Il banco(posta) vince sempre?

Art.1BISDa tempo, ormai, le Poste italiane non sono più “le vecchie Poste”. Del vetusto servizio pubblico, fatto di lettere da smistare e postini diffusi in modo capillare, è rimasto ben poco: sopraffatte dal debito e dall’incalzare delle e-mail, Poste italiane è stata costretta a cambiare pelle, puntando su servizi bancari, finanziari, assicurativi, nuove forme di consegna e vendita di materiale assortito negli uffici postali. Una mossa che ha permesso alla società di modernizzarsi e rifiorire. A tutto, però, c’è un limite.

“Il dilagare, che pare inarrestabile, dei Gratta e vinci – commenta il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – ha raggiunto anche gli uffici postali. Per questo, assieme al collega Pagani, ho presentato un’interrogazione alla Giunta, per chiedere se non ritenga inconciliabile questo tipo di vendita con le caratteristiche e finalità dell’azienda. È giusto che le Poste cerchino sempre nuove modi per tenere i conti in ordine, ma trovo sbagliato che lo facciano in un settore, quello del gioco, dove il rischio di dipendenza del cittadino è molto alto. Per di più con gli addetti al banco che, in molti casi, sollecitano l’utente a comprare un Gratta e vinci a fine operazione”.

La richiesta dei consiglieri alla Giunta regionale è quella di un impegno anche su questa tipologia di gioco: “Vogliamo che si attivi con le autorità preposte per individuare quali tipologie di esercizio possono essere dedicate alla raccolta del gioco. In Emilia-Romagna ci stiamo battendo per contrastare il gioco d’azzardo patologico, non vorremmo rendere vana l’attività fatta fin qui. È assurdo chiedere ai locali di togliere le videolottery, da un lato, e ritrovarsi dall’altro gli uffici postali pieni di Gratta e vinci”.

Nell’ultimo ventennio lo Stato ha via via reso più facile i giochi un tempo vietati, esplosi negli anni per numero e diffusione. Oggi in Italia ci sono più di 400mila slot machine e videolottery, mentre dall’estate 2011 è stato liberalizzato il settore dei giochi online, disponibili 24 ore al giorno. Il giro d’affari dei giochi è stato stimato nel 2012 in 101 miliardi, 15 dei quali illegali. Su 30 milioni di giocatori, 2 milioni sono a rischio dipendenza e 800mila patologici (10mila in Regione), più del doppio dei tossicodipendenti italiani.

La Regione Emilia-Romagna è stata tra le prime ad occuparsi del tema, con una legge regionale per il contrasto dell’azzardo patologico (luglio 2013) ed un piano per la riduzione del rischio da dipendenza (inizio marzo).

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.