Dialetti, la revisione della normativa di settore inizia da un patto con studiosi e associazioni

“L’immediatezza e la semplicità di queste lingue ci aiutano ad immaginare con più concretezza il futuro, per uscire dalla crisi”.

Facciamo vivere i nostri dialettoI dialetti nel loro aspetto storico-culturale sono stati al centro di una conferenza stampa che si è svolta negli spazi dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, organizzata da un gruppo di studiosi che hanno a cuore la tutela del dialetto emiliano-romagnolo: Giuseppe Bellosi, Paolo Galletti e Fausto Carpani.

L’occasione per riparlarne è stato l’accidentale errore tecnico che ha portato all’abrogazione della L.R. 45/1994 nella sessione di semplificazione durante l’ultimo Consiglio regionale del 2013, non per volontà politica. Una situazione che verrà recuperata, ma che ha segnato un rilancio dei principi che avevano ispirato quella legge. Facendole compiere un passo avanti.

Il Gruppo regionale del Partito democratico era presente alla conferenza stampa, rappresentato dal Consigliere regionale Damiano Zoffoli.

“Siamo in sintonia con ciò che è stato detto dagli organizzatori. – spiega Zoffoli, che da tempo si interessa della tutela e promozione dei dialetti – Vanno valorizzati perché sono un patrimonio imperdibile per le future generazioni. Occorre fin da subito informatizzare e raccogliere il maggior materiale audio possibile, per non disperderlo”.

L’azione di più ampia revisione della normativa di settore – prosegue il Consigliere – sia l’occasione per incontrare gli studiosi e le associazioni che già da tempo lavorano in tema di valorizzazione di queste lingue e decidere insieme a loro tutti gli strumenti idonei, anche normativi, per rilanciare una progettualità comune. Come gruppo consiliare del Partito democratico ci impegniamo a farlo fin da ora”.

“I dialetti – conclude il Consigliere Zoffoli – non determinano una cultura di chiusura dei confini territoriali, bensì favoriscono le relazioni fra le persone essendo fondati sulla semplicità e sull’autenticità della lingua materna. La vitalità dei dialetti ci invita a guardare con concretezza al futuro, non alla conservazione sterile di un passato che non c’è più”.

Facciamo vivere i nostri dialetti

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.