Il Piano della Regione per combattere l’azzardo patologico

Varato dalla Giunta, il documento passa ora al vaglio dell’Assemblea legislativa regionale.

Slot MachinesLa lotta all’azzardo patologico passa dalle buone intenzioni alle misure concrete. La Giunta regionale ha approvato, nei giorni scorsi, il primo Piano triennale (valido per il periodo 2014-2016) “per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco patologico”.

Il provvedimento (figlio della legge regionale 5/2013 del luglio scorso) passa ora all’esame dell’Assemblea legislativa. Poi, una volta approvate dall’aula, le nuove norme saranno finalmente operative.

“Oggi in Italia ci sono oltre 400mila slot-machine e video-lottery – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – ai quali bisogna aggiungere lo sterminato campo dei giochi online, liberalizzati di fatto quasi tre anni fa. In Emilia-Romagna, secondo le ultime rilevazioni, i giocatori ad alto rischio di dipendenza sarebbero circa 10mila. Ai Sert della nostra Regione si sono rivolti, per dipendenza da gioco, 802 persone nel 2012 e il trend è in costante crescita rispetto agli anni precedenti. Sono numeri impressionanti, che ci spronano a mettere in campo tutte le azioni possibili per arginare questa autentica piaga sociale”.

Il Piano prevede una serie di azioni per organizzare le modalità di contrasto all’azzardo patologico e per individuare le strutture chiamate a collaborare all’Osservatorio regionale sul fenomeno.

Il primo filone tocca la prevenzione dei rischi di dipendenza dal gioco patologico. Per questo la Regione inserirà il tema all’interno della pianificazione sociale e sanitaria, nonché nell’area delle politiche per la sicurezza. Una prevenzione fatta di messaggi non proibizionisti, ma responsabilizzanti sui temi delle scelte consapevoli. Sul fronte delle scuole saranno formati gli insegnanti, mentre le giovani generazioni saranno raggiunte anche per mezzo dei social network. Confermato il sostegno all’associazionismo e al volontariato impegnato sul tema.

Secondo fronte è quello della formazione. Entro un mese dall’approvazione del piano saranno definiti i corsi per i titolari e il personale delle sale da gioco, da avviarsi entro l’anno. Altre iniziative formative saranno rivolte agli operatori sociosanitari e ai membri delle polizie locali.

Il numero verde regionale per informazioni o richieste di aiuto (800 033 033) sarà potenziato con la formazione del personale, al quale saranno resi disponibili dati aggiornati e informazioni puntuali sul fenomeno, i giochi legali e quelli fuorilegge.

Continuerà la diffusione di materiale informativo sul gioco d’azzardo patologico sia in modalità cartacea che su Internet, già reperibile in un’apposita sezione del sito Saluter.

La Regione rilascerà il marchio marchio “Slot freE-R” agli esercenti che non ospitano apparecchi da gioco. Sui siti dei Comuni sarà tenuto aggiornato un elenco delle attività che possono fregiarsi del marchio, a loro riservato, che costituisce prerequisito per l’ottenimento di forme di valorizzazione ed eventuali incentivazioni di carattere economico.

Tramite un coordinamento tra assessorati, la Regione fungerà poi da Osservatorio sul fenomeno del gioco d’azzardo. Tra gli impegni dell’Osservatorio, quello di promuovere lo scambio e la diffusione di esperienze e buone pratiche territoriali di prevenzione e contrasto alla dipendenza da gioco patologico.

È possibile scaricare il testo della DELIBERA, contenente il Piano, cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Il Piano della Regione per combattere l’azzardo patologico

  • Pier

    Brevemente
    ma davvero le azioni sopra indicate sono un efficace deterrente al gioco d’azzardo ???
    Ma avete mai avuto a che fare con dei giocatori ? sapete cosa se ne fanno dei cartelli e del materiale informativo ?
    Perchè invece non vengono fatte le corrette sanzioni agli evasori che gestiscono questa pratica che condanna migliaia di famiglie
    Perchè non lo vietate nei luoghi pubblici
    Perchè non fate in modo che sia fortemente circoscritto a zone ben identificabili e non di facile accesso ?
    Queste sono azioni, il resto sono chiacchiere

    Saluti

    Pierangelo Arfelli