“Contento che Renzi sia contagioso”

“Ogni tanto mi scappa: l’avevo detto io…”

Con Matteo RenziLa VOCE di Romagna – mercoledì 28 maggio 2014.

Per Damiano Zoffoli la porta non è chiusa completamente. “Sono il primo dei non eletti – ha spiegato al telefono, forte delle sue quasi 53 mila preferenze – ma al dopo, se verrà, non ci sto proprio pensando. Se qualcuno rinuncerà al suo incarico (si parla di De Castro pronto a diventare Commissario dell’Agricoltura, ndr) andrò a Bruxelles; altrimenti mi calerò in nuove sfide. L’importante è stare in movimento, mettersi in gioco. Ho dato il massimo e voglio ringraziare tutti”.

“L’aspetto più bello di questa avventura – ha continuato – è aver avuto la dimostrazione di come, fuori dai confini locali, la Romagna serva come ottimo biglietto da visita. Quando in giro per la mia campagna elettorale mi trovavo in Veneto, in Friuli, appena parlavo con il mio marcato accento romagnolo, riscuotevo subito simpatia. E questo è un gran bel segnale per il nostro territorio”.

Renziano della primissima ora, Damiano Zoffoli, era uno dei pochi politici del Pd presente a Cesena quando, anni fa, l’attuale presidente del consiglio fu ospite della città. Non c’erano altre figure istituzionali del Pd a riceverlo, non c’era nemmeno il sindaco a stringergli la mano. Ma si sa… erano altri tempi.

Cosa ne pensa ora che tutti si sentono molto “renziani”?
“Penso che le idee di Renzi si siano allargate a un punto tale che abbiano convinto tutti. È un fatto positivo, non negativo. E chi non ci credeva all’inizio, fa bene a crederci ora. Ad aver cambiato idea. Qualche volta mi è capitato di dire: l’avevo detto io… ma non perché mi ritengo più intelligente di altri, è che nel suo modo di fare e nella sua sfida ho intravisto una strada, un’opportunità. Mi piace molto che il suo messaggio sia quello vincente. La politica, del resto, come funzione, ha anche quella di indicare una strada, una speranza”.

Ora potrebbe sembrare che per Renzi la strada sia tutta in discesa, invece gli appuntamenti di questi mesi a venire sono vitali.
“Speriamo che se la giochi bene – conclude Zoffoli – È un partito democratico, che guarda al futuro, cercando di parlare un linguaggio nuovo. Quello che è avvenuto in Europa per i partiti della sinistra sta arrivando anche in Italia. E lui ha accettato la sfida di cambiare il partito. È un processo in corso. Quando diceva che voleva prendere anche i delusi di Forza Italia, veniva criticato, ma ora si è capito che la politica non è chiudersi, arroccarsi. Restare nella propria torre d’avorio. La politica è avere coraggio, attaccare. E Renzi è un ottimo attaccante”.

(e.b.)

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.