Un Servizio civile più grande e più aperto

Per il 2014 c’è posto per almeno 270 giovani in progetti dai 6 agli 11 mesi.

Emilia - Servizio Civile 2013Il Servizio civile si prepara ad accogliere nuove leve, presentandosi più fresco e attivo che mai, con novità per quanto riguarda i progetti, la platea di giovani candidati e le opportunità di crescita per i volontari. Merito del consueto impegno della Regione Emilia-Romagna e del provvedimento del Governo “Garanzia Giovani”.

Gli enti accreditati hanno tempo fino all’11 luglio per rispondere al bando della Giunta regionale, presentando progetti. Questi andranno a confluire in una banca dati comune tra Servizio civile regionale e “Garanzia Giovani” (quest’ultimo rivolto ai giovani dai 15 ai 29 anni che non studiano e non lavorano).

“La nostra Regione è stata tra le prime a sottoscrivere la convenzione col ministero del Lavoro – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – per questo nel nostro territorio “Garanzia giovani” è attivo già dal primo maggio scorso, offrendo tra le opportunità di formazione proprio il Servizio civile. Raccogliere assieme i progetti permetterà più flessibilità e maggiori opportunità”.

I progetti sono aperti a tutti i giovani fino a 29 anni senza distinzione di cittadinanza (italiani, comunitari ed extra Ue). Una condizione, questa, non nuova per il servizio della Regione Emilia-Romagna (che già da anni aveva aperto il proprio Servizio civile agli stranieri) ma che dopo l’intervento della magistratura è stata estesa al Servizio nazionale.

Per l’anno in corso sono tre i filoni di finanziamento. Il primo vede 507mila euro di fondi regionali per 125 giovani da impegnare in progetti di 11 mesi. Nel caso di progetti più brevi (ma non inferiori a 6 mesi) i posti disponibili aumentano di conseguenza. Il secondo riguarda 35 giovani selezionati (con i medesimi criteri) per progetti finanziati con 150mila euro dal territorio di Reggio Emilia (Fondazione Manodori in primis). Infine, 519mila euro di risorse europee nel biennio per “Garanzia Giovani” per 110 giovani che sceglieranno il proprio progetto tra quelli presentati dagli enti.

A partire dal mese di agosto i giovani residenti in Italia (di qualunque nazionalità), se non impegnati nello studio e nel lavoro, potranno scegliere un progetto di servizio civile nell’ambito di “Garanzia Giovani”. Si tratta, secondo le ultime stime, di 112mila persone (un dato quasi raddoppiato negli ultimi sei anni di crisi) che, in questo modo, potranno acquisire nuove competenze da spendere nel mercato del lavoro. Diversi gli ambiti toccati dai progetti: assistenza, ambiente, beni culturali, educazione e promozione culturale, protezione civile. Il mese seguente gli enti effettueranno invece la selezione tra le domande ricevute, per partire con le attività dal mese di ottobre.

 

È possibile scaricare la DELIBERA con i criteri di presentazione dei progetti di Servizio civile regionale cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Un Servizio civile più grande e più aperto

  • Fabrizio

    Bellissima iniziativa della nostra regione, quella del servizio civile regionale, occorre però sensibilizzare il governo centrale affinché i posti messi a bando per il servizio civile volontario nazionale siano aumentati o quantomeno non ridotti