Il marchio anti-macchinette è in mano ai Comuni

Saranno gli enti locali a concedere, e verificare, il marchio “Slot freE-R” agli esercenti che si liberano di videopoker e simili.

Slot MachineUn marchio unico e chiaro, valido in tutta l’Emilia-Romagna, per quegli esercizi pubblici che hanno scelto di dire “no” alle macchinette mangia-soldi. Saranno i Comuni a rilasciarlo e a vigilare sull’elenco degli aderenti.

È quanto prevede una delibera di Giunta regionale, approvata all’unanimità dalla commissione Politiche per la salute dell’Assemblea legislativa. Sarà la Regione a definire il logo “Slot freE-R”, mentre i Comuni, su delega della Regione stessa, saranno il punto di riferimento sia per la pubblicazione che per il rilascio del marchio agli esercizi pubblici liberi da slot-machine.

Si tratta di una modifica al “Piano integrato per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio di dipendenza dal gioco patologico 2014-2016”, che meglio chiarisce la concessione e la verifica del marchio.

“Sono piccoli passi – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – ma solo facendo sistema, e mettendo assieme tante piccole azioni, si può alzare il livello di attenzione nei confronti del gioco d’azzardo patologico, causa della rovina di migliaia di persone e famiglie. Con un logo chiaro e univoco i Comuni potranno premiare quei locali che hanno scelto di mettere alla porta l’azzardo”.

I Comuni, sul cui territorio opera l’esercente pubblico, cureranno l’istruttoria e il rilascio del logo, tenendo aggiornato un elenco (diffuso anche su Internet) degli esercizi che possono fregiarsi del marchio regionale.

Anno per anno ci saranno delle verifiche per il mantenimento del marchio, con controlli sul sito web dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ed eventuali sopralluoghi della Polizia municipale. Il possesso del marchio (come già definito in precedenza) costituirà prerequisito per l’ottenimento di forme di valorizzazione ed eventuali incentivazioni di carattere economico da parte del Comune sul cui territorio viene esercitata l’attività.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.