Garantire la connessione a banda larga su tutto il territorio regionale

Mind the Gap“Garantire a tutti i cittadini dell’Emilia-Romagna la possibilità di connettersi a Internet a Banda larga, azzerando la quota di coloro che oggi non possono far altro che rivolgersi ad operatori satellitari”. È quanto sollecita alla Giunta regionale Damiano Zoffoli (Pd) in un’interrogazione nella quale ricorda che “diversi cittadini lamentano ancora l’impossibilità di collegarsi ad internet ad una velocità ragionevole per gli standard odierni e comunque inferiori ai 2Mbps previsti nel Piano telematico regionale 2011-2013”.

Secondo i dati forniti da Lepida spa nella sua ultima newsletter istituzionale, per ciò che riguarda la Banda larga risulta che la percentuale di popolazione regionale “coperta” raggiunge il 97,6%, sommando coloro che usano l’Adsl su rete fissa (90,07%) a quelli che accedono alla rete in modalità wireless. Mentre il resto della popolazione potrebbe comunque accedere alla rete via satellite.

“Tuttavia – fa notare Zoffoli – l’accesso a internet via Adsl o radio risulta più fruibile rispetto al satellite, inoltre alcune centrali che erogano il servizio Adsl, come ad esempio quella di Macerone di Cesena, risultano essere sature e, non accettando nuovi clienti, lasciano di fatto scoperte fasce di potenziali fruitori del servizio”.

Di qui l’interrogazione alla Giunta “per sapere come intenda garantire a tutti gli emiliano-romagnoli la possibilità di una connessione a Banda larga in modo uniforme: un’esigenza irrinunciabile tanto per i cittadini quanto per le imprese, dato che tocca tutti gli aspetti del quotidiano, dall’accesso ai servizi fino alle opportunità di lavoro”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

8 comments to Garantire la connessione a banda larga su tutto il territorio regionale

  • Alex

    Salve,

    innanzitutto la ringrazio per l’impegno su questo problema.
    Le volevo chiedere se è a conoscenza delle date o della fattibilità dell’inizio dei lavori di installazione della fibra ottica tra San piero in bagno e Alfero. Come da lei ribadito e giustamente contestato a Lepida, i lavori erano stati promessi di essere ultimati entro la fine del 2013, a tutt’oggi i lavori non sono ancora iniziati. Volevo sapere se lei è a conoscenza delle ragioni per cui ancora il progetto già stanziato non è mai stato attuato e portato a termine.

    Grazie.
    Cordiali saluti,

    Alex

    • caro Alex,
      la ringrazio innanzitutto per l’attenzione con cui segue il mio lavoro.
      riporto, qui di seguito, un articolo pubblicato sul Corriere Romagna di domenica scorsa, a firma di Alberto Merendi, con qualche dettaglio in più, anche in risposta alle sue domande.
      sarà inoltre mia premura pubblicare il testo della risposta formale dell’Assessore regionale Peri, alla mia interrogazione, non appena la riceverò.
      buona giornata,
      Damiano Zoffoli

      BANDA LARGA VERSO ALFERO: SERVONO ALTRI SCAVI
      Problemi di tracciato per portare la tecnologia nella frazione e poi a Verghereto
      Intanto il consigliere regionale Damiano Zoffoli (Pd) interroga e chiede le stesse possibilità per tutti i cittadini

