Renzi: l’Europa cambi o non ha futuro

A Strasburgo il discorso di apertura del semestre di presidenza italiana: ”La grande sfida è ritrovare l’anima dell’Europa”.

Semestre italiano di Presidenza UE, Renzi presenta programma

Membri del parlamento europeo, avete una grande responsabilità, riportare fiducia e speranza nelle istituzioni europee. Sono felice e onorato di rappresentare il mio paese. Che cos’è oggi il dibattito sulla politica europea dopo la crisi che tutti abbiamo vissuto, e anche la crisi politica che stiamo vivendo? Lasciatemelo dire con una battuta. Se oggi l’Europa facesse un selfie che immagine verrebbe fuori? Emergerebbe il volto della stanchezza e della rassegnazione. L’Europa oggi mostrerebbe il volto della noia. Eppure, il mondo fuori di qui corre veloce.

Non vogliamo cambiare le regole, ma vogliamo anche la crescita, così come previsto dal patto fondativo firmato dai nostri padri. Non ci interessa giudicare il passato ma iniziare il futuro.

Le regole e l’obiettivo della crescita
Non vogliamo sottovalutare la questione finanziaria. Esiste un grande tema finanziario, ma l’Italia sostiene che la grande sfida del semestre non sia solo elencare una serie di appuntamenti, che pure ci saranno e spero con la partecipazione delle parlamentari e dei parlamentari, ma la grande sfida è ritrovare l’anima dell’Europa, il senso profondo del nostro stare insieme. Se dobbiamo unire burocrazie, a noi in Italia basta e avanza la nostra. C’è un’identità da ritrovare.

L’Italia non viene qui per chiedere all’Europa i cambiamenti che lei non è in grado di fare. L’Italia viene qui per dire che lei per prima ha voglia di cambiare. E lo fa con il coraggio di chi va nelle istituzioni europee non per chiedere ma per dare.

Come sarà il semestre italiano
Rappresento un paese fondatore che dà ogni anno un contributo importante alle istituzioni europee: diamo di più di quello che prendiamo, e ne siamo felici e orgogliosi. Ma rappresento anche il partito che ha preso più voti di tutti: e li abbiamo presi non dicendo che è colpa dell’Europa, ma che i nostri problemi nascono in Italia, che noi dobbiamo cambiare le istituzioni, la giustizia, la pubblica amministrazione. Sappiamo che prima di tutto dobbiamo chiedere a noi la forza di cambiare se vogliamo essere credibili.

Il nostro semestre può essere un semestre in cui non abbiamo paura di dire che la politica ha una sua dignità. Qui ritroviamo il senso del nostro essere qui. Qui c’è un’Italia che con coraggio e con orgoglio si offre per fare la propria parte.

La questione economica e la discussione dell’ultimo Consiglio non si riduce alla richiesta di alcuni paesi di cambiare le regole. Noi vogliamo rispettarle, ma le rispetta chi ricorda che abbiamo firmato insieme il patto di stabilità e crescita. Non solo di stabilità. E la richiesta non è di un singolo paese, ma per tutta l’Europa.

Non chiediamo un giudizio sul passato, ma vogliamo cominciare il futuro, subito. Il mondo corre al doppio: vogliamo recuperare questo gap o no? Su Ict, su climate change, sul capitale umano. Non ci sarà un’Europa degna di questo nome finché non ci sarà il servizio civile europeo. Non ci sarà nessuno spazio per l’Europa se accetteremo di restare soltanto un puntino su Google maps, se resteremo solo un’espressione geografica. L’Europa deve tornare ad essere una frontiera. Se guardiamo alle carte geografiche vediamo un paese che ha il maggior numero di coste rispetto all’estensione territoriale: siamo una frontiera geograficamente.

Nel nostro semestre dovremo essere capaci di affrontare con forza la questione della semplicità delle nostre istituzioni. Se in questa Smart Europe che vogliamo costruire tutti insieme saremo al fianco di chi ha idee politiche diverse, questo dovrà essere un fatto che ci inorgoglisce. Un’Europa senza il Regno Unito non sarebbe meno ricca ma sarebbe meno Europa, meno se stessa.

Noi e gli altri
L’Italia vuole vivere questo semestre immergendosi in uno spirito europeo con determinazione, in una cornice in cui dobbiamo dire con forza che non si può non ascoltare la voce che chiede libertà all’Europa e che viene dall’Ucraina e contemporaneamente vogliamo dire con decisione che non si costruisce l’Europa contro il nostro maggior vicino.

L’Europa può e deve fare di più per affermare il diritto alla patria del popolo palestinese e per dire che Israele non solo ha il diritto ma ha il dovere di esistere per ricordare a tutti noi il valore della memoria.

Le difficoltà che ci sono in Libia stanno portando a una serie di stragi nel mare nostrum. Stiamo cercando di far fronte ai flussi migratori con operazioni italiane ma riusciremo a far meglio attraverso Frontex plus. Dobbiamo provare a rovesciare l’approccio: l’Africa deve vedere un’Europa protagonista non solo con gli investimenti economici o con la questione energetica, ma anche nella dimensione umana.

Generazione Telemaco
La generazione nuova che abita oggi l’Europa ha il dovere di riscoprirsi Telemaco, di meritare l’eredità dei padri dell’Europa. Io non ero nemmeno maggiorenne quando c’è stata Maastricht. Noi non vediamo il frutto dei nostri padri come un dono dato per sempre, ma una conquista da rinnovare ogni giorno.

Vi invito non solo a ragionare sulle questioni economiche, sui cui ci faremo sentire, ma a riscoprirsi eredi e il diritto di chiamarci eredi e dire che assicureremo un domani a questa tradizione.

Non sono l’Italia e la Francia a chiedere diverse regole del gioco, a noi vanno bene. Diciamo che, continuando a stare fermi negli slogan, non difenderemo neanche i singoli paesi. Si può voltare le spalle all’inno ma non ai problemi reali.

(sintesi dell’intervento del Premier Matteo Renzi al Parlamento europeo, tratta dal quotidiano Europa)

 

Guarda il VIDEO INTEGRALE dell’intervento al Parlamento europeo:

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.