh e’ fiôn u j’è i zardén
    zacul möti e di birén,
    zènt cunej chi bat e’ tàch
    pìn d’usèll ch’ i/t dà int e’ sàch.

    Di sintìr cun la batuda
    l’è e’ sìd piò grând dla Tnuda
    u j’è avlù un carr d’ bajòch
    par bandìl j’ha mèss i fiòch.

    Prucissiôn ad zént curiosa
    *cânt bandìri sénza crösa *Canti
    i Capelô’ in pompa mâgna
    urguglius dla sù Rumâgna.

    Int la Pörta a S-ciavanì
    cun la sosta i fa impazì
    impiantëda sóta l’èrch
    u j’è in sosta nénch dal bèrch.
    Bëla Pörta ad Ravaldén
    u/s và só vers j’Apenén
    la strê lërga piò impurténta
    l’era urgòj dla nostra zénta.

    Vers a *Dvia alberëda * Predappio
    platìn grènd sôra la strëda.
    Int la Ròca u j’è al parsôn
    cun la Sförza int e’ cantôn.

    Se avnì só da vers Ravèna
    Pört Sa’ Pìr la v’ dà cudèna;
    E’ stradôn la circulëra
    vers Bulogna la s’impëra.

    “Oh Furlè… la mì Zité”
    un gn’è pöst piò bël che te
    t’sì piantè int la Rumâgna
    fra pianura e la muntâgna,

    èria bòna un post sulèr
    dagli Azdôri “Macafèr”
    Zént unèsta grând amìgh
    par cuntrat a/t’ faz dó rìgh.

    Attenzione è una fola
    con Forlì che è in cariola
    me la sento tutta addosso
    più mollica e poco osso.

    La citta più bella al mondo
    quattro PPorte e muro in tondo
    Quattro piazze coi piccioni
    gli stranieri nei rioni.

    La tettoia la banchina
    dalla Posta è già vicina
    un bel posto con tante spese:
    “Per pagare”? “Il Forlivese”!

    Il Comune guida e cura:
    “Cittadini…! La fattura”.
    Saffi Aurelio il monumento
    testimonia quel momento.

    Se andate in lungo in largo
    l’accoglieza è un albergo
    nel loggiato un bel vedere
    oro argento da comprare.

    Le vetrine con gli sconti
    sono aperte e fanno i ponti.
    Mercuriale spicca in piazza
    gli abbronzati un altra razza.

    I piccioni quei furfanti
    fan la cacca sul davanti.
    I Tranvai, i Bus, le Site,
    fanno il cerchio per le gite.

    Lunedì e venerdì
    il mercato è sempre lì
    bancarelle coi teloni
    e i Cinesi son milioni.

    La Vittoria ha la sua piazza
    per la gloria beve in tazza.
    L’obelisco il monumento
    guarda in alto più contento.
    L’ortolano ha la sua piazza
    verde e frutta che strapazza
    il rumore del mercato
    sembra uno che ha rubato.

    Nella piazza Ferro vecchio
    pozzo e orto con il secchio,
    fra il cemento c’è il parcheggio
    batti e striscia è un maneggio.
    Il museo retaruato olo in faccia
    messo a nuovo la sua traccia.
    MOSTRA DELLO SCULTORE MAGNIFICO CANOVA
    la cultura si rinnova.
    Piazza Carmine si paga
    l’Ausiliario è già una piaga
    multe a tutti i trasgressori
    paga in brocca o son dolori.

    La Piazzetta di Misura
    con la Torre ben sicura
    per Natale bancarelle
    dei torroni e caramelle.

    Quattro viali alla stazione
    gran baccano e confusione
    la rotonda grande in piazza
    tanta gente che s’incazza.

    I Giardini lungo al fiume
    gli animali fan costume
    coniglietti batti tacco
    uccellini pronti al becco.

    La battuta dei sentieri
    è un podere dei misteri
    è costato una fortuna
    benedetto dalla luna.

