Trasparenza e pulizia per far “ripartire il futuro”

Leggi e provvedimenti puliti possono nascere solo da politici trasparenti e onesti. Per questo ho aderito, appena candidato alle Europee, alla campagna “Riparte il futuro” promossa dall’associazione Libera e dal Gruppo Abele.

Aderendo, mi sono impegnato formalmente per l’istituzione dell’intergruppo europeo contro la criminalità organizzata e la corruzione, attraverso il quale promuoverò gli impegni di Riparte il futuro. Ma, da subito, ho fatto qualcosa di concreto pubblicando sulla pagina di “Riparte il futuro” il mio curriculum e la situazione reddituale e patrimoniale, come richiesto dagli organizzatori. Si tratta di dati già presenti da tempo in questo sito (nella sezione trasparenza), che acquisteranno comunque maggiore visibilità rimanendo come pubblico monito per il mio impegno su questo fronte.

A causa della corruzione e della mancanza di trasparenza il nostro Paese brucia opportunità di crescita e di futuro (un dato della Corte dei Conti indica sommariamente in 60 miliardi di euro le risorse erose dalle casse dello Stato, a cui vanno poi sommati costi indiretti difficilmente quantificabili), soprattutto a svantaggio dei nostri giovani. C’è bisogno di cambiare verso, per ridare speranza. Il mio impegno in questo senso è e sarà totale.

Riparte il futuro è una campagna apartitica e trasversale che ha per obiettivo quello di contrastare il fenomeno della corruzione. Un virus che inquina la vita politica e sociale, genera i disservizi, penalizza il diritto e la meritocrazia, mina la fiducia nelle istituzioni, e disincentiva gli investimenti, in particolare quelli provenienti dall’estero. La corruzione è la tra le cause principali della disoccupazione, fra i problemi più urgenti che siamo tutti chiamati a risolvere.

Sul lungo periodo la campagna si propone di riallineare il Paese agli standard in materia di trasparenza e anticorruzione già adottati da altre democrazie occidentali e di far radicare in Italia una forte cultura dell’integrità.

Nel 2011 la campagna “Corrotti” di Libera e Avviso Pubblico raccolse un milione e mezzo di cartoline in cui si chiedeva l’impegno di governo e Parlamento ad adeguare il nostro codice alle leggi internazionali anticorruzione. Al momento della consegna in Quirinale, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha affermato che rappresentavano “un pezzo della storia d’Italia”. Riparte il futuro, accanto a Libera e al Gruppo Abele, legandosi alla storia di Don Luigi Ciotti, vuole continuare questa battaglia civile con mezzi nuovi, ancora più efficaci.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.