Il commercio equo e solidale per un’economia a misura di persona

Ho aderito alla Campagna internazionale “#VOTE4FT – Vote for Fair Trade

#VOTE4FT - Vote for Fair Trade - Zoffoli firma a CesenaUn commercio diverso e più equo per una società diversa e più solidale. Chi si impegna, o semplicemente chi acquista, nelle “botteghe del mondo” contribuisce al cambiamento giorno per giorno.

Si tratta di un tema che, non da oggi, mi è caro: nel 2009 sono stato tra i promotori della legge regionale di sostegno al settore che, tra le altre cose, stanzia annualmente risorse per le Giornate del commercio equo e solidale e contributi in conto capitale per l’apertura e ristrutturazione delle sedi delle Botteghe, l’acquisizione di attrezzature e beni strumentali.

Se ho sempre perorato la causa dell’economia solidale, è perché sono convinto che il calcolo del Pil, incentrato sulla produzione di ricchezza, ignori i costi sociali e ambientali dello sviluppo economico. Quando la politica cerca soluzioni per un’economia più giusta, non deve limitarsi a provvedimenti di redistribuzione della ricchezza, bensì agire per coniugare lo sviluppo e il rispetto dell’ambiente, la tutela della dignità del lavoro e della persona, per riorganizzare tutto il sistema economico in virtù dei bisogni reali della società e delle risorse disponibili. In questo percorso per una società più giusta, il ruolo del commercio equo e solidale è una componente decisiva.

Per questo martedì scorso, presso la cooperativa Equamente di Cesena, ho aderito alla Campagna internazionale “#VOTE4FT – Vote for Fair Trade, lanciata in Italia da Altromercato in collaborazione con Agices, mirata a chiedere l’inserimento del tema del commercio equo e solidale nell’agenda politica del prossimo Parlamento europeo.
La campagna chiede, in sintesi, un’economia centrata sulle persone, sui diritti dei lavoratori e dell’ambiente; filiere responsabili, eque e solidali in tutti i passaggi, senza prevaricazioni e abusi di potere; l’ingresso sul mercato europeo di piccoli produttori svantaggiati del Sud del mondo, e non solo politiche commerciali rivolte al benessere economico, sociale ed ambientale di tutti; la promozione dell’equo e solidale a livello locale, regionale, nazionale ed europeo.

Avanti dunque, con convinzione, in questa battaglia per una maggiore sobrietà, contro ogni tipo di spreco e per la dignità del lavoro di milioni di contadini e artigiani oggi marginalizzati!

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.