      ALTO SAVIO. A breve cominceranno i lavori per portare i collegamenti digitali a banda larga da S. Piero ad Alfero. Subito dopo si dovrebbero avviare i lavori per portare il collegamento in fibra ottica da S. Piero a Verghereto, rimasto ormai l’unico Comune della Provincia senza questo collegamento. Il completamento della copertura del territorio con la banda larga e la possibilità di collegamenti internet adeguati e veloci sta registrando qualche ritardo rispetto ai tempi previsti e il consigliere regionale Damiano Zoffoli (Pd) ha presentato una interrogazione alla presidenza dell’assemblea regionale. Il consigliere chiede sia garantita a tutti i cittadini della Regione «la possibilità di connettersi a internet banda larga in maniera uniforme, azzerando la quota di coloro che oggi non possono far altro che rivolgersi a operatori satellitari». Il consigliere Damiano Zoffoli, nella sua interrogazione, ricorda invece che nel piano telematico 2011-2013 della Regione era previsto il superamento entro la fine del 2013 del divario digitale e la dotazione su tutto il territorio di una connettività “base” a una velocità ragionevole per le esigenze dei cittadini e delle imprese. Nello stesso tempo i lavori previsti da Lepida e Provincia per portare i collegamenti prima ad Alfero e poi a Verghereto andranno nuovamente a intaccare le strade provinciali con ulteriori necessità di scavi, nonostante Telecom disponga lungo questi tracciati di canaline tritubo non utilizzate. Per il collegamento tra S. Piero e Alfero si dovrà realizzare un’ulteriore canalina sotterranea in due tratti del percorso. Gli altri tratti del collegamento vedranno invece la banda larga “correre” lungo le lineee aeree di Telecom. I lavori molto probabilmente cominceranno da Alfero, perché rimane ancora da definire esattamente il percorso del collegamento nell’abitato di S. Piero. Per attraversare il Savio e portare la linea lungo la strada per Alfero, infatti, non sarebbe possibile utilizzare il Ponte dei Frati né prevedere un attraversamento sotto il greto del fiume, per cui in accordo con la Provincia si dovrebbe portare la banda larga fino al ponte della Provincia e lì attraversare il fiume per poi risalire verso Acquapartita e Alfero. Il successivo lavoro di collegamento con Verghereto dovrebbe invece portare la fibra ottica lungo la strada provinciale, una strada a forte rischio di deterioramento, con punti di larghezza ridotta e dove sarebbe presente una canalina tritubo di Telecom non utilizzata. Tra l’altro, visti i lavori in programma sulla E45, in caso di problemi e di deviazione del traffico sulla provinciale, i lavori non potrebbero avanzare. I collegamenti per Alfero e per Verghereto sono finanziati con fondi comunitari Feasr. Con fondi ministeriali, inoltre, si prevede la copertura a banda larga, nel corso del 2014, anche per Balze. (al.me.)

      (tratto da: Corriere Romagna di domenica 9 marzo 2014, pagina 18)

  • antonio savoia

    Oltre alla banda larga, credo sia opportuno garantire la ricezione dei canali RAI. A Ponte Abbadesse di Cesena, dove abito, specialmente di sera, la ricezione del segnale non è garantita con sicurezza. Succede così che si cerchi il segnale facendo la procedura di risintonizzazione canali, ma il problema sussiste. Anche il sindaco Lucchi ha scritto alla presidente della RAI ma nulla è cambiato. Sempre la stessa domanda: perché devo pagare un abbonamento per un servizio inaffidabile? Con l’analogico questi problemi non c’erano. Questo a dimostrazione che in certe zone le moderne tecnologie non funzionano. Dalla politica cosa mi devo aspettare?

    Antonio Marino Savoia

  • A completamento di quanto riportato nel testo dell’interrogazione, riporto, qui di seguito, alcune ulteriori informazioni, recentemente pubblicate sul sito istituzionale della Regione Emilia-Romagna, relative a nuove opportunità per le connessioni via satellite che, come ho precedentemente evidenziato, non sono comunque risolutive.
    Damiano Zoffoli

    Digital divide, agevolazioni in Emilia-Romagna per le connessioni via satellite
    Lepida SpA ha rinnovato gli accordi con gli operatori Open Sky e Noitel Italia: per tutto il 2014, cittadini e imprese potranno sottoscrivere abbonamenti a condizioni vantaggiose

    Lepida Spa – la società in house degli enti dell’Emilia-Romagna che si occupa di telecomunicazioni e amministrazione digitale – ha rinnovato gli accordi con gli operatori Open Sky e Noitel Italia che permettono ai cittadini residenti in Emilia-Romagna di acquistare pacchetti per la connessione a Internet in banda larga, tramite tecnologia satellitare, a condizioni agevolate. L’iniziativa rientra tra le attività promosse da Lepida per la riduzione del digital divide, visto che la tecnologia satellitare è particolarmente indicata per portare la banda larga nei territori difficilmente raggiungibili dalle infrastrutture di comunicazione che richiedono la posa di cavi.

    In virtù degli accordi, per tutto il 2014, i cittadini e le imprese dell’Emilia-Romagna potranno scegliere di sottoscrivere uno dei 5 profili di abbonamento offerti da Open Sky (Open Sky Easy, Open Sky Flat 20, 30 e 50 e Open Sky Flat), usufruendo anche di un mese gratis, o usufruire dei servizi di connessione forniti da Noitel Italia, avvalendosi di uno sconto sui canoni mensili e sul costo di attivazione, e potendo anche scegliere un nuovo profilo “a consumo” di recente attivazione.

