Mi impegno per gli Stati Uniti d’Europa

Manifestazione per gli Stati Uniti d'EuropaUn’Europa che metta al primo posto i suoi cittadini, tutti, non gli egoismi dei diversi Stati nazionali. Dei veri Stati Uniti d’Europa, auspicati sin dal 1941 da Altiero Spinelli e Ernesto Rossi (autori del cosiddetto “Manifesto di Ventotene”). Più Europa dunque, ma un’Europa diversa da quella che conosciamo oggi. Il Movimento federalista europeo (Mfe) si batte da anni per questo obiettivo.

Condividendo la loro battaglia, la settimana scorsa ho firmato a Forlì la dichiarazione d’impegno che il Mfe propone ai candidati. Mi impegno, dunque, a sostenere l’elaborazione da parte del Parlamento europeo di un progetto di revisione dei trattati europei che abbia come obiettivi la creazione di un’unione fiscale ed economica (per completare l’unione monetaria), un quadro istituzionale federale, una convenzione costituente per redigere una Costituzione federale europea.

Sono convinto che solo con la costruzione degli Stati Uniti d’Europa (dotati di un governo efficace e democratico direttamente responsabile di fronte ai cittadini), gli europei potranno uscire dalla crisi più forti di prima. Da questo punto di vista il prossimo Parlamento Europeo dovrà essere il motore di questa azione federalista.

Oggi, più che mai, la visione di Spinelli e dei padri dell’Europa è attuale e necessaria. Definirli precursori è dire poco. Nell’ora più buia del ventesimo secolo, mentre l’Europa era dilaniata dalla guerra e le armate naziste sembravano inarrestabili, c’era chi metteva nero su bianco un progetto di unità europea fondato su pace, cooperazione, superamento degli Stati nazionali. Un progetto ovviamente clandestino, opera di oppositori del regime fascista confinati nell’isola di Ventotene (al largo di Latina): Spinelli, Ernesto Rossi e, di supporto, Eugenio Colorni. Si trattava del “Manifesto di Ventotene”, diffuso clandestinamente nel corso della Resistenza e pubblicato tre anni dopo la fine del conflitto, nel 1948, in un’Italia ormai repubblicana e con una Costituzione fresca di stampa.

Ma in quell’estate del 1941 se gli italiani, e gli europei, avessero potuto leggere quel Manifesto, avrebbero preso per folli gli estensori dello stesso. L’unica unità europea possibile pareva quella hitleriana, con un grande Reich collegato ad una “fortezza Europa” militarizzata e abitata da soli ariani fedeli al pensiero unico nazionalsocialista.

Gli autori del “Manifesto di Ventotene” però, Spinelli in primis, tutto erano meno che visionari. Non vagheggiavano un’utopia, un libro dei sogni, ma un progetto concreto e realizzabile. Un’idea che ha gettato le basi per l’attuale, imperfetta, Unione europea. Un’idea che ha come obiettivo la creazione di veri e propri Stati Uniti d’Europa.

La più felice intuizione del Manifesto è che solo superando le rivalità tra i diversi stati-nazione, e i rispettivi nazionalismi, si sarebbe potuta avere una pace duratura nel vecchio continente, smettendo di intendere i periodi di pace come semplice tempo di riarmo in vista del conflitto successivo. Le Comunità europee prima, e l’Unione europea poi, sono state in grado di garantire quasi 70 anni di pace al nostro continente. Ora è tempo, però, di andare oltre, portando a compimento il progetto federalista.

Nel 1990 la Conferenza intergovernativa per il trattato di Maastricht (istitutivo dell’Unione europea) avviò i lavori sotto la presidenza italiana delle Comunità europee. Tra pochi mesi all’Italia toccherà un nuovo semestre di presidenza: non deve perdere questa storica occasione per arrivare, finalmente, all’Unione politica.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.