Stop al consumo di suolo

Nuovi strumenti di pianificazione territoriale per raggiungere gli obiettivi europei.

Nei giorni scorsi l’Assemblea legislativa ha approvato una risoluzione che chiede alla Giunta di rivedere, entro l’attuale mandato amministrativo, la normativa regionale sulla pianificazione territoriale, fissando “in tempi certi l’obiettivo vincolante di consumo netto di suolo zero”.

Nel testo si fa anche riferimento al progetto di legge in via di predisposizione da parte della Giunta regionale (che, dopo il parere del Consiglio delle autonomie locali (Cal), a breve arriverà in Commissione assembleare) “attraverso il quale si dovranno orientare gli strumenti di pianificazione locale”, così da ottenere l’obiettivo indicato.

“In Emilia-Romagna – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffolitra il 2003 e il 2008 le superfici artificializzate sono aumentate di ben 15.446 ettari in pianura: un incremento dell’8,3% che dimostra che la cementificazione è cresciuta molto di più di quanto fosse necessario, dal momento che la popolazione è aumentata, nello stesso periodo, del 5,3%”.

La richiesta di revisione normativa – si legge nella risoluzione – dovrà essere fatta secondo determinati criteri. Se il primo è appunto quello di orientare gli strumenti di pianificazione per arrivare ad azzerare il consumo di suolo vergine, bisognerà anche accrescere in modo sensibile il costo del consumo di suolo vergine (ad esempio utilizzando meccanismi fiscali o oneri di urbanizzazione) e al contempo “rendere più conveniente il recupero dell’esistente”. La nuova normativa dovrà inoltre “inserire il principio della compensazione ambientale preventiva per opere infrastrutturali e nuove costruzioni che occupano suolo libero favorendo il ripristino agricolo e naturale di superfici impermeabilizzate inutilizzate”. Altro criterio: “Dare attuazione all’osservatorio regionale sulla pianificazione e ad un sistema di monitoraggio pubblico sul consumo del suolo, che permetta ai cittadini di accedere con facilità e immediatezza ai dati del fenomeno”. Da ridurre, infine, “il campo di applicazione delle varianti in accordo di programma” alle sole opere pubbliche, o a quelle opere di valenza pubblica che non comportino consumo di suolo vergine, o realizzate in espansione di nuclei abitati consolidati.

Nel documento si impegna inoltre la Giunta a individuare “strumenti idonei che possano agevolare i Comuni a rivedere al ribasso le previsioni non conformative dei piani urbanistici vigenti elaborati in un anomalo contesto del mercato immobiliare, del tutto sganciato dal reale fabbisogno e dagli odierni orientamenti normativi in campo europeo e nazionale”. Chiesti anche “strumenti economici, finanziari, fiscali, tecnici e normativi per facilitare riqualificazioni energetiche, sismiche ed estetiche del patrimonio edilizio esistente, con particolare riferimento ai quartieri e agli edifici di tipo condominiale”.

Il suolo – conclude Zoffoli – è un bene comune, finito e non rinnovabile. La nostra Regione, fin dal 2000, ha mostrato sensibilità su questo tema, inserendolo nella normativa quadro sull’urbanistica (legge n. 20/2000). Ora è giusto che alla consapevolezza raggiunta si aggiunga un ulteriore sforzo per dotarsi di strumenti normativi appropriati, che segnino il principio del consumo di suolo zero: bisogna puntare, con coraggio e decisione, sul riuso, sulla rigenerazione urbana e sulla riqualificazione dell’esistente. Obiettivi che sono ormai condivisi dall’intera società regionale, di estrema importanza anche per la prevenzione e la mitigazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Stop al consumo di suolo

  • antonio savoia

    L’ex ministro dell’ambiente Orlando, in una recente trasmissione di “Ambiente Italia” a proposito di consumo del suolo, faceva presente che da sei mesi una proposta di legge, in tal senso, giace dimenticata nei “famosi cassetti delle buone intenzioni”. La proposta prevede che, prima di consumare altro suolo, si debba utilizzare l’esistente. Un esempio, da non imitare, è quello del comune di Cesena che ha circa 3500 appartamenti vuoti, costruiti grazie alle “politiche ambientaliste” di amministrazioni di sinistra, con a capo due sindaci architetto. Nell’ultimo piano regolatore sono previsti, se non ricordo male, circa 500 appartamenti in un unica area denominata “quartiere Novello”. Non abbiamo bisogno che sia il grande architetto Renzo Piano a ricordarci che si consuma meno territorio costruendo in verticale, sopra e sotto il piano di campagna, come si è fatto in tutte le città del mondo. Sei stato sindaco di Cesenatico che, certamente, di suolo ne ha consumato tanto pur avendo tutta l’area ex colonie a disposizione. I turisti che vedono quei ruderi che deturpano l’ambiente da decine d’anni, si chiederanno che paese è questo che lascia in totale abbondono manufatti che sono costati barche di soldi. Domanda: solo adesso la politica si accorge dei danni provocati e che nel cemento non si coltiva l’insalata?