Siamo nati per camminare

Giovedì 3 aprile una delegazione di bambini sarà in Assemblea legislativa per incontrare i Consiglieri regionali.

"SIAMO NATI PER CAMMINARE"

“Siamo nati per camminare” è un progetto rivolto agli studenti e ai genitori delle scuole primarie di tutta l’Emilia-Romagna, per promuovere la mobilità pedonale, soprattutto nei percorsi casa-scuola. Giunta quest’anno alla quarta edizione, la campagna ha contribuito a sensibilizzare famiglie e opinione pubblica attraverso un’azione partecipata che ha visto il protagonismo dei bambini e degli insegnanti.

Valorizzando le esperienze locali già in essere (come i Piedibus e i Bicibus di tante città della Regione), il progetto sottolinea il valore del camminare sotto una pluralità di punti di vista: sostenibilità, risparmio energetico, sviluppo dell’autonomia dei bambini, sicurezza, conoscenza del territorio.

In particolare, l’edizione del 2014 ha voluto riflettere sul rapporto tra mobilità e salute: l’abitudine quotidiana a camminare è un prezioso strumento di prevenzione e di promozione del benessere psicofisico dei bambini (e dei loro genitori), e di diffusione di stili di vita sani.

“Rapidità? Abitudine? Pigrizia? Timore? Qualunque sia la ragione, di fatto, una grandissima parte dei nostri spostamenti avviene in automobile. Si comincia la mattina presto, col portare i figli a scuola, anche se spesso questa si trova a poche centinaia di metri da casa. Eppure – spiega il Consigliere Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Mobilità della Regione – i piedi sono un mezzo di trasporto a volte anche più rapido, di certo antico e naturale, e possono diventare un’abitudine economica e salutare, amica dell’ambiente e delle nostre città. Proprio per questo la Regione Emilia-Romagna, assieme alla rete locale dei CEAS (i Centri di educazione alla sostenibilità) e con il supporto del Centro Antartide di Bologna, ha promosso anche per il 2014 la campagna Siamo nati per camminare”.

Ai genitori dei bambini delle scuole primarie è stata inviata una lettera aperta, firmata da Sindaco, Assessore alla Mobilità e dai responsabili dell’Azienda sanitaria locale, che richiamava i tanti vantaggi che, in tempi in cui obesità e malattie cardiovascolari colpiscono tanti bambini italiani, il camminare ogni giorno può apportare alla salute: benefici al sistema nervoso, alla pressione, alla frequenza cardiaca, al colesterolo, perfino all’umore! La lettera proponeva alle famiglie di camminare di più, a partire dal percorrere la strada da casa a scuola.

Al messaggio rivolto ai genitori, si accompagnava una cartolina dove i bambini erano invitati a disegnare se stessi mentre camminano, a partire da due piedi e un cuore (per richiamare il tema della salute), e scrivere al proprio sindaco un breve messaggio per una città rispettosa di chi cammina. Le cartoline così compilate, e poi raccolte, sono diventate, nei vari comuni, l’oggetto di iniziative pubbliche organizzate su tutto il territorio regionale.

All’edizione 2014 hanno aderito oltre 50 comuni da tutta la Regione (tra i quali Cesena, Cesenatico, Forlì, Meldola, Sarsina, Savignano sul Rubicone e Tredozio) e almeno 30.000 sono i messaggi che i bambini hanno spedito ai sindaci per una città rispettosa di chi cammina.

L’evento finale si terrà a Bologna giovedì 3 aprile: una delegazione di circa 60 studenti, provenienti dai diversi comuni aderenti, arriverà nella sede dell’Assemblea legislativa per presentare i messaggi e i suggerimenti rivolti alle Amministrazioni, che loro stessi hanno elaborato. Per i Consiglieri regionali, oltre che per ascoltare, sarà un’occasione per raccontare ai bambini “cosa fa la Regione”, in particolare sui temi della mobilità sostenibile, della partecipazione e della cittadinanza attiva.

Guarda alcune FOTOGRAFIE dell’edizione 2013:

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Siamo nati per camminare

  • antonio savoia

    I Sindaci, devono avere il coraggio di pedonalizzare il centro storico e non ascoltare i commercianti che vorrebbero che le auto entrassero direttamente in negozio. Inoltre, le piazze non devono essere destinate al parcheggio delle auto come succede a Cesena (p.zza della Libertà, p.zza Aguselli, p.zza S.Domenico, p.zza Fabbri e Almerici). Inoltre, c.so Sozzi trafficatissimo, non ha un marciapiede a salvaguardia dei pedoni e disabili in sedia a rotelle tanto per fare un esmpio. A Bologna se potete fate meno chiacchere e più fatti. La sicurezza stradale non è un optional ma l’insieme di tante azioni amministrative e dei singoli cittadini.

  • antonio savoia

    Aggiungo al mio commento precedente, che ogni Consiglio Comunale dovrebbe eleggere un “Consiglio Comunale dei ragazzi” che, pur non avendo valore istituzionale, può essere portatore delle istanze dei ragazzi. La democrazia è anche questo!!