La riorganizzazione della Croce Rossa non avvenga sulle spalle dei lavoratori

Tutelare i livelli occupazionali e garantire certezze ai lavoratori della Croce Rossa Italiana, anche per assicurare continuità alla qualità dei servizi erogati.

Dal primo gennaio 2014, a seguito dell’entrata in vigore del Decreto legislativo 178/2012 recante “Riorganizzazione dell’Associazione italiana della C.R.I., è mutata la natura giuridica della Croce Rossa Italiana: da ente di diritto pubblico non economico ad associazione di diritto privato.

In Emilia-Romagna – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – questa riforma coinvolge oltre 200 addetti, di cui 74 lavoratori a tempo indeterminato e circa 130 precari, alcuni con oltre 20 anni di servizio. Il Decreto 178 prevede che i singoli Comitati territoriali diventino di diritto privato solo a partire dal 2015, per tutelare i lavoratori e contrattare con i sindacati il passaggio tra il contratto pubblico e quello privatistico”.

Nei giorni scorsi, i sindacati Fp-Cgil, Cisl Fp, Uilpa e Fialp Cisal dell’Emilia-Romagna hanno denunciato come “irricevibili” le prime proposte avanzate dai vertici della Croce Rossa Italiana, sostenendo che non vi siano garanzie sui livelli occupazionali e sui salari.

“Per questo – prosegue Zoffoli – ho presentato un’interrogazione alla Giunta regionale dell’Emilia-Romagna, chiedendole di intervenire presso la Conferenza Stato-Regioni affinché vengano adottate iniziative urgenti per tutelare i livelli occupazionali e garantire certezze ai lavoratori della Croce Rossa, anche per assicurare continuità alla qualità dei servizi erogati nella nostra Regione”.

“Pur essendo assolutamente condivisibile una riforma strutturale della Croce Rossa Italiana, che ne migliori l’efficienza e ne riduca gli sprechi gestionali, è inconcepibile che siano i lavoratori a dover pagare, sulla loro pelle, anni di cattiva gestione dell’Ente” conclude Zoffoli, che ha chiesto anche di “verificare le prospettive delle convenzioni in essere tra le Aziende Usl dell’Emilia-Romagna e la CRI, per evitare di mettere concretamente a rischio alcuni servizi, come gli ambulatori o il trasporto infermi, che sarebbero difficilmente sostenibili con il solo volontariato”.

 È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.