Reti a maglie larghe, sanzioni a maglie strette

Presentata un’interrogazione per sollecitare norme che evitino ai pescatori sanzioni per il piccolo pescato.

ST 26 - WEGA IILe maglie delle reti da pesca si sono fatte più larghe, tanto che ai pescatori nostrani resta ben poco. Mentre le maglie della burocrazia sono sempre più strette: se sgarri, anche involontariamente, non c’è scampo e vieni sanzionato. Stretti tra regolamenti comunitari e le difficoltà della crisi economica, alcuni pescatori alzano bandiera bianca mentre altri stringono i denti e chiedono aiuto.

Un appello raccolto dal Consigliere regionale Damiano Zoffoli, che ha presentato alla Giunta un’interrogazione perché la Regione si faccia promotrice, presso il Governo, di una norma che consenta ai pescatori di evitare sanzioni per il piccolo pescato.

Non si tratta di favoritismi: fino a qualche anno fa i pescatori dell’Adriatico potevano pescare come avevano sempre fatto senza timore di sanzioni. Poi una norma comunitaria, fortemente voluta dai paesi “nordici” dell’Unione europea, ha rivisto la normativa sulle reti, ampliando le maglie e penalizzando i pescatori nostrani a tutto vantaggio di quelli dei mari del Nord. I pescatori italiani si sono adeguati. Nonostante le maglie larghe, però, alle marinerie locali capita ancora oggi di trovarsi intrappolati nelle reti (a norma) del piccolo pescato, come i molluschi. Un fatto che li espone a sanzioni salate.

“Per questo ritengo opportuno – spiega Zoffoli – che il Governo ripristini una tolleranza del 10 per cento sul prodotto pescato, qualunque esso sia, in deroga alla taglia minima prevista dai regolamenti, per evitare che gli operatori incorrano in sanzioni. Il settore della pesca è già molto provato, basti pensare che nel giro di 10 anni l’Emilia-Romagna ha perso 400 battelli e i giorni di pesca si sono dimezzati. E dire che si tratta di un comparto economico importante, da 2,25 miliardi di euro nell’intero Paese, in crisi costante da un decennio, tra costi di produzione aumentati del 240 per cento, catture e occupazione in calo, redditività erosa. Una filiera parte integrante dell’economia regionale e nazionale, che merita regole nuove in grado di valorizzarne il ruolo produttivo, ambientale, alimentare e sociale”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Reti a maglie larghe, sanzioni a maglie strette

  • neri massimo

    Il 10% di tolleranza è quanto meno il minimo riconducibile al buon senso comune.
    Ciao
    M.N.