#laSvoltabuona: tutto Renzi, misura per misura

Dal taglio del cuneo al capitolo imprese, dai provvedimenti per casa, scuola e giovani alla legge delega per riorganizzare il mercato del lavoro, fino alla riforma del Senato e del Titolo V: i provvedimenti illustrati dal Presidente del Consiglio, e le relative coperture.

Consiglio dei Ministri n. 6«Cento giorni di lotta molto dura, per cambiare ad aprile la pubblica amministrazione, a maggio il fisco e a giugno la giustizia». Il nemico dichiarato è «chi dice che si è sempre fatto così». Ecco una sintesi del pacchetto di misure economiche e delle riforme istituzionali presentate da Matteo Renzi ieri pomeriggio, al termine del sesto Consiglio dei ministri da quando è Premier.

Il taglio del cuneo
Era la misura più attesa: 1.000 euro netti all’anno in busta paga (circa 80 euro in più al mese) per chi ne guadagna meno di 1.500 al mese. I destinatari del provvedimento sono «una platea di 10 milioni di persone», cioè coloro che guadagnano fino a 25mila euro lordi. Renzi li ha qualificati come «un po’ di ceto medio, non solo i meno abbienti» e ha inoltre annunciato che, dal 2015, la dichiarazione fiscale pre-compilata verrà inviata al domicilio dei contribuenti.

Imprese
Renzi ha annunciato una diminuzione del 10% dell’Irap per le aziende, spiegando inoltre che «entro luglio sarà sbloccato il pagamento di tutti i debiti che le pubbliche amministrazioni hanno con le imprese». Nelle slide presentate dal Premier si legge che 22 miliardi sono già stati erogati dal governo Letta, mentre altri 68 saranno erogati entro luglio. L’immissione di liquidità nel sistema, ha sottolineato Renzi, «comporta anche un effetto di maggiore gettito fiscale». Inoltre «è un segnale forte e chiaro che lo stato rispetta i patti, e che l’Italia rispetta le indicazioni europee sui temi di pagamento». In aggiunta Renzi ha annunciato che dal primo di maggio il costo dell’energia per le Pmi sarà ridotto del 10% attraverso una rimodulazione del paniere della bolletta energetica.
Il Governo inoltre ha stanziato «500 milioni in più per un fondo garanzia per combattere il credit crunch». Il fondo, ha ricordato il Premier, «ha già garantito 10 miliardi di euro di accesso al credito. È una misura importante e significativa, le aziende sanno quanto è importante».
Infine, «dal primo di giugno partirà un fondo per le imprese sociali da 500 milioni di euro», che è «una sorta di incentivo a inventarsi soluzioni alternative», ha spiegato Renzi, perché «noi crediamo che il Terzo settore, che poi è il primo, sia una grande e indispensabile risorsa».

Casa, scuola, giovani
Il Consiglio dei ministri ha varato un «piano casa da 1 miliardo e 700 milioni» e dal primo maggio partirà il piano Garanzia Giovani, ha annunciato Renzi, spiegando che saranno stanziati 1,7 miliardi per garantire ai giovani (18-29 anni), entro 4 mesi dal titolo di studio, il lavoro o il proseguimento degli studi. Quanto al piano per le scuole, le risorse a disposizione sono 3,5 miliardi e dal 1° aprile sarà attiva presso il Miur una Unità di missione che seguirà il lavoro di rilancio dell’edilizia. Gli interventi relativi all’edilizia scolastica «non creeranno problemi ai sindaci per il patto di stabilità», ha poi aggiunto Renzi, che ha parlato anche di 1,6 miliardi di risorse disponibili, e già computate ai fini del Patto, per la tutela del territorio.

Lavoro
Il Jobs act sarà un disegno di legge delega: «Il ddl è la delega per riorganizzare l’intero sistema del lavoro. Sarà il Parlamento a valutare: c’è l’assegno universale di disoccupazione, il salario minimo, la tutela per le donne in maternità. L’importante è fare veloci».
«Il contratto a termine», ha anticipato, «può valere al massimo tre anni». Sia i contratti a termine che l’apprendistato verranno rivisti con un decreto, con il quale «attuiamo una semplificazione rispetto a due strumenti della Fornero che vengono non dico smontati, ma molto semplificati: il contratto a termine può valere al massimo per 3 anni, applicabile senza causale, con il limite del 20% massimo sul totale dei lavoratori. E poi l’apprendistato: doveva essere agevolato, è stato reso più difficile; lo semplifichiamo».

Coperture
L’aspetto più atteso: per la copertura dei 10 miliardi per il taglio delle tasse il Premier ha annunciato che «partiamo dalla spending review», il cui piano nel 2016 è previsto di 35 miliardi. Renzi ha sottolineato alcuni contenuti del lavoro del commissario Cottarelli, tra cui «iniziative sui beni e servizi, sulla pubblicazione telematica degli appalti pubblici, sulle consulenze e auto blu. Il totale della spending previsto è di 7 miliardi di euro per il primo anno». Renzi ha assicurato che «la copertura è totalmente fatta dal Governo sulla base del risparmio di spesa, dei numeri macroeconomici generali e senza aumento di tassazione». Il piano di spending review di Cottarelli sarà visibile in modo «contestuale con il Def, 15 giorni al massimo», ha assicurato. Dal primo maggio scatterà anche l’aumento della tassazione delle rendite finanziarie dal 20% al 26%, per coprire gli sgravi Irap del 10%. Lo ha annunciato Renzi, sottolineando che non saranno toccati i Bot. Dall’operazione è previsto un gettito di 2,6 miliardi. In ogni caso, ha assicurato, «il Governo italiano non ha intenzione di sforare il limite del 3% nel rapporto deficit-Pil». Spazio anche per un intervento sul parco macchine: «Dal 26 marzo al 16 aprile inizia il percorso di vendita delle auto blu, saranno all’asta, come avvenuto a Firenze».

Riforma del Senato e del Titolo V
«Se non passa la fine del bicameralismo perfetto non finisce solo il Governo, ma considero chiusa la mia esperienza politica». Matteo Renzi rilancia così la sua impresa più difficile, la riforma costituzionale del Senato: «Rischio tutto». E passa ai fatti, presentando un disegno di legge costituzionale recante “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, la soppressione del Cnel e la revisione del Titolo V della parte seconda della Costituzione”.
Il Senato verrà trasformato in un’Assemblea delle autonomie, che «rappresenta le istituzioni territoriali» ma non ha più il potere di dare o togliere la fiducia al Governo. L’Assemblea è composta dai presidenti di Regione, da due membri eletti dai Consigli regionali tra i propri componenti e da tre sindaci eletti da un’assemblea dei sindaci di ciascuna Regione.
«Diamo 15 giorni» al confronto, ha annunciato il presidente del Consiglio, «poi lo portiamo in Parlamento».

È possibile scaricare il testo delle SLIDE usate da Renzi cliccando qui.

È possibile scaricare il testo del DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE cliccando qui.

Guarda il VIDEO INTEGRALE della conferenza stampa:

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.