“Scommetto su Matteo Renzi, vuole davvero cambiare le cose”

Damiano Zoffoli l’ha conosciuto prima che diventasse sindaco di Firenze, ed è stato renziano in tempi non sospetti.

Matteo Renzi a CesenaLA VOCE di Romagna – sabato 15 febbraio 2014.

Si conoscono da prima che Matteo Renzi diventasse sindaco di Firenze. Era presidente della Provincia, e Damiano Zoffoli, ex sindaco di Cesenatico, attuale consigliere regionale del Pd e renziano della prima ora (quando non andava ancora di moda…) – lo ricorda come un ragazzo in gamba. “È sempre stato molto determinato ed ero sicuro, già al tempo, che sarebbe arrivato lontano. Per me quello che è accaduto non è una sorpresa”. Per Zoffoli non sarà una sorpresa, ma tutto il mondo cesenate del centrosinistra si sta interrogando, tra il timore che anche Renzi, il “rottamatore sia come gli altri, tra fame di potere e inciuci vari, e la voglia, invece, che ci sappia sorprendere con effetti pirotecnici. “È giusto che la politica sia anche sfida, rischio – spiega Zoffoli – e lui ne è un esempio. Davanti a una posizione di stallo in cui, purtroppo, eravamo, la sua è stata una scelta di responsabilità”.

Ma non poteva aspettare di andare alle votazioni?
“Con cosa, con la legge elettorale vecchia? Anzi, penso proprio che l’accordo elettorale con Berlusconi, ottenuto in 3/4 giorni e poi vedere che in Parlamento si è tutto bloccato, impaludato, sia stata una delle molle che l’ha deciso a entrare in gioco direttamente. Ha capito che bisogna essere dentro agli ingranaggi per provare a cambiare veramente.

Sta rischiando parecchio
“Dobbiamo anche considerare che l’85% del Pd è con lui. La volontà del partito si è espressa. Il Partito democratico è la maggioranza relativa del Paese e quello che deve offrire in questo difficile momento al Paese è il suo leader. E che mesi fa è stato votato da milioni di persone che hanno detto “Vai e rappresentaci…”

Lei che lo conosce cosa farà come prima cosa?
“Secondo me una delle prime sfide con cui si misurerà sarà cercare di cambiare l’amministrazione dello Stato. Via i vecchi dirigenti della burocrazia, i direttori generali. Sono loro che frenano, rallentano le riforme.

A chi lo accusa, come Grillo, di essere un arrivista, cosa risponde?
“Per essere leader ci vuole una certa ambizione e non vedo cosa ci sia di male. Ma non confonderei la scelta che ha fatto con un semplice arrivismo. Sarebbe sciocca E Renzi sciocco non è. Io penso che, come diceva Sant’Agostino, “La speranza ha due bei figli: la rabbia ed il coraggio. La rabbia nel vedere come vanno le cose, il coraggio di vedere come potrebbero andare.” Ecco, lui ha il coraggio, in molti grillini, per ora, vedo solo la rabbia.

L’ha sentito al telefono?
“Ho sentito i suoi collaboratori più stretti, lui è stato molto occupato. Gli ho mandato un messaggio in cui l’ho incoraggiato per la scelta.

Se fallisce
“Se fallisce penso che Grillo dilaghi Resta il fatto che bisogna vedere se i grillini sono capaci di trasformare la protesta in proposta. Non so se all’Italia è rimasto tanto tempo per fare esperimenti.

Elisabetta Boninsegna

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to “Scommetto su Matteo Renzi, vuole davvero cambiare le cose”

  • Fringui

    Ecco cosa scriveva Renzi a pagina 28 del suo ultimo libro “Oltre la rottamazione” (maggio 2013).

    “(…) Nella politique politicienne il mors tua vita mea è un valore indiscutibile. Per ci se vogliamo farci spazio dobbiamo fregare quello che sta davanti a noi. No, grazie. E’ uno stile che non mi appartiene. Non è cosa per noi. Io mi ostino a credere che i tempi siano cambiati. Sarà una mia beata ingenuità, ma credo che essre leali non soltanto sia eticamente giusto. Ma sia anche sconveniente. Non è solo per amicizia personale verso Enrico Letta che mai accetterei di fare il segretario del Pd per avere in mano la vita o la morte del suo governo. Ma è anche per una questione di dignità. (…)”.

    Proprio perchè in politica gli scenari cambiano repentinamente (e Renzi non è certo uno sprovveduto), un politico dovrebbe essere molto cauto nel fare promesse. Perchè non vedo differenze tra il comportamento di Renzi (con presa per i fondelli del #enricostaisereno, invece di affermare chiaramente che avrebbe preso il suo posto nel caso niente fosse cambiato) e quando Bersani in campagna elettorale prometteva che il Pd non avrebbe mai governato con Berlusconi (cosa che poi si è verificata).

    Al di là delle motivazioni più o meno valide che hanno portato l’ex sindaco di Firenze a silurare il governo Letta, penso che per onestà intellettuale – e se le parole hanno ancora un significato – i suoi sostenitori non possano sorvolare sul fatto che queste promesse di rinnovamento, coerenza e rottamazione (e qua sarà curioso vedere i nomi dei ministri ….) siano state purtroppo disattese.

  • antonio savoia

    Ho votato Renzi. Gli contesto alcune affermazioni per la non coerenza come quella che non sarebbe mai andato al governo con le alchimie di palazzo, tipiche della politica italiana. Grazie a Renzi, l'”araba fenice” è risorta. Al momento opportuno, il dissacratore dell’Italia e condannato per reati fiscali dopo che Renzi gli avrà tirato la volata, vincerà le prossime elezioni e, di Renzi dirà:”Renzi chi!”. Le idee buone sono fatte per camminare ma, se non ci sarà il consenso del popolo, non andranno da nessuna parte.L’italiano è un provinciale,individualista e conservatore. Vuole tutto dallo stato dando poco o niente come gli evasori fiscali. Ecco perché tanti italiani votano a destra. In corso d’ opera ne valuteremo l’operato. Auguri di buon lavoro Matteo. Per il popolo onesto di questo strano Paese sei la nostra ultima speranza. Da oggi, sei il “Francesco” per l’Italia. Attento anche ai “nemici” di partito. Il “giaguaro” conta anche su questo.