Combattere lo spreco: dal risparmio alla qualità della vita

Il 5 febbraio si celebra la giornata nazionale contro lo spreco alimentare. A breve un Piano nazionale contro lo spreco.

Farmers' MarketSi spreca meno cibo ma purtroppo la causa, a quanto pare, è della crisi economica. Da un ultimo sondaggio promosso da Last Minute Market (una società spin-off dell’Università di Bologna), il 52 per cento degli italiani presta più attenzione al consumo degli alimenti acquistati.

Pochi mesi prima (nel 2013) il numero di cittadini che aveva diminuito lo spreco di cibo acquistato era al 45 per cento sull’anno precedente. Nonostante questo lo spreco complessivo ammontava comunque ad un cifra impressionante, stimata in 8,7 miliardi di euro (7,06 euro a famiglia per settimana).

I dati sono riportati nell’ultimo sondaggio realizzato dall’Osservatorio sugli sprechi alimentari delle famiglie italiane (Waste Watcher, promosso da Last Minute Market, Swg e il Dipartimento di Scienze e tecnologie agroalimentari dell’Università di Bologna), un rapporto che conferma come negli ultimi 6 mesi gli italiani siano stati molto più accorti nelle loro spese alimentari.

Più attenzione anche sulle date di scadenza, con il 63 per cento degli intervistati che verifica comunque la bontà di un cibo scaduto contro il 55 per cento dell’anno precedente. Cautele maggiori anche in fase di acquisto, evitando di comprare confezioni troppo grandi (64 per cento) e cibi deperibili (63 per cento). Il 58 per cento del campione, poi, ha affermato di evitare di cucinare troppo cibo.

Mercoledì 5 febbraio si celebrerà la Giornata nazionale contro lo spreco alimentare. Quel giorno si riunirà a Roma la consulta incaricata di elaborare il Piano nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, il primo nella storia d’Italia. Per arrivare al Piano si confronteranno enti, associazioni, organizzazioni e imprese coordinati da un gruppo nominato dal ministro dell’Ambiente Andrea Orlando. Tutti gli attori della filiera e le organizzazioni attive nella lotta agli sprechi alimentari che vorranno dare il proprio contributo saranno chiamati a esprimere indicazioni e buone pratiche per ridurre gli sprechi di cibo e la produzione di rifiuti.

“Come Regione Emilia-Romagna – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – abbiamo sostenuto il Last minute market a partire dal 2006, destinando a queste tematiche fondi che ci vengono destinati dall’Antitrust, frutto delle sanzioni comminate dall’autorità stessa. Al di là del sostegno economico, però, è importante sottolineare come ridurre lo spreco di cibo, crisi o non crisi, rappresenti un cambio di mentalità, una faticosa inversione di tendenza dopo decenni di bombardamento consumistico. Per questo seguirò con grande attenzione il percorso di elaborazione del Piano nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, che può rappresentare una pietra miliare nel percorso verso una società diversa, più sostenibile ed equa”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.