A sostegno dei progetti per adolescenti e preadolescenti

500mila euro di contributi messi a bando per iniziative di privati. Dei 348mila euro destinati ai territori previsti 31mila euro per Forlì-Cesena.

Tongue - Day 2Quasi mezzo milione di euro destinati ad adolescenti e preadolescenti, messi a bando dalla Regione Emilia-Romagna per interventi educativi e di aggregazione promossi da privati. Questa volta l’attenzione della Regione è rivolta in particolare ai preadolescenti (fascia 11-17 anni), un’età complessa con criticità specifiche.

La somma messa a bando (che si aggiunge al mezzo milione di euro già stanziato, in precedenza, per interventi delle istituzioni) si divide tra 250mila euro per cooperative sociali e 248mila euro per enti privati, oratori e Onlus. Secondo un altro criterio, 150mila euro andranno a sostegno di progetti regionali (almeno 3 province interessate, costo complessivo compreso tra 15mila e 80mila euro), mentre 348mila euro in progetti di valenza territoriale (nell’ambito di un comune oppure di uno o più distretti, costo complessivo tra 5mila e 18mila euro). Il contributo potrà coprire al massimo il 50 per cento dei costi del progetto.

Nel territorio cesenate i budget assegnati prevedono 7 progetti territoriali: tre nel distretto di Forlì (14mila euro circa), due in quello di Cesena (quasi 9mila euro) e due nel distretto del Rubicone (8mila euro). La previsione degli interventi a livello di distretto permetterà una maggiore integrazione con la programmazione territoriale di zona.

“Questo bando è uno dei frutti della legge per le giovani generazioni approvata sei anni fa – commenta il consigliere regionale Damiano Zoffoli – un investimento sui nostri cittadini in crescita, giovani da rendere parte attiva delle proprie comunità. In un tempo nel quale l’individualismo sembra farla da padrone e la chiusura nel proprio io sembra prevalere, con legami sempre più fragili, bisogna riscoprire il valore della persona, che è tale perché in relazione con altri. E il bando vuole premiare proprio progetti mirati all’aggregazione e al coinvolgimento nella propria comunità”.

Il termine di scadenza delle domande è fissato in trenta giorni dalla pubblicazione della delibera (non ancora avvenuta) nel Bollettino ufficiale della Regione, verosimilmente dunque ai primi di agosto.

È possibile scaricare il testo della DELIBERA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.