Qualche timido segnale positivo per l’economia di Forlì-Cesena

Presentato il rapporto sull’economia provinciale 2013 della Camera di Commercio

Il vecchio mulino dietro il Diagonál di ForlìL’economia provinciale di Forlì-Cesena mostra qualche timido, timidissimo, segnale di ripresa. Ma la strada è ancora lunga e le insidie sul percorso moltissime. E’ quanto emerge dal rapporto annuale sull’economia presentato la settimana scorsa a Forlì dalla Camera di Commercio.

Nel 2013 il valore aggiunto dell’economia provinciale è risultato in calo dell’1,5 per cento. A questo si aggiunge il preoccupante aumento della disoccupazione, il calo delle imprese e il sempre elevato ricorso agli ammortizzatori sociali (cassa integrazione e simili). Solo chi scommette su innovazione e internazionalizzazione riesce a spuntare performance positive.

“Le previsioni per il 2014 – ha spiegato il presidente della Camera di Commercio Alberto Zambianchi alla presentazione del rapporto – stimano una crescita del valore aggiunto provinciale dello 0,9 per cento, un’inversione di tendenza. Permarranno comunque fattori di criticità sui livelli occupazionali, sulla domanda interna e sugli investimenti. La ripresa attesa si delinea fragile, soprattutto se la crescita della domanda estera non riuscirà a trainare anche il mercato interno nel contesto di un Sistema Paese che continua a perdere competitività”.

La disoccupazione provinciale è al 6 per cento, la metà della media nazionale (12,2 per cento) e inferiore rispetto alla media regionale (8,5 per cento).

Venendo ai diversi settori, l’agroalimentare e il calzaturiero reggono, mentre per il settore edile la tendenza è ancora negativa, con un calo piuttosto netto delle imprese e degli occupati. In tenuta anche il turismo, in sofferenza i trasporti, mentre restano numerosi gli sportelli bancari.

Segnali positivi dalla congiuntura manifatturiera nell’ultimo trimestre 2013, con crescita di produzione, di fatturato di ordini interni ed esteri, grazie anche alla performance complessivamente positiva delle esportazioni.

A livello locale, dall’esame dei dati, si rileva che la struttura imprenditoriale nella provincia di Forlì-Cesena presenta 46.395 sedi e unità locali attive (variazione al 31/12/2013, rispetto al 2012: -2 per cento in provincia, -1 per cento in regione, -0,7 per cento in Italia); sono 8.507 le imprese “femminili” (-2,3 per cento), 3.162 quelle “giovanili” (-5,7 per cento) e 2.727 (+0,8 per cento) quelle con titolari stranieri. Sono 8,5 gli abitanti per sedi e unità locali attive (8,6 in Regione e 9,5 in Italia).

“Ovviamente riserviamo grande attenzione ai provvedimenti preannunciati da Roma – ha aggiunto Zambianchi – con l’auspicio che finalmente il Paese inizi a realizzare le riforme che ci porteranno al risanamento dei conti pubblici ed al riavvio della crescita. Espressi questi sentimenti di fiducia, va però detto che le dinamiche di questi anni delineano un quadro in cui si sono persi progressivamente molti punti di riferimento apparentemente consolidati: i governi nazionali appaiono troppo piccoli per le grandi questioni e troppo grandi per le piccole”.

Tra i tanti intervenuti alla presentazione anche il fondatore e presidente di Technogym Nerio Alessandri, che ha ribadito come la Romagna possa far leva sul benessere (la già esistente Wellness valley) per nuove opportunità di sviluppo.

È possibile scaricare il testo del RAPPORTO cliccando qui.

È possibile scaricare le SLIDE di presentazione cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.