Agricoltura: finanziamenti per 106 milioni a tasso agevolato

Bem no sul deste PaísTassi d’interesse più bassi e accesso al credito agevolato per le imprese agricole emiliane e romagnole grazie all’intervento della Regione.

Il costo del denaro concesso come credito di conduzione sarà di 1,5 punti percentuali più basso rispetto ai tassi applicati dalle banche.

Un beneficio possibile grazie allo stanziamento di 1,6 milioni di euro da parte della Giunta regionale.

Il provvedimento dovrebbe attivare un volume di finanziamenti stimato in 106 milioni di euro, credito concesso alle imprese agricole, senza distinzioni tra i settori di produzione, attraverso il sistema degli organismi di garanzia Agrifidi.

“Negli ultimi 5 anni di crisi mondiale – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – la Regione ha stanziato 8,6 milioni di euro per tassi agevolati, attivando prestiti per oltre 516 milioni di euro. In questo modo gli agricoltori emiliani e romagnoli hanno sofferto meno la stretta del credito operata dalle banche”.

Questi ultimi finanziamenti, concessi per un importo minimo di 6mila euro e massimo di 150mila, andranno in via prioritaria ai giovani imprenditori under 40, così come a quelli che nel corso della precedente campagna agraria avevano già contratto un prestito in regime de minimis.

Le imprese potranno presentare domanda al proprio Istituto di credito e all’Organismo di garanzia di appartenenza entro il 14 marzo 2014.

Gli Agrifidi provvederanno direttamente all’istruttoria dell’istanza, alla concessione e alla liquidazione del contributo in conto interesse all’impresa beneficiaria, utilizzando le risorse assegnate dalla Regione. I prestiti, che sono a breve termine con durata fino a 12 mesi, coprono le spese che l’imprenditore agricolo deve anticipare per il completamento del ciclo produttivo-colturale, fino alla vendita dei prodotti.

Il sistema degli Organismi di garanzia agricoli è attualmente costituito, a seguito di alcune fusioni, da tre cooperative che operano a livello interprovinciale. Si tratta degli Agrifidi interprovinciali di Bologna-Ravenna-Forlì-Cesena e Rimini, Parma-Piacenza e Ferrara-Modena-Reggio Emilia.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.