Ridurre al massimo la produzione di rifiuti e spingere su riuso e riciclaggio

Presentato, dai Gruppi di maggioranza, un nuovo progetto di legge regionale che introduce la tariffa puntuale.

Arte o rifiuti?

Diciannove articoli per recepire quanto previsto dalle diverse norme europee e nazionali per “massimizzare la riduzione della produzione dei rifiuti solidi urbani, l’avvio al riuso dei beni che possono avere ancora vita utile e l’avvio al riciclaggio della rimanente parte dei rifiuti solidi urbani”, oltre a “minimizzare tendenzialmente a zero l’avvio a smaltimento e a recupero diverso dal riciclaggio dei rifiuti solidi urbani”.

Si tratta di un progetto di legge, intitolato “Disposizioni a sostegno della riduzione della produzione dei rifiuti urbani, del riuso dei beni a fine vita, della raccolta differenziata domiciliare con tariffa puntuale e dell’impiantistica funzionale al riuso e al riciclaggio”, presentato dai Gruppi assembleari di maggioranza (Pd, Idv, Sel-Verdi, Fds; prima firmataria la consigliera Gabriella Meo), che punta a questi obiettivi di fondo spostando risorse dalle fasi di smaltimento e di recupero diverse dal riciclaggio verso le fasi di riduzione, riuso e riciclo, favorendo quegli strumenti che si sono rivelati più efficaci a raggiungere questo scopo.

Strumenti che vanno dalle “molteplici azioni rivolte alla riduzione e al riuso dei rifiuti”, alla “riconversione del sistema di raccolta verso la raccolta domiciliare porta a porta, finalizzata al riciclaggio di materia”; dall’introduzione della “tariffa puntuale, legata alla raccolta domiciliare” (anche per responsabilizzare gli utenti, sia le famiglie che le attività produttive, sulla quantità e qualità dei rifiuti prodotti e consegnati al servizio) allo “sviluppo dell’intera filiera impiantistica legata al riuso e al riciclaggio dei beni e delle materie provenienti dai rifiuti”. Il tutto “restituendo ai Comuni maggiori poteri nella gestione dei rifiuti, in particolare per la fase della raccolta”, “regolamentando il tributo speciale e finalizzando il suo gettito agli obiettivi” citati e “incentivando con meccanismi automatici i Comuni che minimizzano i rifiuti destinati a smaltimento o recupero diverso dal riciclaggio”.

Punto centrale del provvedimento – si legge nella relazione che lo accompagna – è la sostituzione del criterio di raccolta differenziata, con quello di minimizzazione dei rifiuti inviati a smaltimento o a recupero diverso dal riciclaggio (ovvero quelli non inviati a riciclaggio, ma a discarica, incenerimento o trattamento meccanico biologico), criterio ormai divenuto centrale nelle politiche europee. Ciò perché troppo spesso il criterio di raccolta differenziata ha portato ad ottenere alte rese tramite l’aumento dei rifiuti urbani anziché la loro diminuzione, aumentando gli sprechi complessivi”.

Il progetto di legge si propone, quindi, di creare le condizioni, soprattutto “con meccanismi economici automatici che agiscono a parità di costi complessivi”, perché siano avvantaggiati i Comuni e le singole utenze che mirano a ottenere i migliori risultati di riduzione dei rifiuti non riciclati grazie ad azioni combinate di riduzione complessiva della produzione dei rifiuti, di riuso dei beni a fine vita e di massima separazione dei rimanenti rifiuti prodotti tramite la raccolta differenziata finalizzata al riciclaggio.

Infine, il testo riprende e completa, anche sotto gli aspetti delle norme tributarie, le proposte di legge di iniziativa popolare sullo stesso argomento presentate e approvate da diversi Consigli comunali di Comuni dell’Emilia-Romagna, nonché dal Consiglio provinciale di Reggio Emilia.

“La proposta di legge – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli – vuole ridare maggiori responsabilità ai Comuni nella gestione dei rifiuti, sia indicando tali Enti come gli unici titolati a stabilire il sistema di raccolta da applicarsi al proprio territorio, sia incentivando una serie di interventi come il riuso dei beni e il riciclaggio delle frazioni che possono essere utilmente trattate in loco, sia l’impiantistica legata al riciclaggio, la raccolta domiciliare porta a porta e altre sperimentazioni di raccolta, purché orientate al miglioramento qualitativo della differenziazione dei rifiuti”.

 

È possibile scaricare il testo del PROGETTO DI LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.