Garantire il diritto allo studio ai ragazzi che vivono in montagna

Presentata una risoluzione per abbassare il parametro di costituzione delle pluriclassi nelle scuole di montagna.

Nei 102 comuni montani dell’Emilia-Romagna si trovano 156 scuole primarie, 86 secondarie e 35 secondarie di secondo grado, frequentate da circa 27mila studenti. Fra le questioni problematiche della scuola in territorio montano, derivate dai numeri limitati di studenti, c’è la presenza di pluriclassi nelle quali si mettono insieme studenti di età e di livello di apprendimento diversi, con evidente danno della qualità e della continuità dell’offerta didattica. Sulla questione alcuni Consiglieri del Partito democratico (primo firmatario Tiziano Alessandrini) hanno presentato una risoluzione con la quale chiedono alla Giunta regionale di agire in tutte le sedi affinché venga adottata una normativa nazionale per abbassare il parametro di costituzione della pluriclasse nelle scuole di ogni ordine e grado dei comuni montani.

Diciotto alunni in una pluriclasse sono troppi, per offrire un ambiente favorevole alla crescita integrale dei bambini e dei ragazzi. – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i firmatari del testo – Chi vive in montagna affronta ogni giorno tante difficoltà e la scuola non deve essere un’ulteriore penalizzazione: tutti i nostri studenti hanno diritto ad una scuola di qualità. Se in montagna chiude una scuola, si creano le condizioni per la scomparsa di un’intera comunità: dobbiamo fare in modo che questo non avvenga, per questo abbiamo chiesto un maggiore impegno al Governo”.

La risoluzione chiede alla Giunta di definire una fascia entro la quale individuare l’ottimale dimensionamento della rete scolastica e di promuovere progetti volti a superare le “sofferenze” di organico nelle piccole scuole, così da sostenere, potenziare e valorizzare questi presidi educativi, e i rispettivi territori.

Infine, si chiede alla Giunta di investire nella formazione degli insegnanti che operano nelle pluriclassi, garantendo una continuità pluriennale nelle scuole di montagna.

Nel documento si fa poi riferimento al progetto Scuola@Appennino, finanziato dalla Regione con oltre 300mila euro e coordinato insieme ad un gruppo interistituzionale (composto da Ufficio Scolastico Regionale, UNCEM, UPI e Lepida), rivolto a tutte le scuole di montagna dell’Emilia-Romagna, per favorire l’adozione di metodologie didattiche innovative con l’obiettivo di ampliare, innalzare e differenziare l’offerta educativa delle classi del territorio montano, che prevede anche programmi di formazione, metodologica e tecnologica, per gli insegnanti.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.