In visita alla stazione meteorologica del Monte Cimone

Sul Monte Cimone

In occasione della Giornata mondiale dell’ambiente, ieri la Commissione regionale “Territorio Ambiente Mobilità” è stata in visita all’Osservatorio meteo dell’Aeronautica Militare e all’Osservatorio climatico del Consiglio Nazionale delle Ricerche sul Monte Cimone (a 2.165 metri slm), nell’Appennino modenese.

“Una seduta speciale – è la motivazione dell’iniziativa voluta dalla Commissione, presieduta da Damiano Zoffoli – che ha il duplice intento di richiamare l’attenzione pubblica e le azioni politiche sulla questione della sostenibilità ambientale, e di valorizzare la stazione di osservazione e ricerca del Cimone, una delle eccellenze presenti sul nostro territorio in campo ambientale e scientifico”.

Al termine della visita, il direttore del Camm (Centro aeronautica militare di montagna), tenente colonnello Attilio Di Diodato, ha guidato gli ospiti, tra cui anche il sindaco di Sestola, Marco Bonucchi, e il presidente dell’Ente di gestione dei Parchi di Modena e Reggio Emilia, Giovanni Battista Pasini, attraverso i laboratori dell’Aeronautica militare per la misura dei gas clima alteranti (anidride carbonica e metano) e nella stazione di osservazione meteorologica del Centro. La Commissione ha poi visitato la stazione di ricerca “Ottavio Vittori” dell’Isac-Cnr, accolti dal responsabile, Paolo Bonasoni, che opera nella stessa base.

La stazione di Monte Cimone, intesa come collaborazione tra Aeronautica militare e Cnr, è la prima e unica stazione in Italia riconosciuta come stazione “globale” all’interno del programma Gaw (Global atmosphere watch) dell’Organizzazione meteorologica mondiale. Solo 28 stazioni nel mondo sono state insignite dello stesso riconoscimento, dovuto alla diversificazione delle misure svolte, alla qualità dei dati prodotti e alla solidità delle organizzazioni che sono in grado di garantire tale qualità nel tempo.
La visita è stata importante anche per illustrare alla Commissione il programma dell’evento che si terrà a Sestola e Monte Cimone il 7 e 8 giugno, in occasione dei 10 anni del progetto “Sentiero dell’atmosfera”, istituito in collaborazione fra Aeronautica, Cnr e Parco del Frignano.

Con il presidente Zoffoli, erano presenti alla visita i consiglieri Paola MaraniMario Mazzotti e Giuseppe Paruolo del Pd, Monica Donini (Fds) e Gianguido Bazzoni (Fi-Pdl).

Il Centro aeronautica militare di montagna opera dal 1937 nel campo della meteorologia classica per l’assistenza alla navigazione aerea e gli aspetti statistico-climatologici e previsionistici, dello studio del clima e dell’ambiente e delle telecomunicazioni. Il Camm, alle dipendenze del Centro nazionale di meteorologia e climatologia Aeronautica di Pratica di Mare, anche grazie alla sua posizione (al centro dell’Italia, con orizzonte libero a 360 gradi e lontano da fonti inquinanti di origine antropica), è una delle poche stazioni al mondo che effettua rilevazioni di gas serra in continuo, in particolare di anidride carbonica, la cui serie storica partita nel 1979 è tra le più antiche in campo internazionale. Altre misure riguardano metano, soleggiamento, radiazione solare, torbidità atmosferica, radiazione ultravioletta Uva e Uvb, raccolta delle piogge acide per il successivo campionamento e, dal 1975, l’ozono.

Il laboratorio “Ottavio Vittori” è un’importante stazione di ricerca dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima (Isac) del Cnr dedicata all’analisi della composizione di fondo dell’atmosfera. È l’unica stazione di alta montagna per la ricerca atmosferica situata a sud delle Alpi e del bacino del Po, e rappresenta una piattaforma strategica per studiare le caratteristiche chimico-fisiche e la climatologia del sud Europa e del bacino nord del Mediterraneo. Il monitoraggio continuo dei composti clima-alteranti, della radiazione solare e dei parametri meteorologici viene svolto dal 1996. L’attività del laboratorio può aiutare a monitorare meglio i cambiamenti della composizione atmosferica, per indagare i processi che influenzano il clima.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.