Fondo sociale: la Regione vede e rilancia

52 milioni di euro per famiglie, adolescenti e interventi sociali.

Confermato l’impegno della Regione Emilia-Romagna sul fronte sociale: nessun capitolo di spesa subirà tagli nel 2014. Al contrario, alcuni filoni d’intervento godranno di finanziamenti in più fino al 60 per cento, grazie anche ai maggiori finanziamenti statali.

Le risorse ammontano in tutto a circa 52 milioni di euro, in crescita del 20 per cento sull’anno precedente. Di questi, 30,8 milioni sono del Fondo sociale regionale (più 2,22 per cento), mentre 21,2 milioni arrivano dal Fondo nazionale politiche sociali, che torna a crescere dopo anni di tagli indiscriminati.

Il riparto è stato approvato nei giorni scorsi e vede confermati i fondi per la promozione sociale (300mila euro) e le quote provinciali per minori e immigrazione (900mila euro). Lieve incremento per i nidi (ai 7,25 milioni per la gestione, confermati, si aggiungono 400mila euro per il consolidamento della qualità), mentre il Fondo comuni singoli passa da 1,26 milioni di euro a 1,46 milioni di euro (più 16 per cento). In questo capitolo di spesa, 210mila euro (somma stabile rispetto al 2013) sono per la lotta alla tratta di persone (sostegno dei programmi di assistenza temporanea e integrazione per le vittime), 550mila per i detenuti (più 59 per cento) con misure di umanizzazione della pena e reinserimento sociale, 700mila (importo confermato) per i centri famiglie, la cui rete sarà consolidata e sviluppata.

A fare la parte del leone è il Fondo sociale locale con 41,76 milioni di euro (più 24 per cento). La quasi totalità del fondo (40,76 milioni) è destinata alla programmazione distrettuale degli interventi sociali e sanitari, il restante milione è diviso tra due novità assolute: 500mila euro vanno al piano per la prevenzione e il contrasto alla violenza di genere e intrafamiliare (secondo le linee di indirizzo recentemente adottate), gli altri 500mila euro al piano per la promozione del benessere e la prevenzione del rischio in adolescenza.

“Quello compiuto dalla Regione Emilia-Romagna – commenta il Consigliere Damiano Zoffoli – è uno sforzo economico importante, tutto rivolto a garantire e incrementare i servizi destinati ai cittadini. È importante, anche in tempo di crisi, continuare a investire su asili nido e famiglie. Un contributo decisivo che non parte certo da oggi, dato che la Regione ha sempre sostenuto gli interventi sociali con un ruolo, in certi casi, non solo di affiancamento ma quasi di supplenza nei confronti dello Stato centrale”.

È possibile consultare le TABELLE di riparto cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.