L’economia solidale come strumento per uscire dalla crisi

Approvato dalla Commissione il progetto di legge regionale che la prossima settimana andrà in Aula.

Festa Kantiere/Mondogas 2012

Riconoscere l’economia solidale “come strumento per affrontare la crisi economica, ambientale e occupazionale”, definire le misure di sostegno “per valorizzare, promuovere e sostenere lo sviluppo dell’economia solidale”, a partire dall’applicazione dei “Sistemi locali di garanzia partecipata” e dalla creazione di “Centri per l’economia solidale”. Ancora: organizzare un Forum regionale per l’economia solidale, creare un Tavolo regionale e attivare un Osservatorio, con un portale web dedicato. Sono questi gli obiettivi del progetto di legge “Norme per la promozione e il sostegno dell’economia solidale”, approvato a maggioranza in Commissione, che la prossima settimana andrà in Aula per la votazione finale.

La proposta di legge, sottoscritta da diversi consiglieri di Pd, Sel-Verdi, Fds, M5s, Idv e Gruppo Misto, evidenzia come l’economia solidale, in Emilia-Romagna, non è qualcosa di astratto, ma è una pratica concreta in molti settori quali “l’agricoltura di prossimità, la diffusione di energie rinnovabili e sostenibili, il riuso e il riciclo, la mobilità sostenibile, il turismo responsabile, la finanza etica, il software libero, l’edilizia basata sulla rigenerazione”.

“Il comportamento degli italiani – spiega il consigliere regionale Damiano Zoffoli, tra i firmatari del testo di legge – si sta indirizzando sempre di più verso scelte di consumo socialmente responsabile. Per questo sostenere l’economia solidale e promuovere le buoni prassi, informando le politiche regionali a questo principio, è il contributo che l’Emilia-Romagna può dare per aprire la strada ad un nuovo modello di sviluppo, sostenibile sia sul piano sociale che ambientale, equo, con al centro non l’individuo come mero consumatore o produttore, ma la persona in relazione con gli altri, il senso di comunità e la solidarietà. L’intento non è quello di assegnare un sostegno economico generico ad alcuni attori del sistema (come, ad esempio, i Gruppi di Acquisto Solidale), ma promuovere realmente, come Regione, tutta la rete di economia solidale, partendo dalle prassi già avviate o in via di definizione nel nostro territorio”.

In Commissione sono poi stati approvati alcuni emendamenti. Nel provvedimento viene così introdotta anche la “Banca del tempo”: uno sportello, fisico e virtuale, che consente, gratuitamente, di sviluppare una rete sociale tra le persone per attivare scambi non economici, bensì relativi a tempo messo a disposizione di altre persone per attività di sostegno.

 

È possibile scaricare il testo del PROGETTO DI LEGGE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to L’economia solidale come strumento per uscire dalla crisi

  • Fabrizio

    Rimettiamo al centro la comunità e le relazioni interpersonali per uscire dalla crisi! la solidarietà tra le persone, l’aiuto reciproco, la condivisione….valgono più di 100 manovre economiche!!