Mille piazze contro l’azzardo

Dal 19 al 26 gennaio 2014 migliaia di banchetti raccolta di firme per la legge di iniziativa popolare contro l’azzardo.

NOAzzardopropostaleggepopolareL’azzardo ormai si è trasformato nel nostro Paese in una piaga sociale, con famiglie rovinate, persone ridotte sul lastrico, relazioni umane lacerate dai demoni della dipendenza. Proprio come avviene ai tossicodipendenti sul fronte degli stupefacenti, con la differenza che in questo caso lo Stato incassa fior di quattrini dal mondo delle slot machine e da ciò che gli gravita attorno.

Contro il dilagare delle macchinette, oltre 400 sindaci hanno promosso una raccolta di firme per un disegno di legge d’iniziativa popolare sulla materia: “Con il collega Beppe Pagani – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – siamo impegnati da tempo in un’opera di contrasto al fenomeno dell’azzardo patologico, con proposte di legge, incontri pubblici, iniziative comuni. Per questo abbiamo firmato in modo convinto quest’ultima proposta di legge, nata dai primi cittadini, e invitiamo tutti a fare altrettanto. Bisogna porre un argine al fenomeno, tanto per la salute dei giocatori quanto per il contrasto alle attività della criminalità organizzata, che su questo tipo di giochi prospera”.

I numeri del gioco d’azzardo sono impressionanti: con i suoi 80 miliardi di fatturato il settore è ormai divenuto la terza industria italiana. I giocatori abituali sono 15 milioni, di cui 2 milioni a rischio patologico e 800mila già patologici.

Nel luglio 2013 l’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha approvato all’unanimità una legge regionale finalizzata a contrastare il fenomeno del gioco d’azzardo e le sue ricadute personali e familiari.

Ma lo Stato deve fare la sua parte. Per questo si sono mobilitati i sindaci con la raccolta di firme, in mille piazze d’Italia dal 19 al 26 gennaio, a sostegno della legge d’iniziativa popolare contro l’azzardo, promossa da Legautonomie, Terre di mezzo e, appunto, oltre 400 primi cittadini.

L’obiettivo è quello di intervenire con una legislazione in grado di tutelare davvero i giocatori, facendosi carico della loro salute e impedendo infiltrazioni mafiose e il riciclaggio nel gioco legale.

Il disegno di legge promosso è composto di 22 articoli. Al primo di questi figura il divieto di piazzare ovunque le slot machine, “confinate” in apposite sale da gioco (anche all’interno dei bar). Ogni macchinetta dovrà funzionare poi solo inserendo la tessera sanitaria (come avviene per i distributori automatici di sigarette), così da evitare che ci giochino i minori. Terza regola fondamentale: gli operatori delle Asl o delle associazioni di volontariato devono poter accedere liberamente ai locali per parlare con i giocatori e informarli sui rischi di dipendenza.

Nel disegno di legge ci sono poi articoli che mirano a contrastare le infiltrazioni mafiose, l’evasione fiscale e tributaria, a contenere le pubblicità e a garantire cure reali per le persone affette da gioco d’azzardo patologico. Ai sindaci, infine, è dato il potere di autorizzare o meno l’apertura di sale da gioco.

È possibile scaricare il testo della PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.