Non mettiamo bastoni tra le ruote al volontariato

Mirandola: la tensostruttura delle MarcheA riconoscere i meriti del volontariato a parole, son buoni tutti. Tanto più in tempo di crisi economica, quando l’impegno dei volontari nelle tante associazioni del terzo settore si rivela critico, o ancor più decisivo, nei confronti dei bisogni di molte persone.

Per aiutare il mondo del volontariato, diversi consiglieri regionali Pd dell’Emilia-Romagna hanno presentato all’Assemblea legislativa una risoluzione per chiedere alla Giunta di sostenere, in tutte le sedi preposte, gli opportuni adeguamenti della legislazione nazionale e regionale, affinché il volontariato possa “esplicare appieno la propria funzione di veicolo di cittadinanza attiva e inclusione sociale”.

In particolare, la risoluzione chiede di promuovere “l’analisi di un sistema di rendicontazione del rimborso delle spese sostenute maggiormente appropriato alla natura e al ruolo sociale del volontariato”.

“Secondo i dati del registro regionale del volontariato – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i firmatari della risoluzione – in Emilia-Romagna operano quasi 3mila associazioni, una cinquantina di livello regionale e le altre concentrate sul proprio territorio. Si va dalla sanità, all’assistenza sociale, fino ai cosiddetti nonni vigile, attività utile tanto ai bambini quanto agli anziani. Queste realtà di volontariato operano tramite convenzioni con gli enti locali. Convenzioni che, però, richiedono una complessa rendicontazione dei rimborsi spese, un carico burocratico che sottrae tempo e risorse alla prima missione dei volontari: donarsi agli altri. Per questo abbiamo presentato questa risoluzione, per semplificare la vita a chi spende la propria per gli altri”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Non mettiamo bastoni tra le ruote al volontariato

  • Semplificare è un ottimo e degnissimo proposito che ogni cittadino non può non sostenere e promuovere, sia nel sociale che nel mondo del lavoro.
    In quest’ultimo soprattutto vigono procedure che appesantiscono (spesso inutilmente) ogni procedura, rendendo difficile il facile mediante l’inutile.
    Va rimodellata la coscienza di ognuno, promuovendo ed educando a pratiche di buon senso, normare tutto significa ingessare e noi lo siamo fin troppo, abbiamo troppe norme fra l’altro poco chiare e spesso contraddittorie che in molte occasioni finiscono per ottenere l’effetto contrario a quello per cui sono state promulgate.