Nuovo PSR: presente e futuro dell’agricoltura regionale

Crescono i fondi a disposizione (1,19 miliardi di euro) grazie al raddoppio della quota regionale da 106 a 203 milioni di euro

The Rain is comingL’Agricoltura, un tempo, si chiamava “settore primario”. E primaria importanza vuole dargli la Regione Emilia-Romagna, che per l’agricoltura ha messo a bilancio 1,19 miliardi di euro, nel periodo 2014-2010, per mezzo del nuovo Programma regionale di sviluppo rurale (Psr).

Perché il settore primario avrà pure perso, nei decenni, lavoratori e importanza economica. Ma non ha perso il suo ruolo strategico per l’economia del paese, sul piano dell’autosufficienza alimentare, e come presidio del territorio contro i dissesti idrogeologici.

Il nuovo Piano, concordato nei giorni scorsi dalla conferenza Stato-Regioni, registra 131 milioni di euro in più rispetto al settennato precedente: “Un risultato – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – reso possibile dall’impegno finanziario della Regione Emilia-Romagna, che ha raddoppiato la propria quota di contribuzione da 106 a 203 milioni di euro. In questo modo siamo riusciti ad ottenere il budget più alto tra le Regioni del centro nord Italia”.

Il Psr 2014-2020 vuole aumentare prima di tutto, la redditività del settore agricolo, ampliando la platea dei beneficiari, stimolando le reti d’impresa per condividere tecnologie, investendo sulla filiera. Obiettivo importante anche la tutela del territorio rurale, per mezzo del contrasto al consumo di suolo, la riduzione gli adempimenti burocratici e favorire l’inserimento dei giovani nel settore.

Su 1 miliardo 190 milioni di euro, le risorse che arrivano dall’Europa ammontano a 513 milioni di euro (il 43 per cento del totale, 29 milioni in più rispetto al Psr 2007-2013), mentre la quota statale è di 474 milioni (il 40 per cento del totale, circa 6 milioni in più).

La nuova Politica agricola comune (Pac) europea prevede poi quattro piani nazionali (senza cofinanziamento regionale) che garantiranno ulteriori risorse al territorio emiliano-romagnolo: il Piano per la gestione del rischio contro le calamità naturali e le crisi di mercato (1 miliardo 640 milioni di euro), il Piano irriguo (300 milioni di euro), il Piano per la biodiversità animale (200 milioni di euro) e quello per la Rete Rurale Nazionale (100 milioni di euro).

Tornando ai fondi del Psr, il 44 per cento delle risorse saranno indirizzate ad aumentare la competitività del sistema agricolo e agroalimentare attraverso il sostegno alle aggregazioni di imprese e alle diverse forme di agricoltura organizzata.

Alle misure di carattere ambientale e all’agricoltura biologica andranno il 38 per cento delle risorse. Rientrano in questo ambito anche gli interventi per la riduzione dei consumi idrici, il contrasto ai fenomeni di dissesto e di erosione del suolo, la lotta al cambiamento climatico, lo sviluppo delle bioenergie.

Altro capitolo importante: il trasferimento della conoscenza e dell’innovazione (8 per cento delle risorse) attraverso i Gruppi operativi per l’innovazione, che rappresentano una delle novità della nuova programmazione 2014-2020. Anche in questo caso si tratta di reti di impresa tra aziende agricole, centri di ricerca e di assistenza tecnica.

Alla salvaguardia del territorio rurale andrà il 7,5 per cento delle risorse, con un’attenzione particolare alla montagna e all’agricoltura periurbana, mediante il finanziamento dell’agricoltura sociale, della vendita diretta, della multifunzionalità delle aziende. Previste anche iniziative per valorizzare i prodotti di montagna rispetto a quelli di pianura e forme di tutoraggio per i giovani che vogliono insediarsi nelle zone appenniniche.

Il 2,5 per cento delle risorse del nuovo Psr sarà destinato all’assistenza tecnica.

A giugno saranno poi a regime il Sistema informativo agricolo e il Registro unico dei controlli, strumenti in grado di alleggerire gli adempimenti a carico delle aziende.

Il Psr passerà all’esame dell’Assemblea legislativa in primavera, mentre entro la fine dell’estate è prevista l’approvazione a Bruxelles.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.