Last minute market: una guida contro lo spreco

L’Emilia-Romagna diffonde un vademecum per sensibilizzare. Ma è tempo di portare il tema alla ribalta europea

last minute marketUna buona informazione è, da sempre, la migliore alleata del cittadino e del consumatore. Non solo quando si acquista, non solo quando si consuma, ma anche quando… si butta via.

Contro lo spreco alimentare è nato, da una quindicina d’anni, il progetto Last Minute Market. Un modo per far arrivare rapidamente al mondo del no profit (senza magazzini o stoccaggi, dunque) le eccedenze alimentari. Ideato dal professor Andrea Segrè, preside della facoltà di Agraria dell’Università di Bologna, il progetto ha superato ben presto gli stretti recinti del campus diventando, come spin-off, una società operante su tutto il territorio italiano, impegnata a sviluppare progetti volti al recupero dei beni invenduti (o non commercializzabili) a favore di enti caritativi.

Qualche settimana fa la Regione Emilia Romagna ha pubblicato una guida al Last Minute Market per far conoscere questa importante realtà e, soprattutto, stimolare le realtà economiche del territorio ad aderire al progetto.

“Dal 2007 al 2012 – spiega Damiano Zoffoli – i progetti di Last Minute Market attivati in Emilia-Romagna hanno avuto un valore pari a oltre 10 milioni di euro, con il recupero di 2.529 tonnellate di alimenti, 110mila pasti pronti, 12.600 libri e farmaci per 406mila euro. A beneficiarne sono stati 91 soggetti Onlus. Tra meno di un mese, il 5 giugno, si terrà la giornata mondiale dell’Ambiente, dedicata alla lotta allo spreco alimentare. Confido che la diffusione di questa guida possa far aderire, entro quella data, altre nuove realtà”.

La guida non riguarda solo aziende e Gdo, ma tutti i Comuni (ai quali si propone l’adesione all’associazione Sprecozero.net) e i semplici cittadini, perché la lotta allo spreco parte dal carrello della spesa e prosegue nel frigo di casa.

“A questo proposito – continua Zoffoli – mi impegno a portare in sede europea i temi dello spreco alimentare, supportando il documento, presentato il mese scorso dal presidente della Commissione Agricoltura al Parlamento europeo Paolo De Castro, per l’istituzione dell’Anno europeo contro lo spreco alimentare e per il rilancio degli obiettivi fissati dalla Risoluzione “Come evitare lo spreco di alimenti: strategie per migliorare l’efficienza della catena alimentare nell’Ue” approvata nel gennaio 2012. L’obiettivo è quello di dimezzare entro il 2025, come richiesto dal professor Segrè, lo spreco alimentare in Europa”.

E’ possibile scaricare la guida dell’Emilia-Romagna al Last Minute Market QUI.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.