Il Piano regionale di gestione dei rifiuti

La Giunta dell’Emilia-Romagna, nell’ambito del percorso di elaborazione del proprio Piano rifiuti, ha adottato la “Proposta di Piano regionale di gestione dei rifiuti”.

Arte o rifiuti?Il 3 febbraio scorso, la Giunta regionale dell’Emilia-Romagna, con propria deliberazione, ha proceduto all’adozione della “Proposta di Piano regionale di gestione dei rifiuti”, ai sensi dell’art. 199 del D.Lgs. n. 152 del 2006.

Le fasi che hanno preceduto la delibera di adozione del Piano Rifiuti hanno visto dapprima l’approvazione degli altri due atti di Giunta che hanno individuato gli Indirizzi per l’elaborazione del Piano e il Documento preliminare, poi l’approvazione da parte dell’Assemblea Legislativa di un apposito Odg di merito. Nella fase preparatoria si è sviluppata un’ampia discussione ampia che ha coinvolto l’intera società regionale.

Ora, l’adozione formale del Piano, e la successiva pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione (con 60 giorni di tempo per la presentazione delle osservazioni), dà avvio alla fase che porterà alla sua approvazione definitiva, da parte dell’Assemblea legislativa.

I contenuti del Piano regionale
In attuazione delle politiche europee e nazionali, il Piano regionale mira alla riduzione dell’uso di risorse attraverso l’applicazione di una gerarchia di gestione dei rifiuti che pone al primo posto la prevenzione seguita dalla preparazione per il riutilizzo, il riciclaggio, il recupero di energia e, per ultimo, lo smaltimento.

Gli obiettivi da perseguire nell’arco temporale di validità del Piano (2014- 2020) possono essere così sintetizzati:
– ridurre a quantità e della pericolosità dei rifiuti prodotti;
– raggiungere un target minimo per la preparazione per il riutilizzo e il riciclaggio; incrementare la qualità e la quantità della raccolta differenziata;
– valorizzare il recupero di materia rispetto al recupero di energia;
– garantire l’autosufficienza per lo smaltimento dei rifiuti urbani e speciali prodotti nell’ambito regionale, mediante l’utilizzo ottimale degli impianti esistenti;
– recupero energetico delle frazioni di rifiuto per le quali non è possibile alcun recupero di materia; minimizzare lo smaltimento a partire dal conferimento in discarica;
– equa distribuzione territoriale dei carichi ambientali derivanti dalla gestione dei rifiuti.
Il Piano regionale attuerà altresì il “principio di prossimità”, tenendo conto del contesto geografico e della necessità di impianti specializzati per determinate tipologie di rifiuti, nonché della effettiva presenza di un consolidato mercato del recupero.

Per raggiungere tali obiettivi è necessario agire in modo coordinato su diverse linee di intervento, che vedranno l’impegno di tutti i soggetti coinvolti nel ciclo di gestione: dall’Agenzia Territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e i rifiuti alle Province, dai Comuni alle società pubbliche o miste di gestione, fino ai cittadini.

Al fine di sviluppare la più ampia discussione di merito, sia sugli aspetti politico-programmatici, che sulle scelte tecnico-operative e sugli obiettivi del Piano, qui di seguito, è possibile scaricare tutta la DOCUMENTAZIONE:
Delibera di adozione;
Proposta di Piano regionale di gestione dei rifiuti (così articolata: quadro conoscitivo; inquadramento generale; rifiuti urbani; rifiuti speciali; programma e linee guida; monitoraggio; norme tecniche di attuazione) rapporto ambientale e studio di incidenza.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.