Nelle bevande a base di frutta c’è bisogno di più frutta

Con un piccolo accorgimento, passare il contenuto di succo dal 12 al 20 per cento, si avrebbero ricadute positive su salute e occupazione.

Day 139 - IF you Run, Jog or Cycle Look below O_OUn impegno comune affinché i succhi di frutta sappiano più… di frutta. È quello che chiedono alla Giunta regionale alcuni consiglieri di maggioranza con una risoluzione presentata all’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna.

“Bisogna mettere in atto tutte le misure possibili per chiedere al Governo l’innalzamento della percentuale di succo naturale nelle bevande analcoliche a base di frutta – spiega il consigliere Damiano Zoffoli, primo firmatario della risoluzione – un provvedimento solo all’apparenza secondario. Alzando questa percentuale, oggi ferma al 12 per cento, incoraggiamo da un lato stili di vita sani e la lotta all’obesità, dall’altro la produzione frutticola, in particolar modo negli agrumeti, con benefici sul piano economico e occupazionale”.

L’agroalimentare made in Italy, infatti, rappresenta il 17 per cento del Prodotto interno lordo, con un giro d’affari a livello nazionale pari a 266 miliardi di euro, ed è una componente trainante dell’export del Paese.

A livello nazionale il legislatore si era già mosso per aumentare la percentuale di succo naturale nelle bevande analcoliche a base di frutta, incappando però nelle critiche dell’Unione europea.

“Prestando maggiore attenzione alle norme – aggiunge Zoffoli – si potrebbe alzare il limite dal 12 al 20 per cento nel pieno rispetto della disciplina comunitaria sulla concorrenza. Per questo abbiamo presentato questa risoluzione sollecitando l’intervento del Governo in un settore che tocca l’economia e la salute dei cittadini”.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Nelle bevande a base di frutta c’è bisogno di più frutta

  • Silvano Foschi

    Caro Damiano,
    non ho il piacere di conoscerti di persona, ma ho il piacere di leggere regolarmente (quasi tutto) ciò che mi spedisci e mi arriva tramite mail.
    Da anni faccio, nel mio piccolo, all’interno del direttivo del mio circolo, la battaglia per il rinnovamento di questo partito PD legato a vecchie prassi, immobile e conservatore. A mio avviso questa politica immobilistica praticata in tutti questi anni dal gruppo dirigente dalemiano è la responsabile di aver creato, con la mancata opposizione alla destra berlusconiana, il clima e la situazione politica, sociale ed economica, favorevole alla presenza grillifera percepita come unica valvola di sfogo, unica possibilità pratica di azzerare un ceto politico autoconservativo, autoreferenziale nonché inadeguato e corrotto. Quindi Renzi rimane l’ultima occasione della politica di fare cose giuste e rimettere in piedi una situazione terribile.
    L’Europa, costruita in un contesto totalmente diverso e con persone diverse, è oggi in gran parte causa di questa situazione terribile; luogo di grandi egoismi praticati a livello nazionale dai più forti a danno dei più deboli; luogo di grandi sprechi, personaggi al soldo di lobby e multinazionali: in una parola oggi si pratica un neocolonialismo teutonico.
    Ti faccio tanti auguri: o cambiate l’attuale situazione o alla prossima occasione voteremo tutti grillo.
    Sì, è solo la parte destruens ma almeno il cambiamento è assicurato, poi si vedrà.
    Silvano Foschi
    Circolo Approdo Ponte Nuovo Ravenna
    PS
    Mi piacerebbe avere una tua risposta ma i politici non rispondono mai: nemmeno Stefano Collina, da me più volte interpellato, mi ha mai risposto.
    Ciao

    • Caro Silvano,
      anche io non ho (ancora!) il piacere di conoscerti di persona, ma ti rispondo volentieri (come cerco di fare sempre, con chi mi scrive).
      E spero che ci sarà anche modo di incrociarci, durante questa campagna elettorale per le Europee: ho in programma, infatti, di fare qualche “incursione” anche a Ravenna.
      Condivido molto di quello che scrivi, ed è il motivo per cui, fin dalla prima ora, ho sostenuto con convinzione e coraggio la battaglia di cambiamento di Matteo Renzi.
      Cambiare il Pd per cambiare l’Italia, era la nostra missione.
      Proprio perché, per tornare ad essere credibile, la classe politica doveva partire dal cambiare se stessa.
      Ora che il Governo Renzi sta davvero cambiando le cose (e ha impresso una bella accelerata anche al percorso di riforme istituzionali e di complessiva semplificazione del nostro Paese), abbiamo finalmente le carte in regola per #cambiareverso anche all’Europa.
      Va in questo senso la disponibilità che ho dato a candidarmi alle elezioni europee, in particolare su richiesta del Pd della Romagna.
      Penso che la nostra terra abbia il diritto e la necessità di essere rappresentata in Europa, per evitare che altri decidano per noi, privilegiando direttive e regolamenti burocratici che passano sopra la testa delle imprese, delle nostre famiglie e dei giovani.
      Serve più Europa (bisogna andare verso gli Stati Uniti d’Europa), ma un’Europa molto diversa da come l’abbiamo conosciuta di qui: lavoriamo per l’Europa dei cittadini, non solo dei tecnici; per l’Europa della speranza, non solo dei vincoli.
      È certamente una sfida difficile (ma, proprio per questo, ancora più bella!), ma assolutamente possibile se in tanti ci crediamo.
      Pertanto ti ringrazio fin da ora se vorrai darmi una mano in questo percorso.
      Crepi il lupo e a presto,
      Damiano Zoffoli

      Ps
      E grazie per l’attenzione che riservi, non da oggi, alla mia attività.