Dalla Regione 7 milioni per imprese turistiche e commerciali

Il bando finanzia la riqualificazione energetica di imprese turistiche, commerciali e stabilimenti balneari. Dal 5 maggio al 15 luglio.

Sette milioni di euro per la riqualificazione di imprese turistiche e commerciali, compresi gli stabilimenti balneari dell’Emilia-Romagna.

La Giunta regionale ha approvato un bando per il sostegno a progetti innovativi nel campo delle tecnologie energetico-ambientali volti al risparmio energetico e all’utilizzo delle fonti rinnovabili, attingendo da risorse del Programma operativo regionale Por-Fesr 2007-2013.

Obiettivo è la qualificazione ambientale ed energetica del sistema produttivo regionale e, in particolare, dei settori del commercio e del turismo. Le risorse serviranno a cofinanziare interventi nelle singole piccole e medie imprese finalizzati a promuovere il risparmio energetico, l’uso efficiente dell’energia e la valorizzazione delle fonti rinnovabili.

Per quanto riguarda il turismo, le imprese che possono partecipare al bando sono: strutture ricettive alberghiere o all’aria aperta, case per ferie, ostelli, rifugi alpini, affitta camere, case appartamento vacanza, stabilimenti balneari.

Per il commercio: imprese di commercio all’ingrosso o al dettaglio, di somministrazione al pubblico di bevande e alimenti.

“Le risorse messe a disposizione – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – sono figlie dell’attenzione che la Regione, da sempre, ha profuso nei confronti del turismo e del commercio. In due anni, dal 2012 ad oggi, l’Emilia-Romagna ha investito 16 milioni di euro per l’innovazione e la riqualificazione delle imprese di questi settori. Se analoghe politiche di incentivi fossero state messe in campo anche a livello nazionale sicuramente oggi potremmo contare su un sistema turistico più competitivo”.

Tra gli interventi che il Governo potrebbe attuare, a supporto dell’attività regionale, vi è l’estensione delle detrazioni per le ristrutturazione alle strutture ricettive, la semplificazione amministrativa, incentivi in conto capitale per chi riqualifica.

Tornando al regionale, quello in oggetto è un bando valutativo a sportello, ossia per il cofinanziamento vale la data di presentazione della domanda. Non saranno ammessi interventi che comportano una spesa inferiore a 20 mila euro, il massimo contributo concedibile è pari a 150 mila euro. La percentuale di cofinanziamento va dal 30% al 40% a seconda del punteggio acquisito in base agli obiettivi di risparmio energetico dei singoli interventi. Le domande possono essere presentate dal 5 maggio al 15 luglio.

Informazioni e moduli sono disponibili sui siti regionali: http://fesr.regione.emilia-romagna.it
http://imprese.regione.emilia-romagna.it
http://energia.regione.emilia-romagna.it

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Dalla Regione 7 milioni per imprese turistiche e commerciali

  • Fabrizio

    La nostra regione è la prima in Italia per capacità di gestione e di spesa dei fondi comunitari, Europa e buona amministrazione…la ricetta giusta per contribuire allo sviluppo dei nostri territori!

  • stefano toschi

    Molto bene questa cosa, ma riguardo alla direttiva Bolkenstein, da candidato ROMAGNOLO al parlamento europeo, come intende muoversi? Rimango in attesa di una sua risposta, mi auguro il prima possibile. Stefano Toschi

    • Gentile Stefano,
      eccomi qua.

      La direttiva Bolkestein ha come obiettivo la liberalizzazione generale dei servizi ma non tiene però conto della natura peculiare degli stabilimenti marittimi della nostra Regione. Gran parte delle concessioni della costa romagnola rappresentano, nella pratica, il lavoro di imprenditori che, senza un margine previsionale di medio o lungo termine, sono legittimamente preoccupati di veder vanificati gli sforzi compiuti in anni, nonché gli investimenti realizzati.

      Dopo la chiusura della procedura d’infrazione, e l’apertura di un dibattito in sede Ue sul tema, gli ultimi Governi hanno emanato norme per il riordino delle concessioni demaniali ed in particolare si è disposta la proroga fino al 31 dicembre 2020 delle concessioni esistenti in data del 30 dicembre 2009, e in scadenza entro il 31 dicembre 2015.
      L’attuale Commissario Damanaki ha ammesso che la direttiva Bolkestein, in questi campi, pone vincoli troppo stringenti. La revisione imminente dovrebbe prevedere meno vincoli per gli operatori, e una rimodulazione coerente per singolo Paese (più della metà degli oltre 3 milioni di posti di lavoro nel turismo costiero riguarda il Mediterraneo).

      Personalmente credo che questa revisione sia assolutamente indispensabile ed intendo impegnarmi in questa direzione per favorire la salvaguardia e la riqualificazione dell’offerta balneare del secondo bacino turistico al mondo.

      Grazie per l’attenzione.
      Damiano Zoffoli