Salutiamo le Province, non la Cultura

science book

Semplificare e razionalizzare la macchina pubblica va bene, i tagli però non devono toccare settori vitali. E la Cultura, un settore da 32mila imprese e 78mila addetti in Emilia-Romagna, è certamente uno di questi.

Il processo di “svuotamento” della Province (anticamera alla futura eliminazione) se gestito con leggerezza potrebbe fermare gli interventi in campo culturale: “Se non ci saranno variazioni – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – il settore dello spettacolo perderà risorse pari a 760mila euro, i sistemi bibliotecari oltre 850mila euro, i musei quasi 500mila euro e le istituzioni culturali delle Province subiranno tagli per 1,3 milioni. Per questo, assieme ad altri consiglieri di maggioranza, abbiamo presentato una risoluzione per evitare che queste risorse vadano perdute”.

Di qui la richiesta alla Giunta regionale di “agire in tutte le sedi più opportune perché le risorse destinate alla cultura non diminuiscano con la scomparsa delle Province, ma trovino un utilizzo attraverso il protagonismo delle città metropolitane, delle unioni e associazioni dei comuni oltre che delle città capoluogo”.

Un ulteriore impegno sollecitato nella risoluzione è quello di “integrare il bilancio regionale destinato alla cultura al fine di venire incontro alle diverse realtà ed esperienze che vedrebbero seriamente messa in discussione la loro stessa sopravvivenza”. Anche verificando, in aggiunta, “la possibilità di investimenti integrativi e di diretta presa in carico dei progetti”.

Il rapporto tra Regione e Province sulla cultura si è fatto più stretto vent’anni fa con l’approvazione della legge regionale in materia di promozione culturale (L.R.37/1994), che assegna alle Amministrazioni provinciali un ruolo di primo piano nell’esercizio delle funzioni di programmazione e coordinamento degli interventi e nella realizzazione di progetti per obiettivi specifici. Il rischio ora è che con la trasformazione delle Province questo equilibrio possa spezzarsi.

“La cultura, settore strategico, potrebbe essere un efficace strumento di traino per il rilancio economico – continua Zoffoli – mentre oggi questo patrimonio in termini di reddito e posti di lavoro rischia di essere messo in serio pericolo dalla trasformazione delle Province in organi di secondo livello. Un pericolo da disinnescare trasformando questo passaggio in opportunità, rimettendo mano alle norme e alle risorse destinate alla cultura”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.