Rigassificatore e pesca: serve chiarezza

RigassificatoreDa quattro anni è in funzione, al largo di Porto Viro (Rovigo), un importante rigassificatore. Utilissimo ai fini energetici (copre il 10 per cento del fabbisogno di metano in Italia) ma dai dubbi effetti sulla pesca. L’impianto, infatti, assorbe ogni giorno 32mila tonnellate di acqua marina (utilizzata per riscaldare il gas e riportarlo dallo stato liquido a quello aereo), acqua che viene poi ributtata in mare “sterilizzata”.

Secondo uno studio del Wwf di Trieste “l’acqua di mare impiegata nel processo di rigassificazione negli impianti a circuito aperto viene restituita praticamente sterile, inutilizzabile per i servizi ecosistemici che rende all’ambiente. Si ha la perdita quasi totale delle forme di vita veicolate dall’acqua, uova, larve e avannotti, organismi planctonici e si induce artificialmente la selezione di quelle forme batteriche resistenti al processo di clorazione, che formano biofilm sulla superficie dell’acqua”.

Per questo le associazioni dei pescatori veneti e dell’Emilia-Romagna (una flotta di oltre 1400 imbarcazioni per un giro d’affari annuo superiore ai 50 milioni di euro) sono molto preoccupate. Negli ultimi anni segnalano un calo costante del pesce pescato. E la causa potrebbe essere, in parte, proprio il rigassificatore.

“Non voglio accusare nessuno, solo fare chiarezza – afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – per questo ho presentato su questo tema una interrogazione alla Giunta regionale. La necessità di diversificare la nostra politica energetica, rendendoci meno dipendenti dalle fonti fossili, è condivisibile. Ma non deve andare a scapito dell’ecosistema marino. Tanto più che esistono delle ipotesi per un funzionamento diverso del rigassificatore”.

L’impianto, infatti, usa oggi un procedimento industriale “a ciclo aperto”, sfruttando il calore dell’acqua di mare (4,7 gradi) per riscaldare il gas, trasformandolo da liquido in aereo, restituendo poi al mare acqua più fredda. Ma la struttura è già predisposta per funzionare “a ciclo chiuso”, scaldando cioè il metano utilizzando appositi bruciatori, senza usare acqua di mare. Ci sarebbe qualche costo in più, dunque, legato al sacrificio di una quota di gas tra l’1,5 e il 2 per cento.

L’alternativa c’è – prosegue Zoffoli – per questo chiedo alla Giunta, nella mia interrogazione, se concorda sulla necessità di richiedere il prossimo anno, al momento del rinnovo delle autorizzazioni alla società che gestisce l’impianto, l’utilizzo delle migliori tecnologie disponibili, come il ciclo chiuso”.

Nell’interrogazione si chiede anche se la Giunta, in relazione al significativo calo del pescato verificatosi negli ultimi anni, intenda adoperarsi affinché sia istituito un “Osservatorio degli effetti dell’impianto sulla pesca”, in grado di coinvolgere le associazioni di categoria nella predisposizione di nuovi ed approfonditi studi con relativi monitoraggi ambientali da realizzarsi non solo in prossimità dell’impianto ma anche a sud, verso le acque antistanti la nostra Regione.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Rigassificatore e pesca: serve chiarezza

  • Giorgio

    Io non sono uno scienziato ma, visto che esiste il georiscaldamento da anni, perchè non lo si usa per riportare l’acqua di mare al suo valore? Per il plancton so che ci sono metodi per ripopolare.

    Distinti Saluti

  • Carlo Franzosini

    Anche in Croazia, sull’isola di Veglia (Krk) è stato ipotizzato l’insediamento di un rigassificatore.
    Nel 2012 però il Min. Amb. Croato ha bloccato l’ipotesi di un funzionamento “a circuito aperto” per quello specifico progetto. La prima autorizzazione lo prevedeva, ma è decaduta dopo 2 anni senza che i lavori fossero ancora iniziati; alla richiesta di proroga è stato risposto negativamente.
    Notoriamente le risorse di pesca tra Italia e Croazia sono condivise, quindi meriterebbero la medesima “attenzione” da un lato e dall’altro dell’Adriatico. Sembrerebbe però che non sia così, qui da noi i monitoraggi continuano a disquisire del “sesso degli angeli” senza entrare nel merito della questione: quante uova di pesce vengono ingoiate e distrutte dall’impianto.

    Riporto di seguito la traduzione della lettera di diniego, che è dispnibile all’indirizzo
    https://www.dropbox.com/s/oq2olmqzku4ol2w/Min-Amb-HR_DICE-NO_Ocitovanje.pdf

    Oggetto: richiesta di prolungamento della validità della Decisione di Impatto ambientale per il “Terminale per gas naturale liquefatto sulla’ isola di Cherso”

    Si dichiara:

    Per quanto riguarda la vostra richiesta prolungamento della validità della Decisione di impatto ambientale per il “Terminale per gas naturale liquefatto sull’isola di Cherso”, quale è stata rilasciata dal Ministero dell’ambiente e dal Ministero dell’edilizia e pianificazione territoriale del 24 marzo 2010. KLASA:351-03/09-02/69 nr.protocollo:517-12-17

    rispondiamo quanto segue:

    Questo Ministero non può prolungare la validità della Decisione di impatto ambientale riguardo l’ambiente e la rete ecologica per il fatto che gli studi di impatto ambientale hanno trascurato di analizzare la tecnologia di raffreddamento che oggi non può essere considerata la soluzione più accettabile per l’ambiente marino.

    L’acqua di mare che entra nell’impianto ai fini del raffreddamento e alla quale si aggiungono composti di cloro crea, in uscita, comporti chimici in forma di schiuma che influenzano direttamente la flora e la fauna e, soprattutto, distruggono il plancton. Secondo nuove ricerche esistono tecnologie migliori per raffreddamento dell’impianto assolutamente inoffensive per ambiente marino.

    con rispetto

  • Carlo Franzosini

    Anche Porto Viro – come tutti gli impianti “a circuito aperto” – è già dotato sin dalla sua realizzzazione dei dispositivi ausiliari “a circuito chiuso” (i cosidetti “vaporizzatori a fiamma sommersa”) che consentono il funzionamento in inverno quando l’acqua di mare – fredda – non basta da sola a fare la rigassificazione, oppure in caso di avaria del sistema “a circuito aperto”. Non c’è bisogno di modificare l’impianto, nè di installare costose apparecchiature. L’impianto è in grado, in pochissimo tempo, di non arrecare più alcun danno all’ambiente marino, pur rimanendo operativo al 100%.
    Se il monitoraggio ambientale e la VIA non hanno affrontato il problema dell’ittioplancton (uova di pesce), va chiesto di adottare il “Pincipio di precauzione”, in attesa di ulteriori analisi sulla situazione attuale. Si deve evitare l’impiego di acqua di mare, ricorrendo al funzionamento “a circuito chiuso”.

    • La ringrazio, intanto, per questi ulteriori dettagli.
      Sarà mia cura, non appena la riceverò, inviarle il testo della risposta formale dell’Assessore.
      Buon lavoro,
      Damiano Zoffoli