Il divario digitale passa anche per la conoscenza

Knowledge of the InternetIl divario digitale non si misura solo nel numero di famiglie e imprese non connesse alla rete Internet. C’è un anche un divario culturale, fatto di cittadini non ancora in grado di usare le nuove tecnologie, ormai indispensabili per l’accesso a servizi pubblici e privati.

Così, ai programmi per contrastare il “digital divide”, l’Emilia-Romagna ha affiancato da tempo azioni di lotta al “knowledge divide”. Corsi e attività di alfabetizzazione digitale rivolti in primo luogo a pensionati, disoccupati, casalinghe, stranieri, persone in situazione di fragilità e a rischio di esclusione. Negli ultimi cinque anni sono state più di 12mila le persone coinvolte (donne nel 61 per cento dei casi) nel progetto “Pane e Internet”. Ora un nuovo protocollo d’intesa, siglato nei giorni scorsi, mette sul piatto quasi un milione e 300mila euro per proseguire l’alfabetizzazione digitale e i servizi di supporto alle imprese e ai cittadini, con una particolare attenzione alle fasce deboli e ai cittadini stranieri.

La Regione si impegna poi a sostenere la nascita a livello locale (Comune o Unione di Comuni) di Punti Pane e Internet per avvicinare alle competenze digitali tutti cittadini, in particolare quelli a rischio di esclusione.

“Secondo le ultime stime – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – in Emilia-Romagna ci sono circa 908mila cittadini tra i 45 e i 75 anni non in grado di utilizzare i servizi digitali. Per questo bisogna intervenire sul territorio, a livello di comunità locali, per una grande opera di alfabetizzazione digitale. Non si tratta di semplici corsi, ma di dare modo di esercitare i propri diritti di cittadini digitali”.

Il piano prevede un coordinamento a livello comunale dei “punti pane e Internet” territoriali (luoghi attrezzati di accesso a Internet e ai servizi online, col presidio e l’assistenza di personale opportunamente preparato, oltre che di aggiornamento, sensibilizzazione e informazione). I livelli comunali, a loro volta, saranno collegati al “Centro servizi Pane e Internet di livello regionale”.

In programma anche la realizzazione di 9 Centri giovani, coinvolti con personale in grado di svolgere formazione ai giovani interessati a diventare facilitatori digitali; 200 corsi di alfabetizzazione digitale finanziati dalla Regione; 50 corsi di II° livello quale incentivo della Regione alla creazione di un’offerta di corsi pianificata dai Punti PeI con la partecipazione economica dei cittadini; un centinaio di interventi nell’ambito della cultura digitale; 400/500 corsi di formazione attivati direttamente dagli intermediari digitali (in particolare nell’ambito dei Punti PeI) realizzati attraverso forme di cofinanziamento e con l’utilizzo di corsi online messi a disposizione dal Centro servizi.

Firmatari del nuovo protocollo sono la Regione Emilia-Romagna, l’Ufficio scolastico regionale, i sindacati regionali dei pensionati, il Forum del terzo settore e le organizzazioni degli enti locali, le associazioni di volontariato Auser, Ada, Anteas, Ancescao, Informatici Senza Frontiere, Aica, Arci, Cittadinanza Attiva e le associazioni delle cooperative di consumo e degli enti di formazione Ccda e Coef, la rappresentanza delle piccole imprese Unioncamere regionale, la Fondazione Asphi onlus, la cooperativa Anastasis e l’Ausilioteca, l’Università degli studi di Bologna e l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia (Unimore), l’Inps regionale.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Il divario digitale passa anche per la conoscenza

  • antonio savoia

    Sono partito da zero e considero, in parte, Pane & internet l’approccio sbagliato al computer. Ritengo sia molto importante sapere scrivere e inviare una mail piuttosto che la navigazione spinta in internet. Poi, il metodo di insegnamento è adatto ai più giovani che agli anziani. Inoltre, 5 lezioni sono poche per imparare a gestire una “macchina” che non ammette errori. Altro punto negativo è che non veniamo edotti sui pericoli che la rete comporta. Per quanto riguarda un coordinamento locale della Amministrazione Comunale, aspetto ancora dopo tre anni, una risposta dal sindaco Paolo Lucchi ad un mio suggerimento volto in tal senso.
    Antonio Savoia
    Cesena