    Processione più pomposa
    con bandiere senza posa
    Cappelloni in pompa magna
    Gli Orgogliosi di Romagna.

    Nella Porta Schiavonia
    giratondo e spazza via
    impiantati di sotto l’arco
    c’è il posteggio con l’imbarco.
    Bella Porta Ravaldino
    che si va all’Appennino
    strada larga più importante
    è l’orgoglio della gente.

    Per Predappio alberata
    Mussolini… Una figata!
    Nella Rocca le prigioni
    con la Sforza e i suoi Coglioni.

    Arrivare da Ravenna
    c’è San Pietro Porta penna.
    Lo stradone circolare
    per Bologna via andare.

    “Oh Forlì la mia cittá
    tu sei tutto. Oh mia beltà!
    Sei in mezzo alla Romagna
    tra pianura e la montagna.

    Aria buona sei solare…
    Reggitrici col pugno di ferro
    gente onesta e generosa
    per contratto sei mia sposa.

  • A dila s-ceta
    La furtòna dla v-ciàia
    Siamo un paese di vecchi, scusate … di anziani, dato che il termine vecchio, è ormai obsoleto e non riveste più quell’aura di esperienza di esperienza e di saggezza connotava chi aveva raggiunto più o meno felicemente una certa età, anzi, recentemente ho visto appeso in una trattoria del ravennate uno di quei quadretti di sentenze che sintetizzano la “vox populi”, che recitava: “non è il porco che invecchia, ma il vecchio che diventa porco”, certo gli esempi, anche “altolocati” non mancano, però, che brutta fine ha fatto la parola vecchio …
    Uno che invece alla sua vecchia dà lustro è Pier Flamigni, che la reputa una fortuna, come in questa sapida zirudella: “La furtòna dla v-ciàia” “Dvintè vècc lìè un bèl unôr / quant robi indrénta a e’ cör/ al stasôn agli è passëdi / tòt al robi cucvistëdi. // Arcurdén e’ témp luntén / l’è una solfa l’ è un casèn. / essr’ in pes cun la cusciènza / lavurè cum dla custânza // Paghè’ al tassi in prèvidénza: / La pinsiòn? A fasén sénza! / Paghè’ i debit de’ nost Stè ? / Arangièss … bsògna rubè ? // … Al radisi agli è in campâgna / int al tèri dla Rumâgna. / Da la vala ad Sân Savén / a Predappio e piò luntén. // Poca tëra mònt e grép / chi rindeva dal pugnèt./ E’ prugrèss l’era dsamén/ Pisunént e cuntadén / jì era tòt di mört ad fâm. // Tëra stila mò, us campeva / in miseria e us rideva / in campâgna un gn’ era e’ céss / l’ arivè cun e’ prugrèss. // Int al ca’ cum de’ rispèt / j’ ha e’ bagna tac a e’ lèt / cun la crisi e la miseria / ui vò poc a saltèr’ a pr’ èria. // … ( La fortuna della vecchia Diventar vecchi è un onore /quante robe dentro al cuore / le stagioni stagioni son passate / quante cose conquistate. // Ricordando il tempo lontano / è una lamentela fuori mano / essere in pace con la coscienza / lavorare con costanza // Pagare le tasse alla previdenza / della pensione facciamo senza ma … / pagare i debiti del nostro stato / Arrangiarsi … bisogna rubare ? // … Le radici sono in campagna / nelle terre di Romagna / dalla valle del Rabbi fuori mano /a Predappio e più lontano. // Terra incolta montagne e greppi / che non rendevan neanche dei ceppi / Il progresso era fuori mano / operai e contadini / erano tutti morti di fame // terra avara ma si campava / in miseria ma si rideva /In campagna non c’era il gabinetto / arrivato col progresso // Nelle case di rispetto / hanno il bagno vicino al letto / Con la crisi e la miseria / ci vuol poco a saltare in aria. // …)

    Giovanni Zaccherini
    zvanzac@tiscali.it