La ricostruzione della mulattiera di San Piero in Bagno

Un esempio di partecipazione, passione civica e coesione sociale l’impresa realizzata dai cittadini per recuperare il simbolo del paese.

Mille metri in salita, quasi 80mila pietre, 130mila euro di donazioni, a cui si aggiungono oltre 12mila ore di lavoro volontario, per un valore stimato di oltre un milione di euro. Ci sono voluti sabbia, sudore e tanta passione civica per portare a termine quella che, probabilmente, è una delle più importanti opere pubbliche di iniziativa popolare e sociale realizzate in Italia: il recupero della strada medioevale che da San Piero in Bagno, borgo sull’Appennino romagnolo a una cinquantina di chilometri da Cesena, porta su fino al castello di Corzano e alla chiesa in cui è custodita l’effigie della Madonna, patrona e protettrice del paese.

“Il recupero dell’antica mulattiera di San Piero in Bagno – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, che l’ha visitata di recente – è un bellissimo esempio di partecipazione, passione civica e coesione sociale: un’opera che sarebbe stata impossibile senza l’impegno gratuito e appassionato di tanti volontari, che ci da la misura della forza e del valore della cittadinanza attiva”.

“È stata una opera paesana’, un progetto di tutta la comunità” dice Marco Baccini, presidente dell’associazione di promozione sociale Il faro di Corzano, creata nel 2008 per rendere concreta quella idea un po’ folle, partorita attorno a un tavolo da quattro sampierani, di ripristinare l’antica mulattiera “che rappresenta il simbolo dell’identità del paese”. Alla fondazione dell’associazione i soci erano 27, oggi, “senza che si sia attivata alcuna campagna di tesseramento”, sono oltre 400. I lavori sono iniziati il 12 giugno 2009. “Uno, due giorni dopo cominciò ad unirsi altra gente, chi ci portava da mangiare e da bere, chi si caricava i sassi a braccia, ci siamo sbalorditi e ci siamo sentiti invincibili” aggiunge Floriano Gulmanelli, il responsabile della contabilità del cantiere.

Nel settembre del 2012, con due anni di anticipo, è stato completato il rifacimento dei primi 900 metri di strada, a cui nella scorsa estate se n’è aggiunto un altro tratto di un centinaio di metri. Il merito è dei giovani e degli anziani del paese, che si sono rimboccati le maniche per posare, una alla volta e secondo le tecniche dell’epoca, le pietre sul sentiero consunto dai secoli. Capomastri, operai edili, artigiani e geometri in pensione ci hanno messo la testa e tutta la loro esperienza, studenti e universitari le braccia per i lavori di fatica. Imprese locali hanno dato camion e macchine per il movimento terra (e la guida del muletto, su e giù per la collina, era prerogativa di un novantenne, che non si è perso un giorno di lavoro), mentre le donazioni spontanee (quasi 800) di banche, fondazioni, associazioni di categoria e semplici cittadini hanno permesso di coprire i costi per l’acquisto dei materiali.

All’impresa, che è stata anche premiata dalla Regione Emilia-Romagna, hanno partecipato, rigorosamente come volontari, anche liberi professionisti, turisti e pure cinque profughi ghanesi provenienti dalla Libia: tutti insieme per ridare vita al simbolo, religioso e laico, di San Piero in Bagno. “Novantadue persone hanno lavorato nel cantiere e molti non sono neanche di qui – continua Antonio Teverini, ideatore e motore del progetto –. Al santuario siamo tutti legati, indipendentemente dalla religiosità, tant’ è vero che, sembra un paradosso, chi ha fatto di più sono proprio i non credenti”.

“Il cantiere è diventato una sorta di luogo di ritrovo paesano – riprende Marco Baccini –. Quello che contraddistingue questa iniziativa è proprio la trasversalità, un filo che ha permesso di unire spontaneamente così tante persone in nome dei valori tradizionali e della cittadinanza attiva, e di ritrovare una forte coesione sociale”. Il lavoro premia e a San Piero in Bagno ci hanno preso gusto. Quelli dell’associazione Il faro di Corzano non vogliono infatti fermarsi più e hanno già in mente i prossimi progetti: portare il percorso della mulattiera giù fino alla piazza del paese, recuperare il centro storico, rendere visitabili i resti del castello. “Opere di questo tipo – conclude Stefano Gradassi, assessore all’Urbanistica di Bagno di Romagna –, generano un meccanismo di arricchimento culturale e sociale, che va ben al di là del milione di euro”.

Qui di seguito un video, realizzato dalla Regione Emilia-Romagna, racconta il recupero della vecchia strada che porta al santuario di Corzano:

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to La ricostruzione della mulattiera di San Piero in Bagno

  • Loris Babbini

    Damiano questa sì che è davvero una fantasticissima iniziativa riuscita!!!!! Io voglio provarci con le aziende agricole delle colline di Cesena!!! Per ora siamo associate nel nome della ciliegia, ma vedrai che cresceremo!!!!! Hai già visto il messaggio su FB??? Per ora un caro saluto!!!
    Zaaaoooooo!!!!!

  • valeriano

    Mi chiamo Valeriano Viroli e sono un ricercatore autodidatta per quanto riguarda la storia del paese di Teodorano, Comune di Meldola. Mi è piaciuta molto questa Vostra iniziativa. Lodevole su tutti i punti di vista e ritengo che riportare agli antichi fasti opere di questo valore è encomiabile sia dal punto di vista storico, paesaggistico ed anche… salutare, perchè chi ripercorrerà questo tratto di strada potrà rendersi conto dell’ingegnosità dei vostri avi. Complimenti sinceri e prossimamente vedrò di poter venire nella zona e percorrere questo strada-sentiero ricreato con tanto sudore, impegno e tenacia.
    Con sincerità, auguri,
    Valeriano Viroli
    via G. Bentini 35 – 47122 FORLI’
    tel. 0543 21225
    cell. 347 8046228

  • Morelli Daniele ed Elena

    Complimenti! Siete riusciti a mettere insieme persone diverse per estrazione ma accomunate da una passione condivisa.
    Vorremmo “copiarvi” anche nel nostro paese, Villanova di Bagnacavallo (RA), per le vecchie fontane, i pilastrini votivi e per i cippi dei partigiani caduti… tutti luoghi comuni da preservare…
    ed anche a Monterchi (AR) per aggiustare i muretti a secco che stanno cadendo…
    Bravi.
    Ciao