Gli sforzi della Regione per far ripartire i Comuni

Sbloccati 150 milioni di euro: oltre 14,3 milioni agli Enti locali della provincia di Forlì-Cesena. Occorre rivedere le norme nazionali.

Nuove risorse per imprese, Comuni, Province e mondo del lavoro. La Regione Emilia-Romagna ha sbloccato 150 milioni di euro di potenzialità di spesa grazie alla legge regionale in materia di patto di stabilità territoriale: si tratta di risorse che Comuni e Province hanno in cassa ma che, senza l’intervento delle norme previste nella legge regionale, rimarrebbero bloccate a causa della legislazione nazionale.

“La collaborazione tra autonomie locali – afferma il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – è sempre stata un punto chiave dell’azione amministrativa della nostra Regione, anche in questi anni di crisi economica e di tagli. Il patto di stabilità territoriale è un aiuto concreto agli Enti locali, una misura per la crescita che, a partire dal 2010, ha sbloccato risorse per 750 milioni in tutta la Regione (circa 82 milioni in provincia di Forlì-Cesena), e ha permesso a Comuni e Province di fare nuovi investimenti e di pagare i fornitori”.

“Quest’anno – prosegue Zoffoli – per la Regione è stato uno sforzo ancora maggiore, dal momento che le nuove norme nazionali sul patto di stabilità hanno ridotto la nostra possibilità di aiutare gli Enti locali”.

Infatti, la legge di stabilità 2014 ha previsto un taglio di 1 miliardo di euro per le Regioni, ha imposto di attuare il riparto delle quote di patto entro il 15 marzo (e non più il 31 ottobre), riducendo di molto la possibilità di reperire e ottimizzare le risorse, e ha previsto meccanismi fissi di ridistribuzione tra Comuni e Province (25% per le Province, 37,5% per i Comuni con più di 5.000 abitanti e 37,5% per quelli con meno di 5.000 abitanti).

“Di conseguenza, la Regione ha aumentato la propria quota di risorse a disposizione dei Comuni, per evitare che molti Enti locali fossero penalizzati dalle nuove norme nazionali. L’auspicio – conclude il Consigliere Zoffoli – è che Istituzioni, parti sociali e i parlamentari del territorio si impegnino, assieme a noi, affinché il Governo e il Parlamento rivedano le norme recentemente introdotte ristabilendo per la Regione Emilia-Romagna quegli spazi di autonomia che nell’ultimo triennio hanno permesso di raggiungere obiettivi molto importanti per la nostra economia e di soddisfare i bisogni e le richieste dei nostri Comuni, sostenendo in questo modo anche il nostro sistema produttivo”.

 

Saranno 21 gli Enti del territorio, tra Comuni e Provincia, a beneficiare dello sblocco dei fondi:

RER__tabella_fondi sbloccati patto stabilità_2014

 

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.