Per i giovani agricoltori disponibili 2,4 milioni di euro

Byron Herbert Reece - His Poems and Their Setting in North GeorgiaAltro che braccia rubate all’agricoltura. Stretti tra la crisi economica e un mondo del lavoro dominato dalla precarietà, tanti giovani emiliani e romagnoli stanno tornando a coltivare la terra. E non si tratta di un semplice ripiego, ma di una scelta che può garantire un lavoro serio e decisamente attuale: “Ritornare alle nostre radici – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – in casi come questi non vuol dire solo riscoprire passato e tradizioni, ma scegliere di vivere con un lavoro dall’incredibile utilità sociale. L’agricoltore, infatti, è sentinella sul territorio, presidio nei luoghi a rischio spopolamento, lavoratore in grado di prevenire dissesti idrogeologici, persona attenta alla natura e alla tipicità dei prodotti che consumiamo. Il sostegno offerto dalla Regione ai giovani agricoltori mira proprio a questo: unire le politiche del lavoro e di passaggio generazionale a quelle ambientali, con positive ricadute sociali”.

Il nuovo bando dell’Assessorato all’Agricoltura, in scadenza il 30 maggio, mette sul piatto 2,4 milioni di euro. I nuovi agricoltori che potranno beneficiare dei finanziamenti (previsti dal Psr) andranno ad affiancare le 1600 giovani imprese agricole nate dal 2007 a oggi (con 60 milioni di euro concessi). Le domande, da consegnare in Provincia, possono essere presentate solo da neo imprenditori under 40 che abbiano avviato l’attività dopo il 1° ottobre 2013 e non in grado di partecipare al precedente avviso di bando. Entro metà settembre si saprà chi potrà godere del contributo (da 15mila a 40mila euro).

Analizzando i progetti finanziati ad oggi dal Psr 2007-2013, si rileva come quelli presentati dai giovani tocchino il 25 per cento, raccogliendo il 46 per cento dei contributi per la competitività. Dai dati del censimento delle imprese emerge che le aziende emiliane e romagnole condotte da under 40 sono mediamente più estese (23 ettari contro una superficie media regionale di 14) e allevano più capi (60 contro 54). Molto spesso sono aziende che fanno agricoltura biologica, che diversificano puntando sull’attività agrituristica, che investono di più.

In provincia di Forlì-Cesena erano 167 le domande presentate al 31 dicembre scorso, per poco più di 6 milioni di euro di contributo. “Questi ulteriori finanziamenti – continua Zoffoli – agevoleranno il ricambio generazionale e l’innovazione in agricoltura. Ma l’impegno della Regione non si ferma. Il nuovo Psr 2014-2020 comprenderà altri contributi di primo insediamento ed agevolazioni specifiche per i giovani che vogliono aprire un’azienda agricola in montagna, là dove è ancora più importante presidiare il territorio”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Per i giovani agricoltori disponibili 2,4 milioni di euro

  • Fabio Galeano

    Ma la Regione aiuta solo a quelli sotto i 40 anni?
    Dappertutto leggo solo giovani, ma chi ha superato i 40 cos’è uno da scartare e buttare via?