Una nuova legge per i dialetti e le tradizioni locali

"TE AD CHI SIT E' FIOL?"L’abrogazione della vecchia legge regionale sulla tutela e valorizzazione dei dialetti è stato un errore da correggere. L’ho affermato in passato e lo ribadisco. Alla base di quella cancellazione, nessuna volontà di mandare in soffitta i dialetti, ma la presa d’atto che il provvedimento non era più finanziato. Per questo è finito sotto la scure della semplificazione, assieme a tante altre leggi e regolamenti non più finanziati da tempo.

Gli strumenti comunque, siano leggi o regolamenti, possono cambiare, quello che non deve venire mai meno è l’impegno sul fronte della tutela e valorizzazione dei nostri dialetti. Un impegno al quale ho cercato di dare sempre un mio contributo, organizzando, ad esempio, assieme ad associazioni culturali, studiosi della materia, artisti e tanti appassionati, momenti di approfondimento e manifestazioni conviviali, proprio per tenere vive le nostre radici e la nostra storia.

Questo impegno si concretizza oggi in una forma nuova, un nuovo provvedimento sul dialetto. Una proposta di legge mirata ad un’attenzione ancora maggiore della Regione, ma non solo, ai dialetti. L’iter di questa nuova legge è partito oggi in Assemblea legislativa e mi vede primo firmatario del provvedimento. Si chiama “Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna” e mira a tutelare non solo le lingue, ma anche le tradizioni e la cultura popolare del nostro territorio, con finanziamenti certi per gli anni a venire.

Sono previste azioni specifiche quali la promozione di studi e ricerche sui dialetti locali, anche in collaborazione con Università, centri di ricerca, associazioni culturali ed esperti del settori, la realizzazione di progetti e sussidi didattici nelle scuole per la diffusione della cultura legata ai dialetti dell’Emilia e della Romagna fra le nuove generazioni, privilegiando in particolare gli incontri fra giovani ed anziani nell’ottica dello scambio intergenerazionale; il sostegno alle manifestazioni, agli spettacoli e alle altre produzioni artistiche, alle iniziative editoriali, discografiche, televisive e multimediali mirate a valorizzare i dialetti e le realtà culturali ad essi legate.

Tra le novità, rispetto alla vecchia legge, anche la costituzione di un Comitato scientifico per la salvaguardia, la valorizzazione e la trasmissione dei dialetti dell’Emilia-Romagna con funzioni propositive e consultive, senza oneri a carico del bilancio regionale.

Sono sempre stato convinto del fatto che valorizzare i dialetti non sia un atto di chiusura ma di apertura al mondo. Solo coltivando le proprie radici è possibile un incontro consapevole con gli altri. Le giovani generazioni non devono perdere questo grande patrimonio che rischia di andare disperso.

Un motivo in più per auspicare una rapida approvazione di questo progetto di legge, frutto del lavoro di molti intellettuali e associazioni sensibili alla promozione delle lingue di origine locale.

 

È possibile scaricare il testo del PROGETTO DI LEGGE cliccando qui.
Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.