    (tratto da: http://digitale.regione.emilia-romagna.it/news-dalla-regione/notizie-2014/marzo/digital-divide-agevolazioni-in-emilia-romagna-per-le-connessioni-via-satellite)

  • Matteo

    La mia azienda, come penso altre nel Comune di Cesena è in difficoltà. La zona dove attualmente siamo (centro Coming, zona concessionarie), ma anche in altre zone industriali che abbiamo valutato in passato prima di decidere il nostro insediamento, ha una connettività internet RIDICOLA.

    Si parla di BANDA LARGA a sproposito, quando è presente quando funziona, una misera connessione ADSL che la maggior parte delle volte va molto male. Un’azienda moderna, che si insedia in un tessuto produttivo come quello di Cesena, che lavora nel campo dell’informatica, ha numerosi clienti, e dipendenti che spesso lavorano fuori sede, non può più fare a meno di connettività in fibra, e non la solita misera ADSL.

    Mi meraviglio che insediamenti industriali come tanti ce ne sono a Cesena ne siano totalmente sprovvisti, e mi meraviglio anche che non sia uno dei punti principali dello sviluppo di questo territorio visto che da 10 anni a questa parte non abbiamo visto modifiche significative in merito.

    Tutto ciò per fare presente che bisogna ascoltare le esigenze di chi fa impresa e investire ADESSO in queste tecnologie perché il rischio è di provocare un emorragia di aziende che cercano questi servizi, e nel luogo dove hanno deciso di fare impresa non li trovano, non hanno interlocutori, non hanno una visione del futuro che gli da qualche speranza sugli investimenti fatti dalle amministrazioni, e quindi sono costrette a migrare verso le grandi città, o comunque dove questi servizi ci sono o in prospettiva vengono proposti.

    Un po’ come succede al paese Italia con le aziende estere che non investono nel nostro territorio proprio per lo stesso identico motivo, nessuna prospettiva e pianificazione certa.

    • Gentile Matteo,
      il problema sollevato è reale. Lepida spa, fino ad oggi, si è occupata di connettere tra loro in fibra ottica gli enti pubblici (Regione, Province, Comuni), il sistema sanitario (Ausl, ospedali) e d’istruzione (scuole e università). Questa dorsale di fibra pubblica è stata poi usata, in accordo con gli operatori (concentrati sul cosiddetto “ultimo miglio”), per estendere la copertura Adsl ad alcuni territori che ne erano privi.

      L’apertura ai privati della rete di fibra pubblica in maniera diffusa non è in agenda, diverso il caso di singoli progetti pilota. Uno di questi è partito proprio domenica scorsa a Pieve di Cento (Bo), comune colpito dal sisma del maggio 2012. Qui, grazie alla collaborazione tra Comune, Regione e investitori privati, tutti i 7mila cittadini di Pieve possono ora avere accesso alla banda ultra larga.
      In particolare, il Comune ha messo a disposizione le tubazioni di sua proprietà, mentre l’operatore locale Nexus srl ha investito nella realizzazione del cablaggio in fibra ottica sfruttando la rete di Lepida.

      Non è ipotizzabile oggi pensare di attuare una diffusa copertura Ftth (fibra fino al domicilio) del territorio regionale con soldi pubblici. Diverso il caso di singole collaborazioni con gli operatori privati, come nel caso citato.

      Damiano Zoffoli

  • Ugo

    Salve,
    Io sono residente ad Acquapartita , un’ altra frazione di San Piero dove usare internet è più un calvario che un piacere.
    Visto che con l’evolversi delle tecnologie e lo spostarsi di alcuni servizi, vedi home banking accesso a banche dati ecc.ecc,la velocità e sempre più importante ho letto con immenso piacere e costatato di persona che i lavori da giorni sono iniziati.
    Le mie domande sono:
    Anche Acquapartita rientra tra le frazioni che usufruiranno della nuova linea,dato che si parla, si di collegare Alfero a SanPiero con cavo a fibra ottica ma non si parla di come il servizio sarà distribuito nelle varie frazioni.
    Che tempi si prevedono per l’effettiva messa in funzione e fruizione del sistema banda larga.
    Ringraziandola anticipatamente la saluto.