Favorire la donazione e il trapianto di organi

Porre in atto tutte le iniziative necessarie a favorire la piena applicazione del modello procedurale sperimentato dalla Regione Umbria, censire e promuovere tra tutte le amministrazioni locali progetti come quello avviato dal Comune di Bologna, per diffondere la cultura della donazione degli organi: è quanto chiede una risoluzione presentata da alcuni Consiglieri del Partito democratico (prima firmataria Paola Marani). Alla Giunta si chiede, inoltre, di lanciare un’adeguata campagna informativa, mirata e rivolta a tutta la popolazione, utilizzando gli strumenti più efficaci.

“A fronte di un’alta professionalità nei trapianti – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i firmatari della risoluzione – l’Italia fatica a far fronte alle richieste di organi e le liste di attesa crescono con il crescere della capacità di intervenire. Il progetto proposto prevede che i cittadini maggiorenni, recandosi all’anagrafe comunale in occasione del rilascio o del rinnovo della carta d’identità, possano indicare la propria volontà sulla donazione di organi e tessuti. Oggi in Italia ci sono circa 10mila pazienti in lista di attesa per un trapianto, che possono essere curati solo con una donazione di organi. Vogliamo che quella della donazione sia una scelta sempre più numerosa, da parte di cittadini consapevoli e informati”.

Attualmente, la legge prevede per i maggiorenni il consenso o diniego esplicito alla donazione, attraverso tre modalità: compilando e firmando un modulo che si richiede alle Asl e alle Aziende ospedaliere; firmando l’atto olografo dell’Associazione italiana donatori (Aido); scrivendo la propria dichiarazione in carta libera, completa di tutti i dati anagrafici, data e firma. In assenza di volontà espressa, a decidere sono i familiari.

La Regione Umbria (in collaborazione con il Ministero della Salute, il Centro Nazionale Trapianti e Federsanità-Anci) ha messo in campo un’ulteriore possibilità, aggiuntiva rispetto alle altre: esprimere la volontà (che viene registrata direttamente nel Sistema informativo trapianti del Ministero) firmando un modulo in occasione del rilascio o rinnovo della carta d’identità all’ufficio anagrafe. Anche il Comune di Bologna ha adottato un progetto simile, tramite il quale i cittadini bolognesi possono rendere chiara e inequivocabile la propria volontà.

La dichiarazione rilasciata presso il Comune ha valore legale e può essere modificata in qualsiasi momento, con una dichiarazione successiva e contraria alla precedente.

La risoluzione chiede alla Giunta regionale di mettere in atto tutte le iniziative necessarie a favorire la piena applicazione di questo modello procedurale, così da ridurre le liste di attesa e fare un passo avanti nella cultura della donazione.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Favorire la donazione e il trapianto di organi

  • Fringui

    Anche al Comune di Cesena è possibile – da dicembre 2012 – contestualmente alla richiesta o al rinnovo della carta d’identità, esprimere direttamente al funzionario di Anagrafe la propria volontà sulla donazione di organi e tessuti.

    Sarebbe utile però che il dipendente comunale ricordasse questa opportunità ai cittadini che non ne sono a conoscenza.