Da “Garanzia giovani” una speranza per gli sfiduciati

Partito il Piano da 1,5 miliardi di euro. In Emilia-Romagna disponibili 74 milioni per azioni rivolte ai giovani dai 15 ai 29 anni.

Job Meeting Bari 2013La disoccupazione è sempre un dramma, ma quella giovanile (all’inquietante livello del 42%) porta con sé un fardello ulteriore: può privare i ragazzi della speranza. Per contrastarla ha preso il via, dal primo maggio, “Garanzia giovani”. Si tratta di un Piano nazionale con risorse pari a 1,513 miliardi di euro per il biennio 2014-2015, per assicurare ai ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano una ricca offerta di lavoro, istruzione, apprendistato o tirocinio, autoimprenditorialità o servizio civile. Un ventaglio di possibilità per crescere, acquisire nuove competenze, entrare nel mondo del lavoro.

Il programma è finanziato per buona parte da fondi europei ma, a differenza del Piano Ue (limitato ai giovani fino ai 24 anni), in Italia il Governo ha deciso di estenderlo fino ai 29 anni. Così la platea di potenziali beneficiari, secondo le stime del ministro di lavoro Giuliano Poletti, è pari a circa un milione di giovani rispetto ai 2,25 milioni di inoccupati o scoraggiati.

Per aderire all’iniziativa i giovani dovranno prima di tutto registrarsi attraverso il portale nazionale www.garanziagiovani.gov.it o attraverso i siti attivati dalle Regioni. Una volta scelta la regione in cui lavorare, questa metterà in contatto il richiedente con i Servizi per l’impiego o le Agenzie private accreditate. Poi, in base al profilo del giovane e alle disponibilità territoriali, verrà stipulato un “patto di servizio”, per ricevere un’opportunità entro i quattro mesi successivi.

Sul fronte delle imprese, il Governo ha già coinvolto Confindustria, Finmeccanica e le confederazioni degli agricoltori Cia e Agia.

“L’Emilia-Romagna si è resa disponibile da subito a recepire il Piano del Governo – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – permettendo allo stesso una regolare partenza il primo di maggio assieme ad altre sei regioni italiane. Per il nostro territorio sono a disposizione 74 milioni di euro. Ora bisogna far sì che sempre più imprese diano la disponibilità a essere coinvolte. Questo Piano non è la panacea ai problemi strutturali che stanno alla base della disoccupazione, ma ha un grande pregio: offre speranza agli sfiduciati, rimettendoli in gioco con nuove competenze e contatti sul campo. Di questi tempi non è poco”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.